BeBorghi | Il mio primo glamping tra gli ulivi dell'Umbria

Il mio primo glamping tra gli ulivi dell’Umbria

Scritto da  on 
19 aprile 2016

    Dopo tanti anni, quest’anno ho interrotto la tradizione che mi vedeva sempre a Roma durante il week-end pasquale per partecipare al mio primo blogtour nella magnifica e verdissima Umbria ospitata, insieme ad altre 4 blogger, dall’associazione Ulivolio

    L’associazione Ulivolio nasce dal bisogno di salvaguardare, tutelare e valorizzare il patrimonio olivicolo italiano che si sta riducendo sempre di più a causa degli alti costi di mantenimento e messa in produzione degli uliveti; questo fa sì che molti produttori agricoli italiani abbandonino purtroppo i loro uliveti. Tra i fini (aggiungo molto nobili) di Ulivolio c’è quindi quello di sensibilizzare e divulgare la conoscenza e l’apprezzamento dell’olio italiano (sia tra i consumatori che tra i produttori), così come quello di recuperare questi uliveti abbandonati non necessariamente a fini produttivi, ma anche più semplicemente a fini naturalistici, paesaggistici e ambientali. Penso che chiunque di voi si sia trovato a camminare in un uliveto non possa non riconoscerne la bellezza ed il senso di pace che si prova. L’ulivo è un albero antichissimo, spesso considerato sacro dalle culture che lo hanno utilizzato, è il simbolo di pace e di fertilità per antonomasia, e l’Umbria (insieme alla Puglia alla Toscana ed alla Liguria) è uno dei più grandi produttori di olio italiano di qualità.  

    Appena arrivate in Umbria, siamo state quindi accolte molto calorosamente da Daniela e Massimo (i fondatori dell’Associazione) a Villa Elevia , nel glamping che hanno aperto proprio un anno fa a Montecchio (TR), uno dei borghi medievali più belli d’Italia. 

    Leggendo “glamping” probabilmente avrete pensato ad un refuso, e invece no! In realtà ora faccio la saputella, ma non ne conoscevo il significato neanche io fino a poco tempo fa. Il glamping nasce dall’unione delle parole “camping” e “glamour”, e si riferisce ad un soggiorno immerso nel verde a stretto contatto con la natura, senza però rinunciare al comfort. È una nuova tendenza globale per il travel che risponde ai crescenti sentimenti di eco-sostenibilità e rispetto per la natura di molti viaggiatori (tipo me appunto).

    A Villa Elevia ci sono 4 eco-lodge immersi nel grande uliveto, delle vere e proprie case mobili costruite con legno e altri materiali naturali, tutte con patio privato e porte-finestre scorrevoli per dare maggior continuità al paesaggio (visibile anche dall’interno degli alloggi). Il design è ispirato alle tende africane tipiche dei safari, è semplice ma elegante in ogni dettaglio. Una chicca: la cromoterapia sia in camera da letto che nel bagno! In soldoni, è stato impossibile non rilassarsi qui. 

    Dormire nel lodge è stata un’esperienza veramente bella! Devo ammettere che essere svegliati dal canto degli uccellini e dal sole che filtra tra gli ulivi non ha prezzo (soprattutto per me, ormai abbrutita da troppi anni di vita metropolitana!). 

    Oltre ai lodge, a Villa Eleiva c’è il ristorante (dove abbiamo mangiato tantissime specialità umbre cucinate con ingredienti a Km zero da Graziella), la piscina (con vista sulla valle sottostante), il noleggio di auto elettriche e 5 posti auto coperti. Ma come si fa a non menzionare che Villa Eleiva è anche il primo glamping in Italia dove si può vivere e praticare l’esperienza del food hunting? Ebbene sì, anche questa è stata una nuova e bella scoperta per me. Il food hunting è inteso come “caccia” alla scoperta degli antichi sapori dell’Umbria, dei cibi sani (l’olio in primis) e di tante bellezze artistico-culturali e naturali sotto la guida di un food shopper e tutor. 

    Nello specifico, Daniela e Massimo sono in grado di organizzare eco-tour sempre diversi, che vanno dalle visite ai produttori di specialità enogastronomiche legate al territorio, alle chicche culturali, artistiche, e paesaggistiche di cui l’Umbria è piena. 

    I posti da visitare nei dintorni di Villa Elevia infatti sono moltissimi e la scelta su cosa vedere è stata sempre ardua (mettere d’accordo 5 teste non è mai banale). Alla fine, grazie ai suggerimenti di Massimo, abbiamo optato per l’evergreen Orvieto (con il suo Duomo che è uno dei più belli d’Italia), Alviano (con il bel castello medievale e l’oasi del WWF), Narni (il centro geografico d’Italia), Amelia e lo stesso Montecchio. 

    Anche se tre giorni sono veramente pochi per scoprire tutte le bellezze della regione, sono stati sufficienti a farmi innamorare ancora una volta dell’Umbria, regione stupenda che non visitavo dai tempi in cui vivevo a Roma (dalla preistoria quindi), in cui il rapporto con la natura è più forte che in qualsiasi altra parte d’Italia (non a caso è chiamata il polmone verde d’Italia). Ma sono anche sicura che ogni scusa sarà buona per tornare presto a Villa Elevia 🙂

    Il Glamping Villa Eleiva è aperto da maggio/ giugno a metà ottobre (consultate il sito per le date esatte)

    NOTA: Personalmente, penso che attività come queste promosse da Ulivolio siano molto importanti, soprattutto di questi tempi in cui si sta completamente perdendo il contatto con la genuinità della terra e con l’ambiente; tutto è volto allo sfruttamento massimo ed estensivo del territorio perdendo spesso di vista la qualità della vita e del prodotto stesso. Più ci penso e più mi vedo tra qualche anno in un qualsiasi posto del globo dove mi possa svegliare ed avere davanti un bosco, il mare o perchè no un uliveto…tutto tranne il cemento insomma. Il downshifting è la vera rivoluzione!

    About

    Autore
    Valentina Borghi
    Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
    Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

    Lascia un commento

    Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.