BeBorghi | Cosa vedere alle Hawaii: tutti i luoghi da non perdere

Cosa vedere alle Hawaii: tutti i luoghi da non perdere

Scritto da  on 
19 Gennaio 2022
  • Oahu- vista su Waimanalo Beach

Ci sono dei luoghi che entrano nel nostro immaginario sin da bambini e diventano immediatamente dei sogni nel cassetto. Ecco, le Hawaii sono state proprio questo per me da quel lontano giorno della mia infanzia in cui ho visto Mago Merlino esclamare “Honolulu!!” , ed è stato poi rafforzato da Magnum P.I. (ognuno ha i riferimenti culturali che si merita!). Da allora ho sempre desiderato visitare le Hawaii e finalmente questo sogno si è avverato!

La prima cosa che mi sento di dirvi, così a bruciapelo, è che le Hawaii sono ancora meglio di quanto ci si possa aspettare e che la loro fama è assolutamente giustificata. Anche le foto più belle non rendono che la metà della bellezza di queste isole!! Le Hawaii sono natura allo stato puro, e questa natura viene venerata e tutelata dagli hawaiani come se fosse un dio. Poi ci sono i vulcani quindi, che ve lo dico a fare? Chi mi segue da un pò sa già quanto io li ami profondamente. Ma la vera sorpresa è stata la diversità incredibile di paesaggi e di ecosistemi: ci sono spiagge paradisiache, vette innevate, immensi crateri, foreste pluviali, deserti di lava, cascate, canyon, barriere coralline e chi più ne ha più ne metta. Pretendere di vedere tutto in un unico viaggio è impossibile, ma in 20 giorni si riescono a vedere molti dei luoghi più belli ed iconici delle Hawaii. In questo articolo ho quindi selezionato i posti che mi sono piaciuti di più nelle 4 isole che ho visitato (Oahu, Big Island, Maui e Kauai), i must da non perdere quando si fa un viaggio alle Hawaii.

Per tutte le informazioni pratiche sull’organizzazione del viaggio vi rimando invece all’articolo Come organizzare un viaggio alle Hawaii

Cosa vedere alle Hawaii

1) Honolulu e Waikiki Beach (Oahu)

Sarà che è stata la prima cosa che ho visto appena atterrata alle Hawaii, ma Honolulu e la spiaggia di Waikiki mi hanno fatto quasi piangere. Temevo l’impatto dei grattacieli e della cementificazione della capitale delle Hawaii, ma in realtà disturba molto meno di quanto si possa immaginare. La spiaggia urbana di Waikiki poi è davvero scenografica; bordata dalle palme, è una spiaggia di sabbia bianca e fine, dall’acqua trasparente, dove si cimentano tantissimi surfisti a tutte le ore. A quanto pare l’onda che si forma qui è perfetta sia per i beginners di questa disciplina nata proprio su queste isole. A ricordarcelo sul lungomare c’è la statua di Duke Kahanamoku, detto The Big Kahuna e considerato il padre del surf moderno. Vedere il tramonto sul mare a Waikiki sorseggiando una Big Wave (la birra locale) è un must assoluto, è la prima cosa da fare quando si arriva alle Hawaii (tanto più che al 99% arriverete a Honolulu). 

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Oahu (Hawaii): da Honolulu alla North Shore
Honolulu - Waikiki Beach
Waikiki Beach - Hawaii
Waikiki Beach al tramonto

2) Hanauma Bay e Waimanalo Beach (Oahu)

