BeBorghi | Pechino, Xian e la Grande Muraglia cinese - by BeBorghi

Pechino, Xian e la Grande Muraglia: le meraviglie della Cina imperiale

Scritto da  on 
20 Ottobre 2015

Sono stata in Cina diverse volte ormai, ma è talmente grande che ci vogliono anni per girarla tutta!

Ovviamente dedico il primo articolo su questa immensa nazione alla capitale Pechino, a Xian (antico punto di partenza e di arrivo della via della Seta) e naturalmente alla Grande Muraglia, alla Cina dei grandi imperatori per intenderci.

Quando andare: Pechino e il nord della Cina hanno un clima simile a quello dell’Italia. Estati calde e umide e inverni freddi (sia a Pechino che a Xian può nevicare). Io ci sono stata sempre in estate e il caldo è abbastanza sopportabile. Xian è più calda di Pechino (d’estate raggiunge i 40 gradi) quindi se soffrite il caldo o avete la pressione bassa, forse è meglio andarci nelle stagioni intermedie.

Il problema più grande in realtà è l’inquinamento e i livelli delle polveri sottili: ci sono dei giorni in cui a Pechino sconsigliano addirittura di uscire di casa!

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Hong Kong

muraglia cinese

Dove dormire

Pechino

  • Sitting on the City Walls Couryyard House: un piccolo hotel/ostello (ha sia camerate che stanze doppie con bagno privato) in un antico hutong ristrutturato molto bello. Comodo per visitare la città proibita e il resto del centro. Personale molto gentile e disponibile (sono in grado di organizzarvi anche la gita alla muraglia, ecc).
  • Peking Youth Hostel: Un ostello molto bello proprio su Nan Luo Gu Xiang. Ha un cafè/ristorante ed una terrazza con vista sul movimento della via. Molto occidentale e poco economico, ma super comodo e bello. Siete nella zona migliore se volete anche un po di movimento serale. PS trovate altri ostelli della stessa catena in altre zone della città.

Xian

A Xian avevo trovato un’offerta su Agoda in un bell’hotel occidentale. Purtroppo non ho ostelli da suggerire (in generale, dormire qui è molto meno caro che dormire a Pechino!).

Pechino

Dove Mangiare

Pechino

  • Lost Heaven: ristorante di cucina del Sichuan, piccante e profumata. Gran bel ristorante proprio attaccato a piazza Tienanmen. Prenotate!
  • Dali Courtyard: un ristorante molto carino in un cortile molto romantico di un vecchio hutong vicino Nan Luo Gu Xiang. Il menù è fisso (nel senso che decide lo chef), e la cucina è quella della Cina sud- occidentale.
  • Din Thai Fung: personalmente sono capace di fare km e km a piedi per andare a mangiare i ravioli in questa catena di Taiwan. Qui trovate i ravioli più buoni del mondo!! Questa catena si trova in diverse città dell’Asia ormai (e anche del mondo..ha aperto a LA e altre città) e spesso i loro ristoranti si trovano all’interno di centri commerciali (per cui farete fatica a trovarli se cercate a livello strada). Quello di Pechino dove vado io si trova all’interno del centro commerciale di lusso Shin Kong Place (sopra alla fermata della metro di Dawanglu). Ordinate i ravioli classici con carne di maiale!!

In generale, trovate tantissimi ristoranti buoni e carini intorno a Nan Luo Gu Xiang e intorno a lago Quianhai (carino anche per fare una passeggiata la sera).

Xian

A Xian vi conviene andare a mangiare a zonzo nel quartiere musulmano. È pieno di bancarelle alimentari e di piccoli ristorantini.

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere in Sichuan (Cina), tra storia, natura e cibo

Pechino

Cosa vedere a Pechino

Quello che colpisce di più quando si va in Cina è l’immensità del tutto, è tutto enorme e sempre pieno di gente, e questa sensazione è amplificata al massimo quando si arriva a Pechino.

Non dimenticherò mai la mia prima volta in piazza Tienanmen: ci ho messo più di mezz’ora per attraversarla! A fatica riuscivo a vedere la fine della piazza. Qui bisogna essere pronti a camminare come degli sherpa. C’è una metropolitana eccellente e facile da utilizzare, ma le distanze sono comunque grandi e ci si deve muovere a piedi. Dimenticatevi di prendere un taxi! A meno che non vi venga prenotato dall’hotel, non riuscirete mai a bloccarne uno per strada; e se anche ci riusciste, vi farà scendere non appena gli farete vedere dove dovete andare (anche se ve l’hanno scritto con gli ideogrammi)…misteri della fede.

Detto questo, Pechino necessita di almeno 4 giorni per una visita dei posti più importanti (considerando una gita di un giorno alla muraglia cinese), ma avrete mille cose da vedere anche se ci restate per 2 settimane!

