BeBorghi | Cosa vedere in Provenza, Camargue e Costa Azzurra in 1 settimana

Cosa vedere in Provenza, Camargue e Costa Azzurra in una settimana

Scritto da  on 
1 Maggio 2022
  • Image Not Found On Media Library

Questo viaggio era partito dall’idea di fare un viaggio in Provenza per andare a vedere i campi di lavanda all’apice della fioritura. Attorno a quest’idea ho quindi studiato un road trip di una settimana ad anello per visitare le gole del Verdon, il Luberon, Avignone, Arles, la Camargue, Marsiglia e le Calanques.  Selezionare cosa vedere è stata durissima! La Provenza è come l’Italia, ogni 10 chilometri c’è un posto stupendo da visitare. Con il senno di poi sono molto orgogliosa dell’itinerario che ho preparato e questo viaggio si è rivelato davvero magico. I campi di lavanda sono ancora più belli di quello che si possa immaginare e questa zona della Francia (vicinissima a noi peraltro) mi ha regalato dei paesaggi e delle emozioni davvero incredibili. Questo viaggio in Provenza è durato una settimana, un tempo più che sufficiente per visitare tantissimi bei luoghi. Le distanze tra un posto e l’altro sono minime e le strade sono molto belle, in ottimo stato e decisamente panoramiche. Quando sono tornata avevo l’impressione di esser stata via un mese per quante cose avevo visto! In questo articolo trovate alcuni consigli pratici sul viaggio e tutte le cose da vedere in Provenza, Camargue e Costa Azzurra in una settimana. 

Come raggiungere la Provenza e come spostarsi

La Provenza si trova ad un tiro di schioppo dall’Italia. Se partite dal nord dello stivale potrete tranquillamente fare questo itinerario partendo con la vostra auto (Nizza si trova a poco più di 3 ore da Milano). In alternativa potete volare su Nizza o su Marsiglia e noleggiare un auto direttamente in aeroporto. Per risparmiare un pò, io di solito prenoto il noleggio auto con un minimo di anticipo tramite il sito di Rentalcars. Per evitare fregature, ricordatevi di controllare sempre il voto e le recensioni che gli utenti danno alle varie compagnie di autonoleggio. Li trovate sul sito stesso di Rentalcars, ma potete fare un doppio controllo anche su Trustpilot. Alcune compagnie offrono prezzi stracciati ma poi offrono un servizio pessimo. 

Quando andare in Provenza per la fioritura della lavanda

Il periodo ottimale per andare in Provenza e vedere la fioritura della lavanda è tra la fine di giugno e la metà di luglio. Io sono andate la prima settimana di luglio ed era incredibile! C’erano tantissimi fiori e l’odore della lavanda si sentiva per chilometri anche con i finestrini chiusi, un sogno. 

Dove dormire in Provenza

Queste sono le strutture dove ho dormito io e che mi sento di consigliarvi:

  • Le relais d’Elle (Forcalquier) è una stupenda casa di campagna a pochi km da Forcalquier. E’ un posto magico. Ha la piscina ed offre una super colazione con marmellate e prodotti homemade dalla gentilissima padrona di casa. È il posto che mi è piaciuto di più!!!
  • Hotel Mignon (Avignone) è un piccolissimo hotel nel centro di Avignone. Niente di speciale ma super comodo per visitare la città a piedi. Buon rapporto qualità/prezzo.
  • Hotel Le Belvedere  (Arles). Un hotel moderno, molto carino, che si affaccia una bella piazzetta nel centro di Arles. Buon rapporto qualità/prezzo.
  • Hotel Mama Shelter (Marsiglia). Un design hotel a 4 stelle molto bello progettato da Philip Stark e facente parte della catena Mama Shelter. Prenotando online con un po di anticipo si trovano tariffe molto vantaggiose. L’hotel è molto bello, non in centro, ma in una bella zona. Da qui ci si può comunque muovere a piedi per andare quasi ovunque. Organizzano anche aperitivi e serate.
Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere in Camargue

Relais d'Elle - Provenzaprovenza

Itinerario di una settimana tra Provenza, Camargue e Costa Azzurra

  • Giorno 1– viaggio da Milano+ Grasse (notte a Castellane)
  • Giorno 2– gole del Verdon e campi di lavanda a Valensole (notte a Forcalquier)
  • Giorno 3– Forcalquier, Colorado Provencal, Gordes e l’abbazia di Sénanque  (notte ad Avignone)
  • Giorno 4– Avignone e Fontaine de Vauclause (notte ad Avignone)
  • Giorno 5– St. Remy e Beaux-de-Provence (notte ad Arles)
  • Giorno 6Arles e gita in Camargue (notte a Marsiglia)
  • Giorno 7– Marsiglia (notte a Marsiglia)
  • Giorno 8– Calanques e rientro in Italia

