BeBorghi | Cosa vedere a Tokyo in 3 giorni (o più) - guida della città

Cosa vedere a Tokyo in 3 giorni (o più)

Scritto da  on 
7 Gennaio 2020
  • Viaggio in Giappone - Tokyo

Sono tornata dal Giappone quasi 1 anno e mezzo fa e ho iniziato a scrivere di questo viaggio solo adesso. Il Giappone è “tanto”, è pieno di cose da fare e da vedere, e avevo paura di mettere le mani nel mucchio di appunti che ho preso quando ero lì. Saranno stati i buoni propositi per i 2020, o il fatto che quest’anno ci saranno le Olimpiadi nel Sol Levante, sta di fatto che mi sono convinta finalmente a scrivere di questo paese, uno dei più culturalmente lontani che abbia mai visitato (insieme all’India naturalmente). Tokyo rappresenta la quintessenza dei luoghi comuni sul Giappone, quando ci si arriva si viene travolti da un turbinio di stimoli di tutti generi, luminosi, olfattivi, visivi…prima di scoprirne man mano tutte le sfumature. È una città in cui si può stare 3 giorni come 10 o più, è una metropoli immensa con milioni di cose da vedere e da vivere. 3 o 4 giorni sono il numero medio che la maggior parte dei visitatori può dedicargli quindi mi sono “setttata” su un itinerario (massacrante!!) per poter vedere “The best of Tokyo” in questi pochi giorni. 

Prima di partire vi consiglio di consultare anche il sito ufficiale del Turismo Giapponese dove è possibile scaricare diverso materiale in pdf (mappe, guide,ecc) e dove potete trovare tante info utili per organizzare il viaggio.

Quando andare a Tokyo

Le temperature di Tokyo sono abbastanza simili a quelle di città italiane (come Milano a esempio), ma le stagioni sono un pò diverse (su questo sito trovate le previsioni meteo divise per regioni). In inverno le temperature sono rigide ma i cieli sono tersi. In primavera la giornate diventano man mano più calde e c’è lo spettacolo dei ciliegi in fiore (il cosiddetto hanami o sakura) tra marzo ed inizio aprile (potrete monitorarlo da questo sito); questo è il periodo più caro e più affollato dell’anno per visitare Tokyo e l’intero Giappone. L’estate è il periodo meno indicato per venire a Tokyo (e in buona parte del Giappone) perchè le temperature sono molto elevate, così come il tasso di umidità, e piove molto soprattutto tra giugno e metà luglio. L’autunno è un’ottima scelta perchè garantisce giornate miti e soleggiate e lo spettacolo del foliage. 

L’assicurazione di viaggio è necessaria

In Giappone la nostra copertura sanitaria non vale. Il mio consiglio è quello di fare sempre una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio. Io mi trovo molto bene con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farlo dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio (paese, durata, ecc) e vi manderanno una mail con le proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!). 

Potrebbe interessarti anche:  Come organizzare un viaggio in Giappone
quando andare a Tokyo

Come raggiungere il centro di Tokyo dagli aeroporti di Narita e Haneda

Aeroporto di Narita

La maggior parte dei voli intercontinentali atterra in questo aeroporto che si trova 66 km a est di Tokyo. La soluzione più economica per raggiungere il centro da qui è quella di prendere il Kaisei Narita Sky Access dal Terminal 2 che arriva direttamente ad Asakusa (1310 JPY) ed impiega circa 1h e 10’. Se volete risparmiare 20’ potete prendere lo Skyliner dal Terminal 1 che arriva a Ueno in 50’ ma vi costerà quasi il doppio (2520 JPY). In generale vi conviene comunque sempre controllare su Google Maps (in Giappone è integrato al secondo!) per vedere qual è la soluzione migliore per i vostri orari di arrivo/partenza.

Aeroporto di  Haneda

L’aeroporto di Haneda si trova invece 20 km a sud; qui atterrano tutti i voli interni ma anche un numero (sempre crescente) di voli intercontinentali. La soluzione più economica per raggiungere il centro da qui è quella di prendere il Keikyu Airport Line che arriva direttamente ad Asakusa (560 JPY) ed impiega circa 40’.

