BeBorghi | Come spostarsi in Giappone: in treno, metro, bus, aereo

Come spostarsi in Giappone: tutto quello che devi sapere sul Japan Rail Pass, sulla metro, i bus, i voli interni e i taxi

Scritto da  on 
26 giugno 2018

Com’ è noto, in Giappone i mezzi di trasporto sono super puntuali e affidabili  e se viene eccezionalmente indicato un ritardo si tratta al massimo di qualche minuto (una delle cose che mi ha stupito di più è stato proprio vedere questi omini lungo ogni binario del treno o della metro armati di cronometro e penna). I mezzi pubblici in Giappone arrivano ovunque e sono molto facili da utilizzare. I Giapponesi poi sono estremamente gentili e disponibili quindi, nel dubbio, tirate fuori Google Translator e chiedete a loro.

Di seguito trovate tutte le info su come spostarsi in Giappone utilizzando i mezzi pubblici (scelta che consiglio!): treni, metro, autobus, taxi e aerei.

Come spostarsi in Giappone: lo shinkanzen

I treni e il Japan Rail Pass (dove si compra, quanto costa, ecc)

Il costo della vita in Giappone è più o meno come quello italiano; l’unica cosa che costa uno sproposito sono i mezzi di trasporto. Prendere un treno andata e ritorno da Tokyo a Hiroshima costa un minimo di 400 euro, giusto per darvi un’idea.

Per fortuna noi stranieri siamo fortunati e possiamo comprare prima di partire il famoso Japan Rail Pass (JRP), un pass utilizzabile su quasi tutte le tratte ferroviarie della compagnia giapponese Japan Rail (o JR, inclusi gli shinkanzen, i treni proiettile). Al momento il JRP può essere acquistato solo fuori dal Giappone da turisti stranieri che visitano il Giappone per meno di 90 giorni e va poi convertito e attivato in Giappone in una delle tante biglietterie della JR Line (si trovano in aeroporto e in tutte le stazioni principali del Giappone). Lo si può acquistare per 1 settimana (224 euro), 14 gg (357 euro) o 21 giorni (457 euro) e potete farlo online pagando con carta di credito attraverso diversi siti. Tra i più usati c’è questo  che poi vi recapita il vaucher direttamente a casa, o anche questo che ha delle sedi a Roma e Milano quindi se siete comodi ad andare da loro, potete ritirare il vaucher direttamente lì in agenzia oppure farvelo spedire a casa tramite corriere.

Se avete intenzione di fare almeno 2 spostamenti da Tokyo vi conviene assolutamente farlo: comprare i biglietti singoli costa davvero una fortuna! Tra l’altro il JRP vale anche per il treno che collega gli aeroporti di Narita e Haneda al centro di Tokyo (lo Skyaccess), per diverse linee ferroviarie “cittadine”(sia a Tokyo che a Kyoto), non chè per il traghetto che porta sull’isola di Miyajima davanti Hiroshima.

Una volta “attivato”, vi daranno questo pass di cartoncino che dovrete mostrare ogni volta che entrerete/uscirete nelle stazioni della JR e nelle zone dedicate agli shinkazen.

Per vedere gli orari dei treni (ma anche di qualsiasi altro mezzo di trasporto giapponese) vi consiglio di usare Google Maps: è completamente integrato e aggiornato. Per i treni, in alternativa, potete usare anche questo.

Potrebbe interessarti anche:  Quanto costa un viaggio in Giappone?

Come spostarsi in Giappone: il Japan Rail Pass

Come prenotare i posti sul treno

Per essere sicuri di avere il vostro posto sul treno (almeno per le tratte lunghe) potete fare la prenotazione nelle biglietterie della JR Lines anche con giorni d’anticipo. Se poi per qualche motivo non riuscirete a prendere quel treno non c’è nessun problema.

Su tutti (o quasi) gli shinkazen, le carrozze dalla 1 alla 5 sono vagoni con posti non riservati. Anche sui treni “normali” della JR Line ci sono sempre vagoni su cui è possibile salire senza prenotazione e sono sempre ben indicati.