Se avete meno giorni a disposizione, potete ridurre l’itinerario a 4 giorni in questo modo:

Itinerario di 4 giorni in Provenza

  • Giorno 1– viaggio da Milano+ Grasse (notte a Castellane)
  • Giorno 2– gole del Verdon e campi di lavanda a Valensole (notte a Forcalquier)
  • Giorno 3– Forcalquier, Colorado Provencal, Gordes e l’abbazia di Sénanque  (notte ad Marsiglia o a Aix-en-Provence)
  • Giorno 4– Marsiglia/Aix-en-Provence e rientro in Italia

provenza Itinerario

Cosa vedere in Provenza in una settimana

Le gole del Verdon e Moustiers-Ste-Marie

La prima cosa da vedere in Provenza sono loro, le incredibili gorges du Verdon, le gole più profonde d’Europa. Questo spettacolare Grand Canyon è lungo 21 chilometri e si sviluppa tra Castellane e Moustiers-Ste-Marie. La strada panoramica che si percorre per arrivare da una parte all’altra è piena di punti panoramici a strapiombo sulle gole e sul fiume le cui acque sono incredibilmente cristalline. Qui si possono fare diverse attività (rafting, canoa, ecc) o più banalmente farsi il bagno nelle magnifiche acque del lago che si apre alla fine della gola. Vicino al lago c’è il paesino arroccato di Moustiers-Ste-Marie, decisamente turistico, ma veramente molto bello e meritevole di una sosta. Sembra di essere intrappolati nel film “Chocolat”. 

gorges du verdon - Costa azzurra

Valensole e i campi di lavanda

I campi di lavanda in fiore  saranno probabilmente la cosa principale che vorrete vedere in Provenza. I campi più “eclatanti”, quelli che si vedono sempre sulle brochure della Provenza, si trovano intorno al piccolo villaggio di Valensole, lungo la strada che va da Riez a Manosque. Si capisce che si sta arrivando nella zona giusta dall’odore che pervade tutto e attraversa perfino i finestrini delle auto. Questi paesaggi della Provenza sono da cartolina e non deludono assolutamente le aspettative, anzi. L’unica pecca sono le api, sopratutto se, come me, non le amate particolarmente. I filari di lavanda in fiore sono pieni di api ronzanti e camminare tra un filare e l’altro è abbastanza stressante. Ad ogni modo vi consiglio di andarci nel pomeriggio, quando la luce è più bella,  è il momento perfetto per fare delle foto spettacolari. I campi sono tantissimi e si estendono per diversi chilometri quindi non fermatevi ai primi che incontrerete, ma andate avanti a cercare quelli più belli. 

provenza

Forcalquier e il Colorado Provencal

Forcalquier è un peasino davvero carino nella regione del Luberon; il borgo domina la campagna circostante e il suo profilo è visibile già da diversi chilometri intorno. Se riuscite, organizzatevi per passarci di lunedì, che è il giorno del mercato, quando la cittadina si anima e diventa molto vivace. Salite a piedi sulla cittadella per avere una vista a 360 gradi sulla campagna circostante e perdetevi nelle piazzette della città vecchia, tra bancarelle, boulangerie e bar all’aperto. Forcalquier è poi la base perfetta per visitare il Colorado Provencal, un ex cava di ocra e di ferro che ricorda i paesaggi americani del far west.  Ci si avventura all’interno di questa cava attraverso tre percorsi a piedi nel bosco. La cava ha assunto forme suggestive e i colori, che vanno dal giallo ocra al rosso intenso, ricordano davvero i grandi parchi americani dell’Arizona o dello Utah. 

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Parigi in 4 giorni

provenza

Colorado provencal - Provenza

Gordes e l’abbazia di Sénanque

Dal Colorado Provencal impiegherete poi meno di mezz’ora per raggiungere la cittadina arroccata di Gordes, uno dei paesaggi più fotografati di tutta la Provenza. Questo pittoresco villaggio collinare è molto amato dall’intellighenzia francese che frequenta assiduamente la zona e il borgo è pieno di ristoranti, cafè e costosi negozi d’arte e di artigianato. Il momento migliore per visitarlo è sicuramente il tramonto, quando le pietre delle case e i campi intorno diventano dorati. Subito sotto Gordes c’è poi l’abbazia di Sénanque, un’altra delle attrazioni che si vedono sempre quando si parla di Provenza. Questa grande abbazia cistercense del XII secolo è tuttora in uso come monastero, ma è comunque possibile visitare la chiesa, i chiostri e le sale principali. Alla fine della visita si possono anche acquistare i prodotti del lavoro dei monaci, tra cui profumi, saponette, marmellate, liquori, essenze e tanto altro. Vederla con i campi di lavanda in fiore è sicuramente un plus assoluto, anche per scattare delle foto da cartolina. 