Come spostarsi a Tokyo

Viste le dimensioni, il modo migliore per spostarsi a Tokyo è la metro o il treno. A Tokyo ci sono 2 aziende di Metro, le 9 linee della Tokyo Metro e le 4 linee Toei, che operano con tariffe leggermente diverse. Le 2 reti condividono alcune stazioni ma, a meno che non acquistiate un pass che includa entrambe (vedi sotto) non potete cambiare senza pagare un supplemento ai tornelli. Queste linee sono interconnesse anche con la rete ferroviaria JR (che potrete utilizzare gratuitamente se possedete il Japan Rail Pass). 

Le tariffe sono variabili in base ai Km che dovete percorrere, e vanno da un minimo di 170 Yen a un massimo di 310 Yen. Se state a Tokyo per più giorni, il mio consiglio è quello di acquistare il Tokyo Subway Ticket (possono farlo solo i cittadini stranieri!!) per 24, 48 o 72h (calcolate dal primo utilizzo) che include entrambe le linee di metro e costa rispettivamente 800, 1200 o 1500 JPY. Questo pass è acquistabile solo nei Tokyo Metro Tourist Information Desk degli aeroporti e di alcune fermate principali (Ueno, Ginza, Shinjuku, Omote-Sando e nelle stazioni principali dei treni) e in alcuni Tokyo Metro Pass Offices che si trovano in una decina di stazioni. Appena vedrete la cartina della metro di Tokyo vi spaventerete, ma poi vedrete che sotto sotto è prova di scemo! Ogni fermata è caratterizzata da una lettera e da un numero (es. A7), così come le uscite. Se utilizzate Google Maps vi dirà esattamente che linea dovrete prendere, a quale fermata scendere e quale uscita utilizzare (nonchè il prezzo del biglietto per l’intera tratta). La Metro e i treni funzionano indicativamente dalle 5 a mezzanotte. 

Potrebbe interessarti anche:  Come spostarsi in Giappone: tutto quello che devi sapere sul Japan Rail Pass, sulla metro, i bus, i voli interni e i taxi
Come spostarsi in Giappone: la metro
Tokyo Metro Pass

Dove dormire a Tokyo: meglio Asakusa, Shinjuku o Akasaka/Rappongi? 

La scelta su dove dormire a Tokyo può essere determinante! Le cose da considerare sono, come sempre, la distanza dalla maggior parte dei punti di interesse, il prezzo e la tipologia/prezzo di alloggio (ostello o hotel). Il mio consiglio è quello di dormire in una di queste 3 zone: 1) Asakusa: comoda da raggiungere da e per l’aeroporto, quartiere meno caotico e con gli ostelli migliori della città. 2) Shinjuku: molto ben collegata con tutto, vicina alle stazioni ferroviarie e piena di ristoranti, bar e locali. 3) Akasaka/Rappongi: zona centrale, ben collegata, con strutture di livello e con mille bar, ristoranti e locali. 

Una cosa, sia negli ostelli che in hotel in Giappone troverete sempre shampoo, balsamo, creme varie viso/corpo, ciabatte e (quasi sempre) anche il phon quindi non vi portate nulla!! 

  • Book & Bed Tokyo (Asakusa): se siete amanti dei libri, questo è l’ostello che fa per voi! I letti sono “incastonati” in una grande libreria. 
  • Bunka Hostel (Asakusa): ostello minimal ma ben accessoriato e con un bel bar molto frequentato anche degli esterni.
  • Nine hours Shinjuku North- Capsule Hotel (Shinjuku): non si può dire di aver vissuto appieno la vita giapponese se non si dorme almeno una notte in un capsule hotel! Questo fa parte di una catena e sono davvero tutti belli e super comodi.
  • Park Hyatt (Shinjuku) : se avete budget (parecchio!) e volete rivivere le scene del film “Lost in Translation” eccovi serviti!
  • Hotel Felice Akasaka (Akasaka): hotel minimal e di design in una bella strada, comodo per spostarsi anche a piedi e con onsen e spa all’interno. 
Dove dormire a Tokyo - capsule hotel
Dove dormire a Tokyo