Tra le cose da vedere alle Hawaii inserisco sicuramente anche altre spiagge di Oaho come Hanauma Bay e Waimanalo, Waimea. Una cosa che ho apprezzato tantissimo delle Hawaii (tornando al tema della tutela della natura) è che tutte le spiagge sono libere, senza nulla, niente lettini, ombrelloni e via dicendo, ma neanche baracchini o ristoranti. Buona parte delle spiagge e delle zone costiere sono riserve naturali e sono protette. In alcune, leggermente all’interno si possono trovare i bagni,  alcuni tavoli da picnic, e spesso il bagnino nel classico gabbiotto rialzato da Bay Watch. Inutile dire che le spiagge sono tutte pulitissime e no-smoking  (se provate a fumare il bagnino verrà immediatamente a redarguirvi). Tornando alle spiagge di Oahu che meritano di essere viste, la prima e più famosa è Hanauma Bay,  una spiaggia bellissima che si trova a sud est di Oahu. Le sue acque sono trasparentissime e nuotare qui è come nuotare in un acquario. Essendo molto gettonata, è da poco diventata a pagamento e a numero chiuso. Il biglietto si compra on-line da questo sito e costa 25 dollari a persona. Se non volete spendere tutti questi soldi (alla fine ne vedrete tante di spiagge così alle Hawaii), potete pagare 3 dollari per il parcheggio (senza dover prenotare) per vederla almeno dall’alto (e stramerita, vedi foto sotto). Proseguendo lungo la costa, superando la punta dell’isola c’è poi la magnifica spiaggia di Waimanalo, una lunga distesa di sabbia bianca finissima che stacca con il colore dell’acqua che va dal turchese allo smeraldo. 

Hanauma Bay - Oahu
Waimanalo Beach - Oahu
Waimanalo Beach - Oahu

3) North Shore (Oahu)

Che siate o meno dei surfisti o degli appassionati di surf, non potete non vedere la North Shore di Oahu. Con questo nome si indica un tratto di costa settentrionale di Oahu dove si rompono alcune delle onde migliori del pianeta. Da Haleiwa fino a Sunset Beach c’è il famoso “Seven-mile miracle” con Banzai Pipeline, Off the Wall e Waimea Bay. Tra novembre e febbraio qui si possono vedere i migliori surfisti del mondo, ed è sempre qui che si svolgono i mondiali di surf. Se pianificate di trascorrere una giornata qui, vi consiglio di fermarvi a vedere i surfisti lungo il Seven-mile miracle (portatevi da bere e da mangiare perchè troverete poco e nulla lì!) e poi andarvi a rilassare sulla bella spiaggia di Kaiaka Bay ad Haleiwa. Se siete fortunati come la sottoscritta vi dividerete il bagnasciuga con le tartarughe. A differenza delle spiagge della North Shore poi, qui potrete fare il bagno senza rischiare di essere travolti dalle onde (infatti lì non vedrete nessuno nuotare!). 

North Shore - Oahu - Hawaii
North Shore - Oahu - Hawaii
North Shore - Oahu - Hawaii

4) Waipio Walley (Big Island)

Dopo Oahu, ci spostiamo ora a Big Island per un’altra cosa da vedere alle Hawaii: la Waipio Valley. Questa valle, che si trova sulla costa nord dell’isola, è chiamata anche la “Valle dei Re” ed è estremamente fertile. Qui vivevano i re delle Hawaii, insieme ad altri 5000-10.000 abitanti, ed è tuttora considerata un luogo sacro. Oggi vi sono rimaste poche centinaia di agricoltori che coltivano il taro (un tubero che si usa per ricavare farina ed amido), e può capitare di incontrare dei cavalli selvatici. La bellezza di questa valle sta anche, e soprattutto, nelle alte scogliere che la abbracciano sul mare e che delineano una spiaggia di sabbia di nera. Per raggiungerla c’è una strada pavimentata lunga meno di 2 km ma estremamente verticale (la pendenza va dal 25 al 40%). La si può percorrere solo con un 4×4 (e un autista bravo); l’alternativa è percorrerla a piedi (io ho fatto così), senza dimenticare che la salita per tornare poi è abbastanza tosta (ma si fa in un’oretta circa). I più pigri o poco allenati possono anche usufruire di un servizio navetta (a pagamento) che parte dal punto panoramico. Una curiosità, su questa spiaggia hanno girato la scena finale del film “Wateworld”. 

