BeBorghi | Un viaggio a Istanbul: dove dormire, dove mangiare e come spostarsi

Un viaggio a Istanbul: dove dormire, dove mangiare e come spostarsi

Non ho mai nascosto di avere una passione per Istanbul. Insieme a Lisbona è la mia città preferita in Europa e, come la capitale del Portogallo, è una città in cui mi sento a casa non appena ci metto piede. A Istanbul finisce l’Europa e inizia l’Asia, qui si incontrano e si scontrano l’Oriente e l’Occidente dando vita ad una meravigliosa danza che non finisce mai di stupirmi. L’antica Bisanzio dei greci e la Costantinopoli dei romani è oggi una città immensa che conta più di 15 milioni di abitanti divisi tra la parte europea e quella asiatica. Date le sue grandi dimensioni, quando si pianifica un viaggio a Istanbul è opportuno fare alcune considerazioni per scegliere in che zona dormire, come spostarsi, e via dicendo, ed è proprio quello di cui vi parlerò in questo articolo.

Istanbul - Aya Sofia

Come raggiungere Istanbul dagli aeroporti

Dal nuovo “Aeroporto di Istanbul” (IST)

Ha aperto ufficialmente il 5 aprile 2019 e ha sostituito l’aeroporto Ataturk che verrà presto dismesso. È l’aeroporto più grande del mondo e si trova sulla sponda europea a circa 50 km dal centro. In futuro sarà collegato alla città con due linee di metro ma le linee non entreranno in funzione prima della fine del 2020 quindi al momento le uniche opzioni sono il taxi o i bus navetta. I bus navetta sono tanti e raggiungono diverse zone della città; sono operati dalla compagnia Havaist e a questo link trovate tutti gli orari e tutte le tratte precise. Le linee che maggiormente interessano i turisti sono la IST-1S diretta a Sultanahmet (partenze ogni 30 minuti e tariffa di 18 lire turche, circa 3 euro, tempo di percorrenza..poco meno di 2h) e la IST-19 diretta a Piazza Taksim (partenze ogni 15 minuti e stessa tariffa, tempo di pecorrenza indicativo 95 minuti). Non so il prezzo dei taxi, ma, considerata la distanza, credo che si aggiri intorno ai 150-200 lire (22-30 euro).

Dall’aeroporto di Sabina Gokcen (SAW)

Questo aeroporto si trova sulla sponda asiatica, a 50 km dal centro, ed è lo scalo d’elezione della compagnia Pegasus, ma ci volano anche diverse altre compagnie (anche la Turkish). In taxi la corsa costa tra i 150 e le 200 lire turche ( 22-30 euro) e si impiegano circa 45’-60’ a seconda del traffico. In alternativa ci sono i bus navetta che portano a Piazza Taskim o all’imbarcadero di Kadikoy. Partono ogni mezz’ora circa, costano 15 lire (5 euro) e impiegano da 1h 30’ a 2h a seconda del traffico.  

Potrebbe interessarti anche:  Turchia: cosa vedere in 10 giorni o 2 settimane
Istanbul - Turchia

Connettività e Internet: la Turchia è fuori dal roaming

Se dovete/pensate di usare il cellulare durante il vostro soggiorno a Istanbul, a meno che non abbiate un contratto che include telefonate/dati fuori dall’Europa, dovrete necessariamente comprare una sim turca, altrimenti rischiate di spendere un patrimonio! Subito fuori dagli arrivi, in aeroporto, si trovano i chioschi dei maggiori operatori di telefonia e i prezzi sono tutti più o meno simili. Io ho comprato una sim della TurkCell (la compagnia più grande in Turchia, che prende ovunque) e ho speso 30 euro per avere 6G di dati (no telefonate); questo è il contratto minimo! Se volete fare anche telefonate locali o avere più G i prezzi salgono un pò (10G+tel 33 euro, 12G+tel 35 euro, e via dicendo).

L’assicurazione sanitaria è necessaria

Non facendo parte dell’Europa, in Turchia la nostra copertura sanitaria non vale. Il mio consiglio è quello di fare una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio. Il costo è veramente basso (per una settimana-10 giorni costano intorno ai 22-25 euro) e non avrete problemi in caso di necessità. Normalmente io utilizzo Columbus o Viaggi Sicuri, ma sono tutte più o meno equivalenti.

Istanbul - Bosforo

Dove dormire a Istanbul: Sultanahmet o Piazza Taskim?