Itinerario Tokyo in 3 giorni

Giorno 1: Asakusa – Sky Tree – Ueno – Akihabara

Asakusa: il quartiere più tradizionale 

Sarà che è stata la prima zona di Tokyo che ho visto, ma è stato amore a prima vista! Il quartiere di Asakusa è uno dei quartieri più tradizionali e caratteristici di Tokyo e vi si  trova il tempio più bello della città, il Senso-ji. Credo ricorderò per tutta la vita il momento in cui l’ho visto per la prima volta al tramonto! Iniziate la visita proprio da Nakamise-Dori, la strada che arriva al tempio, piena di negozietti. Quando state per  entrare nel tempio acquistate in uno dei chioschi un omikuji (biglietto con un oracolo). Seguite le istruzioni (ci sono in inglese anche); se la predizione è negativa legate il biglietto alla rastrelliera e tentate di nuovo la sorte! Nei dintorni del tempio le case sono basse e tradizionali e ospitano piccoli ristorantini, bar, negozi e ostelli. Se amate gli utensili da cucina, le ceramiche (e quelle giapponesi spaccano!) non perdetevi Kappabashi-dori

Tokyo Sky Tree: la torre più alta del mondo

Gli amanti dell’altezza non potranno farsi scappare la vista dalle terrazze panoramiche di questa torre per telecomunicazioni che, con i suoi 634 metri di altezza, è la più alta al mondo e la seconda struttura artificiale più alta al mondo dopo il Burj Khalifa di Dubai. Le file per salire sono sempre lunghissime, ma gli stranieri hanno la possibilità di comprare online da questo sito un biglietto salta-coda (mostrando il passaporto poi all’ingresso). Il costo del biglietto combo per salire su entrambe le terrazze (quella al 350° e quella al 450°) è di 15 euro. La vista di Tokyo dall’alto da qui però è pazzesca! Se siete stra-fortunati e beccate una giornata senza foschia potreste vedere anche il monte Fuji! 

Lì vicino c’è poi anche il famoso edificio della Asahi Beer progettato da Philippe Starck che viene chiamato la “cacca d’oro” (quando avrebbe dovuto rappresentare invece una fiamma stilizzata ahaha). 

Potrebbe interessarti anche:  Viaggio in Giappone: itinerario tra cultura e natura
Viaggio in Giappone - Tokyo
Viaggio in Giappone - Tokyo

Parco di Ueno e Museo Nazionale di Tokyo

Da Asakusa si cambia quartiere per raggiungere Ueno, intorno al cui grande parco c’è la più alta concentrazione di musei della città (tra cui il bellissimo Museo Nazionale di Tokyo). Entrate vicino al lago (dove c’è il Museo di Shitamachi) e passeggiate dentro il parco fino a raggiungere il Museo Nazionale. Questo museo conserva la più vasta collezione del mondo di arte nipponica che comprende ceramiche, sculture, spade di samurai, kimono e molto altro.Considerate almeno 2h per una visita un pò affrettata.

Serata ad Akihabara: anime e manga 

Da Ueno prendete poi il treno per raggiungere la zona di Akihabara, ovvero il posto perfetto per i patiti di film di animazione, manga e apparecchiature elettriche ed elettroniche. Anche se non siete particolarmente interessati a queste “tematiche” vale comunque la pena fare un giro qui per vedere i famosi “Maid Cafè” (per gli uomini) e i “Butler Cafè” (per le donne, più pettinati e costosi), dove signorine/signorini di bell’aspetto servono da mangiare e da bere. Un’altra alternativa è quella di tornare ad Asakusa e cenare in uno dei tanti ristorantini; valutate anche quelli sul fiume, soprattutto se ci andate nella bella stagione. 

Dove mangiare ad Asakusa

  • Yoroiya Ramen: ramen top! Dovrete fare la coda ma ne sarà valsa la pena!
  • Ichiran Ramen: idem come sopra! Fa parte di una catena e sono tutti buoni
  • Bon Hanabi: ristorantino che si affaccia sul fiume, molto intimo, dove mangiare degli ottimi soba ma non solo 
Viaggio in Giappone - Tokyo
Viaggio in Giappone - Tokyo

Giorno 2: Ginza – Palazzo Imperiale – Tsukij Market – Odaiba e il Museo d’Arte Digitale

Ginza e il Palazzo Imperiale

Il secondo giorno dell’itinerario a Tokyo inizia dai giardini del Palazzo Imperiale. Qui si trova la residenza dell’imperatore e della sua famiglia (e un’ampia zona è off limits), ma alcuni giardini sono aperti al pubblico e vale la pena vederli, come l’Higashi Gyoen (il più bello) e il Kitanomaru-koen. Camminate poi verso sud per raggiungere Marunouchi (una zona che sta subendo una grande trasformazione) e la bella stazione di Tokyo in mattoni rossi, fino ad arrivare al quartiere di Ginza, il quartiere delle boutique e dei centri commerciali di lusso. Le strade sono molto curate ed eleganti e sarete circondati solo da giapponesi ricchi. 