abbazia di senanque-Provenza

Gordes - Provenza

Avignone

Avignone probabilmente non ha bisogno di tante presentazioni. La città è uno dei principali centri artistici della Francia e fu anche la capitale della chiesa cattolica nel primo Medioevo. Il suo centro storico è racchiuso all’interno delle mura (sempre medievali), all’interno di un ansa del fiume Rodano.  Tutti i monumenti principali si trovano all’interno delle mura e su tutti spicca l’imponente Palais des Papes (il Palazzo dei Papi).  Costruito come fortezza nel XIII secolo, il palazzo in realtà è costituito da diversi edifici ed è possibile visitarlo seguendo un percorso lineare. Se siete interessati alla storia del palazzo e della città vi consiglio di partecipare a questa visita guidata che dura 2h e mezza che include sia il palazzo che il centro storico di Avignone. A partire dalla seconda settimana di luglio e per tre settimane poi si svolge il Festival di Avignone ed è il periodo più bello per visitare la città (anche se i prezzi chiaramente salgono). Il festival è dedicato soprattutto al teatro, ma ci sono anche concerti di musica classica, danza, conferenze e mostre sparse per tutta la città. 

provenza

Fontaine de Vauclause

Fontaine de Vaucluause è quella che in Italia chiamiamo la Valchiusa, ovvero le famose “chiare fresche e dolci acque” del Petrarca.  Devo ammettere che c’è del tenero fra me e Fontaine de Vauclause, ci sono stata la prima volta più di 20 anni e fa e ci sono tornata tutte le volte in cui mi trovavo ad attraversare la Provenza. È una delle gite più belle che si possono fare da Avignone e vale assolutamente una visita. Il villaggio è molto carino e davvero fuori dal tempo. Partendo dal centro del paese, con una breve passeggiata si arriva alla bellissima sorgente del fiume Sorgue, la sorgente con la maggiore portata d’acqua in Europa. Il sentiero costeggia il fiume e ci sono diversi localini dove fermarsi per una pausa rilassante. Se volete vedere la sorgente anche dall’alto potrete poi decidere di salire fino  al castello abbandonato che sovrasta il villaggio. Tornando verso Avignone fate una sosta anche nella graziosa cittadina di Isle-sur-la-Sorgue attraversata da diversi corsi d’acqua. 

provenza

Saint Remy e les Beaux-de-Provence 

Tra le cose da vedere in Provenza in una settimana non potevo non inserire Saint Remy, una cittadina la cui fama è legata soprattutto a Van Gogh. Saint Remy è un villaggio tipico della Provenza, un groviglio di viuzze pieno di negozietti e piccole locande rimasto praticamente immutato. Se siete fortunati e ci capitate nel giorno del mercato poi, l’atmosfera è veramente stupenda! Subito fuori dal paese c’è poi l’ex monastero di Saint-Paul-de-Mausole, l’ospedale psichiatrico dove Van Gogh fu ricoverato e dipinse molte opere importanti. E’ tuttora un ospedale (i turisti sono tenuti lontani dai pazienti ovviamente) e visitarlo è un’esperienza emozionante. Entrare nella stanza (rimasta immutata) dove alloggiava Van Gogh è da brividi. Assolutamente da non perdere. Quanto a Les Beaux-de-Provence, che si trova a 10 minuti di distanza da Saint Remy, devo ammettere che è stata davvero una bellissima sorpresa. Non l’avevo mai neanche sentito nominare e, quando mi sono trovata lì, mi ha lasciato proprio senza parole. Les Beaux-de-Provence è una cittadella fortificata che si trova su uno sperone roccioso e conserva ancora un antico ed enorme castello abbandonato. E’ un posto surreale, ma decisamente bello e poco conosciuto (almeno lo era fino a qualche anno fa). Salite sul castello per avere una vista magnifica su tutta la vallata circostante.

mangiare all'aperto a Milano

provenza

Arles e la Camargue

Arles è una città dalle origini molto antiche ed è una delle città più belle del sud della Francia. Fu la capitale romana della Gallia ed è qui che Giulio Cesare fece costruire un’intera flotta nel giro di un mese. Da allora Arles divenne un porto importante e i campi di grano della Camargue divennero famosi come il “granaio di Roma”. Diverse vestigia romane sono visibili ancora oggi e sono in ottimo stato. Ma è molto bella anche la Arles medievale, intorno alla cattedrale, con tanti vicoli e delle belle piazzette alberate. Arles è anche la base perfetta per visitare la Camargue.  Trovate molte informazioni su Arles e sulla Camargue nell’articolo su Cosa vedere in Camargue