Potrebbe interessarti anche:  Come organizzare un viaggio alle Hawaii
Waipio Valley - Big Island - Hawaii
Waipio Valley - Big Island - Hawaii

5) Volcanoes National Park (Big Island)

Da drogata di vulcani quale sono non potevo non inserire il Volcanoes National Park a Big Island tra i must da visitare alle Hawaii. Questo parco occupa una superficie enorme (più di 800 kmq) e comprende i vulcani Kilauea e Mauna Loa, due dei 5 vulcani che hanno formato l’isola milioni di anni fa. Il Mauna Loa (4169 mt) è il più grande vulcano attivo sulla terra per volume e per superficie di lava eruttata: ha eruttato per 700.000 anni e l’ultima eruzione risale al 2008. Sul Mauna Loa si trova il più importante osservatorio astronomico della terra. Più in basso c’è il Kilauea che ha eruttato in maniera quasi continuativa dal 1983 fino al 2018; a causa di quest’ultima eruzione alcune zone sono ancora chiuse al pubblico e l’attività è costantemente monitorata. All’interno del parco ci sono decine di sentieri dai nomi evocativi “Devastation Trail” o “Chains of Craters Road” dove si cammina tra la devastazione provocata dalla lava durante le diverse eruzioni, ma anche all’interno di foreste pluviali. All’interno del parco è possibile visitare anche un tunnel di lava e raggiungere il mare, nel punto in cui le colate si sono gettate nell’oceano.     

Volcanoes National Park - Big Island - Hawaii
Volcanoes National Park - Big Island - Hawaii

6) Vulcano Mauna Kea (Big Island)

Un’altra cosa imperdibile alle Hawaii, che si trova sempre a Big Island, è il vulcano Mauna Kea (4207 mt), sacro per gli hawaiani. Secondo il mito lì su risiede Poliahu, dea della neve, nemica di Pele, dea dei vulcani. Chiamato “la montagna bianca” per la neve che vi si trova durante tutto l’anno, il Mauna Kea è considerato il monte più alto del mondo con 4207 metri di altezza emersa, cui si sommano 5700 mt sotto il livello del mare. Sulla sua vetta sono stati installati diversi telescopi (ben 13!) tra i più grandi del pianeta, che hanno portato a numerose scoperte, e il cielo che si può vedere da lassù non ha eguali. La vetta è raggiungibile con un’auto 4×4 (e solo con questa!) con il pieno di benzina. Quest’ultima condizione viene controllata, insieme alla trazione dell’auto, al Visitor Center da dei funzionari. Il benzinaio più vicino si trova a più di 50 km di distanza e senza pieno (o 3/4  di serbatoio) non si può salire perchè si rischierebbe di rimanere a secco durante la discesa. Il momento migliore per raggiungere la vetta è nel pomeriggio, per vedere il tramonto, ma partite con largo anticipo (la procedura di controllo delle auto spesso comporta lunghe code). 

Mauna Kea - Big Island - Hawaii
Mauna Kea - Big Island - Hawaii

7) Snorkeling con le mante (Big Island)

Poco al largo della cittadina di Kona, sulla costa ovest di Big Island è possibile fare un’esperienza unica, soprattutto se siete amanti del mare e degli animali. In questo punto infatti è possibile avvistare le mante, chiamate Hahalua in lingua locale, ovvero “due respiri”. Incontrarle ed essere sfiorati da loro è un privilegio ed un portafortuna per i locali, e posso vantarmi di aver assistito e “subito” entrambe le cose. Il modo migliore per vederle è partecipare ad un tour organizzato di snorkeling o di immersioni in notturna. Durante questi tour vengono posizionate delle luci che illuminano il mare dalla superficie verso il fondo, luci che attraggono il plancton e, a catena le mante, che si cibano proprio di plancton. Per mangiare le mante fanno una specie di danza, ruotano e si muovono con grazia, e talvolta arrivano a sfiorare le persone. Io sono letteralmente impazzita! È incredibile vedere questi animali, che raggiungono anche 6 mt di apertura alare, così da vicino, che addirittura ti sfiorano. Un’esperienza che non dimenticherò mai.   