Tsukiji  Market: il miglior street food giapponese

Continuando a camminare verso sud su Harumi-dori passerete davanti al famoso Teatro Kabuki-za prima di raggiungerete la zona di Tsukiji, dove fino al 2018 si trovava il famoso mercato all’ingrosso di pesce di Tokyo (che ora è stato spostato a Shin-Toyosu). È però rimasto qui il mercato esterno di Tsukiji, che è uno dei posti migliori (e più suggestivi) per mangiare cucina di pesce (sushi ma non solo). Questo mercato è un dedalo di vicoli che pullula di ristorantini da 5 coperti e bar dove mangiare ogni tipo di street food e di prelibatezza gastronomica. A questi si sono aggiunti negozietti di artigianato (soprattutto utensili da cucina ma non solo) dove troverete parecchie cose interessanti (io sono impazzita con le ceramiche per esempio!). 

Potrebbe interessarti anche:  Giappone: 25 cose che non sai finchè non ci vai
Viaggio in Giappone - Tokyo

Odaiba e il Museo d’Arte Digitale

Da Tsukiji prendete poi il treno per raggiungere l’isola di Odaiba. La prima tappa sull’isola sarà il nuovissimo Museo D’Arte Digitale TeamLab Borderless (comprate i biglietti con diversi giorni d’anticipo da questo sito, altrimenti non riuscirete ad entrare! Gli ingressi sono a numero chiuso). Aperto da giugno 2018, questo spazio consente di entrare direttamente a far parte dell’opera d’arte stessa ed è diventato da subito uno dei luoghi più visitati d Tokyo. Da lì spostatevi poi a vedere il Gundam gigante davanti al Diver City Tokyo Plaza (se siete patiti del genere naturalmente..Magari fate pure shopping lì dentro che c’è l’imbarazzo della scelta!) prima di raggiungere il punto panoramico sulla baia, davanti alla Statua della Libertà. Da questa specie di giardini che costeggiano l’acqua avrete una vista magnifica sul Rainbow Bridge e diventerà sempre più bella man mano che farà buio. 

Cosa vedere a Tokyo- TeamLab Borderless
Viaggio in Giappone - Tokyo

Serata a Rappongi Hills 

Per la cena e la serata spostatevi infine nella zona di Rappongi Hills, dove avrete l’imbarazzo della scelta sia per i ristoranti (soprattutto quelli all’interno delle Rappongi Hills Towers) che per i locali/club. Se siete amanti di Kill Bill, dirigetevi direttamente al Gonpachi, il ristorante che ha ispirato Tarantino per la scena del combattimento di Kill Bill Vol.1. 

Dove mangiare a Ginza, Akasaka e  Rappongi Hills

Cosa vedere a Tokyo- Ramen

Giorno 3: Rappongi – Daikanyama e Naka-Meguro – Shibuya – Harajiuku e Omotesando – Shinjuku 

Rappongi (Centro Nazionale D’Arte)

Se non siete appassionati d’arte o di architettura potete saltare questa tappa e passare direttamente alla seconda.Vi direi di tornare di mattina a Rappongi sia per apprezzare le architetture delle torri che per visitare il Centro Nazionale D’Arte, che si trova in un bell’edificio a vetri di colore verde chiaro. È uno spazio enorme che può ospitare anche grandi installazioni che vala la pena vedere (con le premesse di cui sopra).

Daikanyama e Naka-Meguro: i quartieri hipster

Da Rappongi prendete la Hybiya Line fino a Naka-Meguro. Naka-Meguro è un quartiere residenziale decisamente hipster e bohémien, con negozietti vintage, librerie e localini che mi è piaciuto moltissimo. Percorrete il canale di Meguro-gawa e poi girate verso nord, perdendovi tra le strade di Daikanyama, il quartiere residenziale confinante,  molto carino anche lui con boutique alla moda, gallerie d’arte e bar con i tavolini all’aperto. 