Istanbul è una città immensa e la scelta su dove dormire è decisamente importante. Le zone dove si trovano il maggior numero di hotel turistici sono principalmente 2: Sultanahmet, ovvero nella Istanbul antica, e nella zona moderna vicino Piazza Taskim e Beyoğlu. Io ho dormito in entrambe e vi consiglio di dormire nella zona moderna. Sultanahmet è indubbiamente comoda per visitare i monumenti principali come Aya Sofia, il Topkapi, eccetera, ma di sera è una zona morta. La zona di Taskim e Beyoğlu è invece viva a tutte le ore ed è meno invasa dal turismo di massa, quelli dei grandi bus pieni di cinesi e di americani. Più nello specifico, vi consiglio la zona chiamata Cihangir (all’interno del distretto di Beyoğlu), un’area decisamente hipster, piena di antiquari, gallerie d’arte, negozi di abbigliamento vintage, bar e ristoratini carini. In generale comunque tutta la zona che si trova a nord e sud della via pedonale Istical Caddesi va benone.

  • The Loft Istanbul : questo piccolo hotel si trova in una posizione molto carina a Beyoğlu (più specificamente a Cihangir), in una piccola traversa pedonale di Cezayir Sk, una scalinata piena di bar molto carini. Ha poche stanze ma sono enormi e ben accessoriate e una bella terrazza sul tetto.
  • Pera Palace :  è uno hotel storico (visitabile anche come museo) situato sempre nel distretto di Beyoğlu . È stato costruito nel 1892 allo scopo di ospitare i passeggeri del mitico Orient Express ed è considerato “il più vecchio hotel europeo della Turchia”. Ci dormii la prima volta che andai a Istanbul da bambina e lo ricordo ancora, un hotel dal fascino d’altri tempi, che ha ospitato personaggi del calibro di Agatha Christie, Ernest Hemingway, re Edoardo VIII, Alfred Hitchcock e Jacqueline Kennedy Onassis. La stanza 101, in cui era solito alloggiare Atatürk è stata adibita a museo, nella camera 411, invece, Agatha Christie scrisse buona parte del libro Assassinio sull’Orient Express. Se cercate un’atmosfera da favola è il posto giusto dove dormire ( e i prezzi per noi sono più che abbordabili!).
  • Ostello Bunk: per chi cerca una soluzione più economica, il Bunk Hostel è n design hostel non lontano da piazza Taskim e Istical Caddesi. Ostello carino e nuovo nella zona perfetta.
Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Istanbul in 3 giorni
Istanbul - Balat

Dove mangiare a Istanbul: i miei ristoranti preferiti

  • Faik Pasha Cafè (Beyoglu): iniziamo dalla colazione/brunch! Questo posto è semplicemente magnifico e buonissimo (è quello ritratto nella foto qui sotto). È un angolo di pace, sia all’interno che nei tavolini fuori che si affacciano su uno slargo di Beyoglu. Il brunch è davvero ricco ed è tutto buonissimo e il prezzo è davvero onesto, super consigliato! Si trova all’interno del Faik Pacha Hotel ma è aperto anche agli esterni.
  • Karakoy Lokantasi (Beyoglu): ristorante tipico con scale in ferro battuto e piastrelle colorate nel quartiere Beyoglu  (è tutto buonissimo, ma l’agnello è qualcosa di straordinario!).
  • Tavanarasi (Beyoglu) : questo ristorantino è una vera chicca! Si trova al 6 piano di un palazzetto in una traversa di Istical Caddesi e a malapena troverete l’insegna. Appena entrate nel palazzo dovete prendere l’ascensore (o meglio il montacarichi) che vi porterà al 6 piano. Quando aprirete la porta dell’ascensore vi troverete in questa taverna tipica che assomiglia un pò ad una baita di montagna. La cucina è quella tipica, i piatti sono super abbonanti, ben fatti ed economici..assolutamente consigliato!!
  • Murver Restaurant (Beyoglu): ristorante un pò fighetto ma buono e bello che si affaccia sul Bosforo. Consigliato sia per pranzo che per cena.
  • Asmali Cavit (Beyoglu): tipica taverna turca in una piccola traversa di Istical Caddesi. Qui si mangia il tipico antipasto turco fatto di tanti antipastini e poi si sceglie un piatto principale di carne o di pesce. Ottimo!
  • Hamdi Restaurant (Eminou) : ristorante storico a Eminou con terrazza panaromica e cucina tipica (tantissimi i piatti a base di pistacchio). Consigliata la prenotazione
  • 360° Panorama Restaurant (Sultanahmet): vicino ad Aya Sofia. Perfetto per la pausa pranzo quando visitata la zona Sultanahmet. Ha una bella terrazza con vista su Aya Sofia e sulla Moschea Blu.
Potrebbe interessarti anche:  Cappadocia (Turchia): cosa vedere in 3 giorni
Istanbul - Faik Pacha Cafè