Snorkeling con le mante - Big Island - Hawaii
Snorkeling con le mante - Big Island - Hawaii

8) Road to Hana (Maui)

È arrivato il momento di passare all’isola di Maui, per un’altra cosa da vedere assolutamente alle Hawaii: la Road to Hana, la strada più iconica di tutto l’arcipelago e una delle strade più belle del mondo. La Road to Hana si trova nel nord ovest di Maui e collega Kahului ad Hana. Sono 85 km circa di strada, tutta curve e ponti, che attraversa la foresta pluviale seguendo il profilo della costa. I paesaggi qui sono proprio jurassici (e la scena iniziale di Jurassic Parc è stata girata proprio qui!), con piante altissime, alberi multicolori (come il magnifico Eucalipto Arcobaleno), decine di cascate (in cui spesso si può fare il bagno), giardini botanici e spiagge di una bellezza surreale. Prendetevi almeno un giorno intero di tempo per percorrerla facendo le varie soste lungo il percorso. Da non perdere sicuramente ci sono: le Twin Falls, il Garden of Heaven Arboreum, la penisola di Ke’Anae, la Black Sand Beach (il cui ingresso è da prenotare attraverso questo sito), la Red Sand Beach (pazzesca!) e Hamoa Beach, qualche km dopo Hana. Si può fare in giornata partendo da Kahului (senza soste si impiegano circa 2h), ma vale la pena fermarsi almeno una notte ad Hana secondo me. 

Road to Hana - Maui - Hawaii
Road to Hana - Maui - Hawaii
Road to Hana - Maui - Hawaii

9) Vulcano Haleakala (Maui)

Insieme ai vulcani del Volcanoes National Park e al Mauna Kea a Big Island, l’Haleakala a Maui è uno dei vulcani assolutamente da vedere alle Hawaii. Alto 3055 mt, il vulcano Haleakala (che significa “Casa del sole”) è il più grande vulcano dormiente al mondo, con una circonferenza di circa 34 km e una profondità di oltre 900 metri. L’ultima eruzione risale al 1790. La cosa incredibile è che questo vulcano è facilmente raggiungibile in meno di 2h di auto partendo da Kahului o da altre zone dell’isola. Di fatto si passa dal caldo della spiaggia al piumino sulla vetta in un batter baleno (quindi copritevi!!). La strada che sale è magnifica, ben asfaltata e regala dei panorami mozzafiato; la prima parte attraversa dei boschi, poi lo scenario diventa lunare. Salendo si supera il livello delle nuvole, che rimangono sotto, e ci sono diversi punti panoramici incredibili, come il Leleiwi Lookout e il Kalahaku Lookout. Da quest’ultimo potrete apprezzare i 7 coni vulcani che si trovano all’interno della caldera. Io ho pianto per la bellezza! A quanto pare non solo io, anche Mark Twain ha descritto l’alba vista dall’Haleakala come “lo spettacolo più sublime che abbia mai visto”. Dal 2017 è necessaria la prenotazione online, per arrivare tra le 3 e le 7, e la si può fare al costo di 1 dollaro a partire da 60 giorni prima (ma non è affatto semplice). Per il resto l’ingresso è sempre aperto, h24, quindi potete sempre optare per il tramonto in alternativa. 

vulcano Haleakala - Maui - Hawaii
vulcano Haleakala - Maui - Hawaii
vulcano Haleakala - Maui - Hawaii

10) Waimea Canyon (Kauai)

Se mi chiedeste quale sia l’isola che ho amato di più vi risponderei Kauai. Ebbene sì, secondo me molte delle cose più belle da vedere alle Hawaii si trovano proprio qui, nell’”isola giardino”, come viene chiamata. La prima è sicuramente il Waimea Canyon, un canyon profondo quasi un chilometro e lungo 16 considerato il “Grand Canyon del Pacifico”. Il canyon si è formato nei millenni grazie all’acqua del fiume Waimea che arriva da uno dei luoghi più piovosi al mondo, il vulcano Wailaleale, il punto più alto dell’isola. La cosa incredibile di questo canyon sono i suoi colori, che passano dal rosso al verde, e le tante cascate (come le Waipoo Falls ad esempio) che si gettano nel fiume Waimea. A nord del canyon c’è poi il Kokee State Park che protegge un altipiano coperto da foreste dove è possibile fare tantissimi trekking. Al suo interno si trova anche il Kalalu Lookout, un punto panoramico da cui si può vedere la Napali Coast dall’alto. 