Tutti gli shinkazen hanno un nome e un numero (es. Sakura 561); sappiate che con il JRP si possono prendere tutti i treni fuorchè i treni chiamati Nozomi. Fate molto attenzione perchè se salite su uno di questi treni potreste prendere una multa stratosferica!!

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Hong Kong

Come spostarsi in Giappone: i treni

Come spostarsi in Metro

Tutte le città giapponesi hanno una fitta rete di metro e di ferrovie urbane. Ogni linea è indicata da una lettera maiuscola e ogni fermata da un numero (ad esempio la fermata della metro di Asakusa  della linea A di Tokyo è la A18). Accanto a tutti i tornelli di tutte le fermate ci sono le biglietterie automatiche (anche in inglese) dove si possono comprare i biglietti (dimenticatevi lo sportello con il bigliettaio!) .

I biglietti si comprano ” a distanza”, a seconda di quante fermate dovete fare, e non a tempo. Sopra le macchinette ci sono degli schemi che aiutano a capire quanto pagare,ma spesso ci sono anche degli impiegati a cui potete chiedere. I biglietti urbani di solito partono da un minimo di 220/230 Y (poco meno di 2 euro). Attenzione: i biglietti vanno comprati il giorno stesso dell’utilizzo!! C’è sopra la data, quindi non potete comprarne tanti da utilizzare in più giorni.

Se volete evitare di stare a comprarli ogni volta potete valutare l’acquisto dei pass validi per 24-48 o 72h. Ce ne sono diversi che valgono o solo per la città (ad es. Kyoto o Tokyo) o per la regione (es. l’Hakone Free Pass per la regione intorno al Monte Fuji). A Tokyo ce ne sono alcuni fatti apposta per i turisti che possono essere acquistati solo negli uffici turistici delle stazioni principali (Tokyo Station, UENO, e altri). Esistono da 24h (800 Y), 48h (1200 Y) o più e valgono su tutte le linee delle metro ma non sui treni urbani.

La metro di solito funziona dalle 5 di mattina fino a mezzanotte/mezzanotte e mezza.

Potrebbe interessarti anche:  La transiberiana: da Mosca a Pechino via terra, 8400 km e 7 fusi orari

Come spostarsi in Giappone: la metro

Come prendere l’autobus in Giappone

Alcune volte più della metro può convenire spostarsi in autobus (soprattutto a Kyoto e nelle città più piccole). Anche in questo caso, impostando la destinazione su Google Maps (con la data e l’orario indicativo che vi interessa) vi mostrerà le linee di autobus che potete prendere e dove si trovano le fermate. Nel 90% dei casi il biglietto si paga in uscita; prenderete un bigliettino salendo e quando dovrete scendere pagherete il dovuto direttamente all’autista (si scende sempre dalla porta anteriore). I costi sono gli stessi della metro.

I taxi

I taxi sono abbastanza cari ma sono l’unica soluzione se decidete di fare un pò di vita notturna fuori dalla vostra zona perchè i mezzi pubblici finiscono a mezzanotte (anche nel week-end). In alcune città si trova anche Uber.

Come spostarsi in Giappone: i taxi

I voli interni per Okinawa e Sapporo

Il treno è il mezzo di trasporto più comodo per spostarsi in Giappone, a meno che non vogliate raggiungere l’isola di Sapporo nell’estremo nord, o le isole Okinawa nell’estremo sud. Praticamente solo in questi due casi dovrete prendere necessariamente dei voli interni. Come in Europa, anche in Giappone sono nate diverse compagnie low cost (che da poco arrivano anche nelle isole Okinawa, un tempo paradiso tropicale solo per ricchi) e volare è decisamente economico. Un volo da Tokyo a Naha (Okinawa) costa intorno agli 80 euro e ci sono diverse compagnie (Jetstar Japan, Vanilla Air, Skymark Airlines e ANA); anche per Sapporo i prezzi sono più che abbordabili (40-50 euro con le stesse compagnie).

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.