Arles, Provenza

Cosa vedere in Camargue

Marsiglia e les Calanques

Chiudo questo articolo sulle cose da vedere in Provenza in una settimana con Marsiglia, città che da sola una viaggio in queste zone, che meriterebbe  almeno un week-end o più. Io ci ero stata tantissimi anni fa e non ne avevo una bellissimo ricordo, mi era sembrata sporca e pericolosa come molte altre città portuali. Dopo questo viaggio mi sono decisamente dovuta ricredere.  L’ho trovata molto diversa, è diventata una città  bella e affascinante, viva e in continuo fermento. A tratti sembra di stare in un suk marocchino, a tratti in un angolo del nord europa. E’ un mix incredibile di antico e di moderno, l’antico quartiere popolare Le Panier è strepitoso, così come tutta la zona moderna dei docks, che hanno magnificamente riconvertito. Marsiglia è stata oggetto di un grande processo di rinascita e ammodernamento e si vede. Tornando verso l’Italia vi consiglio di fermarvi a vedere anche les Calanques, il magnifico tratto di costa incontaminata che corre tra Les Goudes e Cassis. Le piccole insenature dall’acqua cristallina (chiamate appunto calanques), sono accessibili solo a piedi o dal mare, partecipando ad una gita in barca da Marsiglia o da Cassis. 

Potrebbero interessarti: 

provenza

Calanques - Marsiglia

L’assicurazione medico-bagaglio per la Francia

Essendo in Europa, come cittadini italiani abbiamo diritto all’assistenza sanitaria, ma ci sono delle condizioni precise e dei massimali. Il mio consiglio è quello di fare comunque una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio, anche per il Covid-19. Io mi trovo molto bene con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farlo dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio e vi manderanno una mail con le proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!).  Tutte le assicurazioni di viaggio di Heymondo coprono l’assistenza medica anche in caso di contagio da coronavirus, compreso il test se necessario. È prevista anche la copertura per il prolungamento del soggiorno in hotel dovuto alla quarantena. Allo stesso modo la garanzia di annullamento del viaggio include la copertura per malattia o decesso del viaggiatore o di un familiare a causa del COVID-19.

FAQ sulla Provenza e la Costa Azzurra

Qual’è il periodo migliore per vedere la lavanda in Provenza?

Il periodo migliore per vedere la fioritura della lavanda in Provenza va dalla fine giugno ai primi 10 giorni di luglio.

Dove andare a vedere la lavanda in Provenza?

Tra i posti migliori per vedere i campi di lavanda in Provenza ci sono il piccolo villaggio di Valensole, lungo la strada che va da Riez a Manosque, e l’Abbazia di Sénanque.

Quanti giorni ci vogliono per visitare la Provenza?

Per visitare la Provenza con calma direi che ci vogliono almeno 4/5 giorni.

About

Autore
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

15 Commenti

on Cosa vedere in Provenza, Camargue e Costa Azzurra in una settimana.
  1. |

    grazie per l aiuto copierò 🙂 tu lo hai fatto in treno o in macchina?

    • |

      Ciao Simona, Io l’ho fatto in macchina partendo da Milano. In treno credo sia molto difficile farlo

      • Pietro
        |

        Ciao, avete per caso creato anche una mappa dell’itinerario?
        Grazie mille!

          • Pietro
            |

            Grande!
            Grazie mille

  2. Chiara
    |

    Ciao mi piacerebbe moltissimo fare questo viaggio ma nn ho una settimana a disposizione
    Secondo te Cosa potrei “tagliare”?
    Grazie in anticipo

    • |

      Ciao Chiara, dipende da quanti giorni in meno hai..se ti vuoi concentrare sulla lavanda puoi seguire il mio itinerario fino ad Arles e poi tornare indietro

  3. Andrea Maurelli
    |

    Brava Valentina

  4. Elena
    |

    Ciao Valentina mi sai dire quanti km si percorrono in tutto?

  5. nicoletta
    |

    grazie per questi preziosi consigli, ci andro’ sicuramente a settembre

  6. Monica
    |

    Ciao Valentina! Se dovessi scegliere un solo punto fisso come “base” per girare, cosa consiglieresti? Sto pensando di affittare un appartamento per una settimana al mese di agosto ma non ho idea di quale città/paese possa essere il più strategico per esplorare i dintorni. Considera che andremo in auto e che siamo abituati a macinare diversi km al giorno. Grazie per i consigli che vorrai darci!

    • |

      Ciao Monica, probabilmente ti converrebbe stare in zona Aix-en-Provence.
      A presto, Valentina

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.