♥ I miei personal highlights:

 

  • Piazza Tienanmen e la Città Proibita: i luoghi più iconografici di Pechino, non si può non vederli! Piazza Tienanmen è veramente una piazza d’armi, che colpisce solo per le dimensioni. È piena di polizia e si fa fatica ad attraversarla. Al centro della piazza, la coda di persone vi indicherà il Mausoleo di Mao, dove si può vedere la salma di Mao imbalsamata. La parte più significativa della piazza è quella rivolta alle grandi porte d’accesso alla Città Proibita. Dimenticatevi il silenzio e la solitudine che avete visto nel film “L’ultimo Imperatore”! Entrando nella Città Proibita vi troverete a dover combattere con milioni di cinesi che vi urtano per farsi i selfie e scattarsi foto con voi, un’esperienza delirante! Ovviamente va vista, è monumentale e bella, ma condividere la visita con così tante persone fa sì che non avrete che la voglia di arrivare alla fine del percorso.  Sempre in zona, non perdetevi il più silenzioso e moderno edificio del NCPA (National Centre for Performing Arts); il vecchio quartiere Dashilar con i vicoli è invece diventato abbastanza finto e super turistico, ve lo sconsiglio.
  • Parco del Tempio del Cielo: questo è decisamente uno dei posti che mi è piaciuto di più. Si tratta di un complesso di templi all’interno di un parco. Tra tutti, il Tempio della Preghiera è quello che più colpisce, è veramente bello! I templi sono tutti diversi, ognuno unico nel suo genere: IMPERDIBILI
  • Zona degi hutong di Nan Luo Gu Xiang: a nord della Città Proibita c’è tutta una zona fatta di vicoli e antiche abitazioni (gli hutong) più o meno ristrutturate, molto bella e autentica. Su tutte, la via pedonale di Nan Luo Gu Xiang è molto viva, piena di giovani, ristoranti, negozi..un bel mood insomma. Questa zona è molto carina sia di giorno che di sera, ed è anche la zona in cui vi consiglio di dormire.
  • Palazzo d’estate: Abbastanza fuori dal centro città, il palazzo d’estate degli imperatori merita sicuramente una visita. Qui trovate templi, padiglioni e giardini molto belli (sempre invasi da milioni di cinesi ahimè..); dalla collina della longevità si gode una magnifica vista del parco e della città.
  • 798 Art District: un vastissima ex fabbrica di elettronica è diventata il fulcro dell’arte contemporanea cinese. Un posto incredibile (la Pechino radical diciamo)! Decine di gallerie in una specie di cittadella dell’arte. È molto bello perdersi qui dentro. Su tutto non mancate di visitare l’UCCA (Ullens Cennter for Contemporary Arts): qui troverete sicuramente diverse esposizioni di altissimo livello.

Pechino

Pechino

Pechino

La Grande Muraglia

La muraglia si estende per più di 8000 km, ed una parte di essa è raggiungibile da Pechino in giornata. Ci sono diversi punti in cui si può arrivare (non è percorribile ovunque), e di sicuro vi conviene evitare Badaling, il punto più vicino a Pechino e anche il più turistico. Io sono stata a Mutianyu (95 km da Pechino, tutti gli ostelli/hotel vi organizzano la gita) e lo consiglio. Turisti ce ne sono ovviamente, ma c’è spazio per tutti ed il panorama è veramente bello! Arrivati lì si sale in cima con una funivia e, una volta sù, si cammina a piedi lungo la muraglia in entrambe le direzioni.  È una camminata non indifferente, la muraglia è decisamente ripida in alcuni tratti, ma ne vale assolutamente la pena!! Non a caso è considerata una delle 7 meraviglie del mondo.

 

muraglia cinese

Cosa vedere a Xian: il centro storico e l’esercito di terracotta

All’apparenza sembra la classica città cinese, moderna, enorme e anonima. Poi ci si addentra nel centro e si scopre una Xian nascosta, dove si può riconoscere l’antica città di arrivo e di partenza della via della Seta, con un grande quartiere musulmano.

Ha una cinta muraria intatta (che a stento si riconosce tra i grattacieli), una grande moschea che vale assolutamente la pena visitare e la Pagoda della Grande Oca.

Non mancate di farvi un giro in serata tra i vicoli del quartiere musulmano: sembra di stare in un suk arabo! Si mangia molto bene e si respira un’aria completamente diversa rispetto alla Cina “classica”.

Ma il pezzo forte di Xian è sicuramente il notissimo esercito di terracotta, che si trova diversi km fuori dalla città (ci si può arrivare in bus o taxi, concordando di farvi venire a riprendere ad una certa ora).

È stata probabilmente la scoperta archeologica del secolo e merita una visita di un giorno intero. Per quanto lo avessi immaginato tante volte, entrare nella sala più grande è stata un’esperienza incredibile. I capannoni sono diversi, enormi, con centinai di guerrieri a dimensione reale, una cosa incredibile! Tra l’altro si continua a scavare e si vocifera che ne troveranno ancora tanti altri. Anche il museo è molto bello, ci sono dei pezzi incredibili. È qualcosa che toglie veramente il fiato!

Xian vale la visita anche solo per vedere l’esercito ovviamente. Evitate invece di andare alla tomba (tanto osannata dalla Lonely Planet!) dell’imperatore Jindi: dovete pagare un taxi a caro prezzo per arrivarci e non li vale assolutamente. Io sono caduta nella trappola, ma salvatevi almeno voi!

esercito di terracotta

esercito di terracotta

Xian

La Cucina: a mio modesto parere, la cucina cinese è l’unica che se la può battere con la cucina italiana in termini di varietà e bontà delle pietanze. Ci sono 7 grandi cucine regionali, molto diverse l’una dall’altra, ma tutte buonissime. Preparatevi ad ingrassare!

Tra le specialità di Pechino dovete assolutamente provare la famosa anatra alla pechinese appunto e l’hot pot, una specie di fonduta dove l’olio bollente è sostituito dal brodo.

Vuoi portare le informazioni pratiche con te?

scarica il pdf

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.