BeBorghi | 3 giorni tra Spalato e le sue isole (Hvar e Solta)

3 giorni tra Spalato e le sue isole (Hvar e Solta)

Scritto da  on 
26 maggio 2016

    Tornare in Croazia è stato come fare un tuffo nel passato per me. Venivo qui con i miei genitori quasi ogni estate prima che scoppiasse la guerra e non ci ero mai più tornata. Facendo un calcolo a spanne, credo siano passati quasi 20 anni, ma ho sempre avuto un ricordo bellissimo della Croazia, sia del suo mare incredibilmente blu che delle bellissime città come Spalato, Dubrovnik, Mostar e le altre. 

    Avevo ancora in mente i palazzi veneziani di marmo bianco, la vegetazione rigogliosa, le calette nascoste e le spiaggette di sassi raggiungibili solo via mare. Non ti nascondo che avevo un po paura, quando ci sono di mezzo i ricordi dell’infanzia il rischio di rimanere delusi è sempre in agguato, ma non è stato affatto così per fortuna!

    Approfittando di un’offerta di Easyjet (che ha un comodissimo volo diretto da Milano da giugno a settembre) ho deciso di trascorrere il week-end lungo del mio compleanno a Spalato con le amiche; avevo 3 giorni pieni ed ho deciso di dedicare un giorno alla visita di Spalato e gli altri due giorni facendo due gite in giornata alle isole di Solta e di Hvar che si trovano lì davanti.

    Spalato

    Spalato ha un centro storico unico e affascinante, essendosi sviluppato dal palazzo costruito dall’imperatore romano Diocleziano nel 295 d.C.

    I vari abitanti che l’hanno occupato nei secoli successivi lo hanno trasformato in un suggestivo dedalo di case, chiese e cappelle e attualmente è uno dei pochissimi esempi di siti archeologici abitati del mondo! All’interno delle mura che delimitavano il palazzo oggi abitano almeno 2000 persone.  Camminare nei vicoli lastricati e lucidi del centro storico è veramente suggestivo, le antiche strutture romane e medievali sono state riconvertite nei monumenti più importanti della città. La cattedrale di San Doimo ad esempio era il Mausoleo di Diocleziano e conserva al suo interno un bel pulpito romanico; ti consiglio di salire anche sul campanile (6 piani a piedi ahimè) per avere la vista del porto e di tutta la città dall’alto che merita.

    Quello che un tempo era il peristilio (il cortile centrale del palazzo) oggi è diventato il cuore simbolico di Spalato, una bella piazza sempre gremita di tavolini da bar, saltimbanchi e persone a passeggio. Fatti una passeggiata anche nel cosiddetto “criptoportico” (portico grande) sopra la porta di bronzo, è veramente buffo vedere i panni stesi sulle finestre di palazzi che un tempo erano le stanze dell’imperatore. 

    Il centro storico si estende anche oltre il palazzo, ma non è immenso e si gira comodamente a piedi in poco tempo. Dal tardo pomeriggio in poi tutte le strade del centro e le piazze si riempiono di gente, Spalato è una città molto viva, è piena di bar, ristoranti e locali, e troverai persone in giro fino a tarda notte. 

    Mezza giornata è più che sufficiente per visitare il centro città, quindi perchè non andare a farsi un bagno? Io sono andata nella spiaggia di Bacvice, verso sud, subito dietro la baia del porto. Ci si va comodamente a piedi dal centro, la parte con la sabbia è piccola, ma ci si può fermare (come fanno moltissimi croati) sul muretto di cemento. Ovviamente non può competere con le spiagge più a sud lungo la costa o con le isole, ma per una rinfrescata e una bevuta sul mare va più che bene!