I rooftop più belli di Istanbul

  • Mikla : questo è probabilmente il mio rooftop preferito della città e si trova all’ultimo piano del Nu Pera Hotel. È vicino alla torre di Galata e da qui potrete vedere dei tramonti mozzafiato sul Bosforo e su Sultanahmet (la foto copertina di questo articolo è stata scattata lì).
  • 5.Kat rooftop : questo locale/ristorante si trova nella zona di Cihangir e ha una bella terrazza su 2 piani che si affaccia sul Bosforo e sulla parte asiatica.
  • 360 Istanbul: è uno dei ristoranti/bar/locali più bello della città. Vi si accede da una traversa di Istical Caddesi e, come dice il nome, offre una vista a 360 gradi sulla città.
  • Alexandra Cocktail Bar : questo rooftop bar si trova nella zona di Besiktas e ha una bellissima vista sul Bosforo e sui 2 ponti.

Se volete cambiare visuale, ci sono dei rooftop molto carini e tipici anche a Sultanahmet, soprattutto vicino alla grande Moschea di Solimano.

Istanbul - 5.Kat Rooftop

Dove bere a Istanbul

  • Pera Palace (Beyoglu): hotel storico e super classico costruito nel 1892 che ha avuto ospiti illustri da Hemingway a Hitchcock, a molti altri.  Andate a prendere un thè, o a fare l’aperitivo. Una location d’altri tempi!
  • Lucca (Babek): bistrot con cucina italiana e lounge bar proprio lungo il Bosforo, in una delle zone più trendy di Istanbul.
  • Babylon Lounge (Beyoglu): locale storico per concerti. Lì vicino ci sono moltissimi localini con musica/dj e gran movimento.
  • Bina (Moda): questo locale si trova nella zona asiatica, a Kadikoy, una zona molto hipster e piena di giovani. Il locale è molto carino e ha anche un giardino perfetto per fare un brunch al sole se per caso ci passate di giorno. La sera c’è musica dal vivo e dj-set. Anche le strade intorno sono piene di bar e locali.
  • Cafe Naftalin K. (Balat) : un coloratissimo cat-cafè nel meraviglioso quartiere di Balat (vedi foto qui sotto), crocevia di diverse etnie, persone, religioni e culture, con un’alta concentrazione di greci ortodossi. Anche in questo caso, sulla stessa via ce ne sono altri altrettanto carini.
Istanbul - Balat

Dove fare un Bagno Turco (Hamam)

Il bagno turco (Hamam in turco) è un’esperienza da fare almeno una volta, soprattutto a Istanbul, dove potete trovare gli Hamam antichi (che sono i più belli!). Ma come funziona? Normalmente c’è la sezione riservata alle donne e quella riservata agli uomini, oppure ci sono degli orari di apertura diversa per i 2 sessi. Quando entrate e pagate vi danno le ciabatte (da usare ASSOLUTAMENTE, il pavimento all’interno è super-scivoloso) e un asciugamanino da legarsi in vita (ci sono sempre anche i lockers per chiudere le proprie cose). C’è poi una prima sala che funge da spogliatoio dove si può stare sdraiati e sorseggiare un thè prima di passare alla sala grande che ha una cupola forata e delle fontanelle da cui si attinge l’acqua per i catini. Qui ci sono anche le donne (nel caso della sezione femminile) che vi faranno il massaggio (decisamente vigoroso) e vi laveranno. C’è poi una terza sala, quella più calda, priva di aerazione. Il prezzo d’ingresso varia molto in funzione del posto e del servizio (da 6/7 euro fino a 30/50). Di seguito alcuni indirizzi:

  • Oruculer Hamami : Hamam autentico a Sulthanamet, vicino al Gran Bazar. Dall’esterno non ispira troppa fiducia, ma una volta entrati sarete sicuramente soddisfatti. C’è anche una sauna, non inclusa nel prezzo.
  • Cagaloglu Hamami : probabilmente l’hamam più bello di Istanbul (in foto qui sotto). È stato fondato nel 1741 e all’ingresso trovate tutti i ritratti degli ospiti illustri (incluse alcune star di Hollywood). L’ambiente è davvero suggestivo; è molto più caro degli altri hamam (prezzo base 30 euro), ma se volete trascorrere un pomeriggio da Mille e una Notte…sicuramente è il posto giusto!
Istanbul - Hammam

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.