Waimea Canyon (Kauai) - Hawaii
Waimea Canyon (Kauai) - Hawaii
Waimea Canyon (Kauai) - Hawaii

11) Napali Coast (Kauai)

La Napali Coast è in assoluto la cosa che metto al primo posto tra quelle da vedere alle Hawaii. Avevo visto foto e video prima di partire, ma la realtà supera di gran lunga l’immaginazione. In questo tratto di costa, praticamente inaccessibile, che va dalla spiaggia di Kee fino al Polihale State Park, la forza del Pacifico, dei fiumi e del vento hanno scavato il basalto creando delle scogliere dalla forma e dal colore incredibile. Il verde è quasi fluo e le scogliere (Napali significa proprio “alte scogliere”) sono tagliate da stretti canyon dove si gettano cascate altissime . Il risultato è quel paesaggio giurassico meraviglioso che è stato immortalato anche in tanti film come i “Predatori dell’arca perduta”, “King Kong”, “Jurassic Park”, i “Pirati dei Caraibi”. Ci sono diversi modi per vedere la Napali Coast, e io ne ho fatti due per non perdermi quasi nulla. Il primo è vederla dall’alto, sorvolandola con un elicottero senza porte. Non ero mai salita su un elicottero prima ed è stata una delle esperienze più belle della mia vita! Costa un rene (circa 350 euro), ma è una follia che stra-merita. Il secondo è vederla dal mare, con un’escursione che parte dalla costa sud, vicino Waimea (il costo è di circa 150 euro). L’escursione si fa con dei gommoni super veloci in grado di entrare anche nelle diverse grotte formate dalla lava lungo la Napali Coast. Se poi siete nella stagione giusta (ovvero tra dicembre e marzo) con buone probabilità riuscirete ad avvistare balene e delfini. La terza è percorrere il Kalalau Trail, un sentiero di 17 km decisamente impegnativo (almeno nella seconda parte) ed estremamente esposto che costituisce l’unico accesso via terra a questa parte della costa. 

Napali Coast - Kauai - Hawaii
Napali Coast - Kauai - Hawaii
Napali Coast - Kauai - Hawaii

12) Le spiagge di Kauai 

Chiudo questo articolo sulle cose più belle da vedere alle Hawaii con le spiagge di Kauai, anche se ognuna delle quattro isole che ho visto ha spiagge altrettanto belle probabilmente. Diciamo che alle Hawaii si casca sempre in piedi, è praticamente impossibile trovare una spiaggia che non sia all’altezza del nome. Le spiagge di Kauai però mi sono rimaste particolarmente nel cuore. Partendo da ovest e proseguendo in senso anti-orario, le spiagge da non perdere a Kauai secondo me sono:

  • Polihale State Park: la spiaggia più lunga delle Hawaii, una spiaggia super selvaggia alle porte della Napali Coast
  • Poipu Beach: spiaggia paradisiaca, davanti ai resort di Poipu, dove è possibile nuotare con tartarughe, foche e mille altri animali
  • Keālia Beach: la spiaggia dei surfisti vicino al villaggio hipster di Kapaa
  • Kahili Beach: spiaggia selvaggia molto bella sulla foce di un fiume
  • Kauapea (Secret) Beach: non così secret a quanto pare, è una bella spiaggia lunga sotto al faro di Kilauea. 
  • Kalihiwai Beach: spiaggia selvaggia molto bella sulla foce di un fiume, simile a Kahili Beach
  • Anini Beach: spiaggia tropicale, che ricorda alcune spiagge delle Maldive o delle Sechelles. Molto lunga e, in alcuni tratti, anche riparata.
  • Hanalei Beach: una delle spiagge più amate dai surfisti a Kauai, immensa
  • Kee Beach: la prima spiaggia che si raggiunge percorrendo il Kalalau Trail. In inverno c’è troppa risacca e la spiaggia praticamente scompare
Poipu Beach - Kauai
Poipu Beach
Kalihiwai Beach - Kauai
Kalihiwai Beach
Anini Beach - Kauai
Anini Beach
Kalihiwai Beach - Kauai
Kalihiwai Beach
Hanalei Beach - Kauai
Hanalei Beach

About

Autore
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.