Viaggio in Giappone - Tokyo
Viaggio in Giappone - Tokyo

Shibuya: l’incrocio più “trafficato” al mondo

Se siete ottimi camminatori potreste arrivare a Shibuya Crossing a piedi, ma la strada è lunga quindi valutate di prendere la metro. Shibuya è il paradiso dello shopping per i giovani che si riversano in massa nei suoi centri commerciali (tutti grattacieli) ed è famosa per l’incrocio a 5 strade che è uno degli attraversamenti pedonali più fotografati al mondo. Ma qual è il punto più alto da cui ammirare l’incrocio di Shibuya? Dal 1° nov 2019 ha aperto Shibuya SKY, un grattacielo che svetta proprio sopra l’incrocio e ha un osservatorio sul rooftop.  Il rooftop è a 229 metri di altezza e garantisce una vista a 360º. Il biglietto si acquista solo in anticipo e solo on line da questo sito. al prezzo di 1.800 JPY  (13 euro circa). Acquistando sul sito occorre indicare in quale fascia oraria si desidera entrare ma una volta sul rooftop si può stare lì tutto il tempo che si vuole. Una volta scesi, non potete non vedere la statua di Hachicko (il cane del film con Richard Gere) nel luogo dove il cane aspettava il suo padrone tornare a casa dal lavoro.

Harajiuku e Omotesando:  il Parco Yoyogi e lo shopping sfrenato

Da Shibuya iniziate a camminare su Meji-dori verso nord per raggiungere dopo circa 15’ l’incrocio con Omotesando dove si trova il Tokyu Plaza Omotesando Harajuku, il cui ingresso è uno dei luoghi più instagrammati di Tokyo. Omotesando è un’altra via dello shopping di lusso, è un viale alberato con edifici abbastanza bassi dove si trovano le boutique dei grandi brand. Subito dietro però, su Cat Street, ci sono invece piccoli negozi dei brand indipendenti, ristorantini e bar molto carini. Tornate poi su Meji-dori per raggiungere (dopo poco, sulla sinistra) Takeshita- dori,  la strada più famosa di Harajiuku. Qui a malapena riuscirete a camminare per il delirio di gente che c’è!! Qui ci sono decine di negozi che vendono di tutto e sono molto gettonati dai giovani di Tokyo. Alla fine della via potrete riposare la vista e le orecchie entrando nel parco Yoyogi. Al suo interno, nascosto nel verde, si trova il tempio Meiji Jingu, che è uno dei santuari shintoisti più importanti di Tokyo. Nel 2020 verrà celebrato il suo centenario quindi ci saranno sicuramente eventi speciali. 

Cosa vedere a Tokyo - Shibuya
Viaggio in Giappone - Tokyo

Shinjuku: la quintessenza di Tokyo

Chiudiamo in bellezza questo itinerario di 3 giorni a Tokyo con uno dei quartieri più rappresentativi della città, quello di Shinjuku. Qui c’è tutto quello che ci si aspetta di vedere a Tokyo, grattacieli con immensi schermi illuminati, fiumi di gente che cammina, locali di infima categoria, strade a luci rosse, ristoranti di fascia alta, uffici governativi e chi più ne ha più ne metta: un vero concentrato! Qui avrete mille opzioni su cosa fare, ve ne elenco alcune: 1) vedere Tokyo dall’alto dal Tokyo Metropolitan Government Building (aperta ogni giorno fino alle 23, ad ingresso gratuito, ma dovrete fare un pò di fila!), 2) andare a mangiare nel vicolo di Omoide Yokocho (o vicolo dei ricordi ma anche vicolo del piscio, un vicolo che segue i binari pieno di micro ristorantini e bar super caratteristici), 3) buttarvi nel quartiere a luci rosse di Kabukicho (per la prima volta in vita mia ho visto dei menù con tutte le ragazze proposte!), 4) andare a mangiare in uno dei tanti ottimi ristoranti (vedi sotto), 5) rivivere le scene del film Lost In Translation andando a bere qualcosa nel New York Bar del Park Hyatt, 6) camminare nel dedalo di vicoli del Golden Gai e fermarsi a bere in uno dei tanti minuscoli bar, 7) trascorrere qualche ora in un love hotel, 8) vedere uno show al Robot Restaurant, dove robot giganti sono manovrati da donne in bikini, 9) andare a ballare nei club più famosi di Tokyo come il Womb o altri (qui trovate l’elenco completo delle serate di Tokyo).

Dove mangiare a Shinjuku

Cosa vedere a Tokyo - vista dall'alto
Viaggio in Giappone - Tokyo
Viaggio in Giappone - Tokyo

Altre cose da fare/vedere a Tokyo

Potrebbero interessarti anche:

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.