    Solta

    Su consiglio dell’ufficio del turismo, la prima gita è stata alla volta di Solta, una sonnolenta e discreta isola molto frequentata soprattutto dal turismo locale. Una volta arrivate al porto (ci vuole meno di 1h di traghetto dal porto di Spalato) abbiamo preso un autobus proprio lì davanti per raggiungere la spiaggia di Stomorska. Alle spalle della spiaggia c’è un piccolo villaggio con un paio di bar e qualche ristorante. Sia a destra che a sinistra della spiaggia poi partono dei sentieri che raggiungono altri bei punti di balneazione; la costa è scogliosa ma ci sono delle piccole piattaforme di cemento con le scalette. Noi abbiamo scelto uno di questi punti seguendo il sentiero sulla sinistra e l’acqua era veramente incredibile! Super trasparente e di un azzurro intenso che ha poco da invidiare alla nostra Sardegna. Se vuoi un po di movimento in più puoi seguire invece il sentiero che parte alla destra della spiaggia e raggiungere l’Afrika (una sorta di stabilimento/lounge bar con i lettini); poco dopo c’è il ristorante dove abbiamo mangiato dell’ottimo pesce grigliato vista mare a due lire (che dovrebbe chiamarsi Volat). Una gita perfetta per una giornata di mare fuori dal turismo di massa. 

    Hvar

    Hvar è una delle isole più famose e più belle della Croazia. Chi viene da questa parti non può non visitarla! 

    Dominata dal Repubblica di Venezia, conserva ancora bellissime vestigia di questo periodo, come l’imponente arsenale (poi trasformato in teatro) e la cittadella che sovrasta il paese di Hvar. La cittadina in cui si arriva con il traghetto da Spalato (anche in questo caso ci vuole poco più di 1h) è veramente molto bella, perdetevi nel cosiddetto “groda”, il dedalo di vicoli che salgono dalla piazza della cattedrale (pieni di negozietti, ristoranti e bar) e nelle stradine che seguono i sentieri costieri per raggiungere le spiagge della città alla sinistra ed alla destra del porto. Sopra il groda parte anche il sentiero in salita per raggiungere la cittadella e vale assolutamente la pena farlo: la vista dalla cittadella è insuperabile! Magari evita di farlo a l’ora di pranzo (come la sottoscritta) per non stramazzare sotto al sole!

    Dopo aver visitato il paese (con 2h te la cavi) , siamo andate a fare il bagno nell’isoletta di Jerolimin che si raggiunge con pochi minuti di barca dal porticciolo di Hvar. Jerlomin fa parte dell’arcipelago delle isole Pakleni, 11 isole meravigliose ricoperte di boschi che si trovano ad un passo da Hvar. Anche qui..il paradiso! Un’isoletta che si gira a piedi con un mare stupendo ed una pineta perfetta per rilassarsi all’ombra (c’è anche una famosa spiaggia naturista qui).

    Avendo più tempo vare sicuramente la pena trascorrere a Hvar almeno una settimana, ci sono diversi paesi da visitare e tantissime baie ed isolette per godersi il mare. A differenza di altre isole poi, nel paese di Hvar c’è anche una discreta vita notturna che richiama tantissimi giovani, il che può essere un male o un bene..a seconda della vacanza che cercate; in ogni caso c’è tutto per tutti i gusti, l’importante è scegliere bene dove fare base per visitarla. 

    PS Ti consiglio di comprare il biglietto del traghetto sia di andata che di ritorno con almeno un giorno di anticipo, onde evitare che finiscano i biglietti..Hvar è molto gettonata.

    Altre isole molto belle e molto frequentate che può valere la pena visitare avendo più giorni sono Brac (con la famosissima spiaggia da cartolina di Bol) e Korcula

    INFO PRATICHE

    Dall’aereoporto di Spalato (che si trova 20 km a nord) c’è un autobus che vi porta al porto di Spalato, proprio in centro, davanti ai moli dei traghetti per le isole. Calcola circa 1h o poco meno.

    Per dormire noi abbiamo preso un appartamento nel centro storico su Air B&B; in generale vi consiglio di stare in centro, dove potete raggiungere gli imbarcaderi per le isole a piedi in pochi minuti.

    La Croazia è molto ben organizzata, se andate negli uffici turistici di Spalato e delle isole vi forniscono tutte le informazioni sugli orari dei traghetti, su dove comprare i biglietti e su cosa vedere. Anche le isole hanno gli orari delle barche e dei bus ben indicati (e puntuali).

     

    About

    Autore
    Valentina Borghi
    Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
    Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

    Lascia un commento

    Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.