BeBorghi | Cosa vedere in Montenegro in 5 giorni: Kotor, Podgorica e il mare

Cosa vedere in Montenegro in 5 giorni

Finalmente Montenegro!! Non so quanto tempo è che volevo andarci! Adoro i Balcani ma, a parte la Croazia, li conosco molto poco e mi sono ripromessa di recuperare quanto prima. Come prime impressioni, a caldo, vi posso dire che il Montenegro mi è sicuramente piaciuto, ma forse mi aspettavo qualcosa di più dalla costa: magnifiche la baia di Kotor e la zona intorno al Lago di Scutari! Mi dicono che le alpi e la zona nord del paese anche siano molto belle, ma non avevo tempo a sufficienza per spingermi fin lì. Ne approfitterò per tornarci una seconda volta, magari abbinandolo alla Serbia o all’Albania. Ma procediamo con ordine.

Montenegro - Kotor

Quando andare

La primavera (anche a detta dei local) è il periodo migliore per visitare il Montenegro. A meno che non vogliate andare solo sulle montagne a nord, l’estate fa molto caldo (40 gradi), le località turistiche sono affollate e i prezzi lievitano. In autunno, soprattutto nella baia di Kotor, può piovere molto, mentre d’inverno è alta stagione solo nelle località sciistiche.

Quanto costa

Il Montenegro è ancora abbastanza economico, soprattutto fuori dalla baia di Kotor (in quest’ultima i prezzi sono decisamente “europei”). L’affitto di una macchina costa poco più 15-20 euro al giorno, per mangiare fuori in un posto carino si spendono circa 15 euro e per dormire sui 20-30 euro.

Come arrivare

Il Montenegro è uno degli stati più piccoli d’Europa; è grande come una regione d’Italia e ha solo 600.000 abitanti. Dall’Italia è raggiungibile in maniera diretta dei voli su Podgorica (con Wizzair). In alternativa si può volare su Dubrovnik ed entrare via terra, ma calcolate che, soprattutto d’estate, si formano lunghe code sul confine.

Il Montenegro è raggiungibile anche via mare da Bari. Due compagnie, la Montenegro Lines e la Jadrolinia, collegano infatti Bari a Bar, il porto principale del Montenegro quasi quotidianamente.

Come spostarsi

La cosa migliore per spostarsi in Montenegro è affittare un auto. È anche molto economico in realtà! Prendendola online prima di partire su Rentalcars, io ho speso ben 94€ per 5 giorni (inclusa l’assicurazione completa, la KASCO). Fatta eccezione per la strada costiera, le altre strade del Montenegro sono abbastanza strette e avrebbero bisogno di manutenzione. Praticamente non esistono strade a 4 corsie e i montenegrini hanno una guida abbastanza “allegra” quindi…fate sempre attenzione! Non so se sia per la loro guida, comunque ci sono tantissimi posti di blocco quindi, un consiglio, rispettate sempre i limiti di velocità.

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Danzica in 3 giorni

Montenegro - Budva

Dove dormire in Montenegro

Se volete visitare il centro e la costa come ho fatto io (che sono le zone più famose del Montenegro diciamo), vi consiglio di dormire o a Podgorica, da cui potrete poi fare gite in giornata al lago di Scutari e sulla costa, o a Kotor, per esplorare meglio tutta la zona delle bocche, Kotor, Perast, Tivar ed Herceg Novi.

  • Hotel Centreville (Podgorica). Moderno business hotel nella zona che si sta sviluppando di più della capitale, dove si trovano i ristoranti e i negozi più alla moda. L’hotel ha tutti i comfort (è un 4 stelle), un bellissimo lounge bar con ristorazione al piano terra (con tavoli anche all’aperto), un ristorante al primo piano e una Signature Lounge riservata solo agli ospiti dell’hotel al 5° piano. La colazione è a dir poco spaziale!! L’hotel si trova inoltre a 15 minuti a piedi dal centro e dalla zona della movida serale di Bokeska e Slobode (ma se non volete farvela a piedi potete sempre prendere un taxi per pochi euro).
  • Hotel Monte Cristo (Kotor). Piccolo ma grazioso hotel a 4 stelle che si trova all’interno delle mura di Kotor, in un palazzo antico ristrutturato. Le stanze sono ben curate e alcune di esse si affacciano su una bella piazzetta. L’hotel ha anche un ristorante (il Luna Rossa) che si sviluppa sia su una terrazza coperta da un pergolato che nella piazzetta sottostante (dove si fa colazione). L’hotel è in una posizione perfetta per esplorare tutta Kotor a piedi.

Montenegro - Centre Ville HotelMontenegro - Centre Ville Hotel

Montenegro - Hotel Monte Cristo

Dove mangiare/bere

  • Pod Volat (Podgorica). Questo ristorante è un’istituzione a Podgorica per mangiare cucina locale. Le grigliate di carne  sono enormi quindi..occhio quando ordinate! Si trova davanti alla Torre dell’Orologio e ha anche tavoli all’aperto. Molto carino e accogliente.
  • Vuk (Podgorica). Questo ristorante si trova poco lontano dall’Hotel Centreville e ha sia tavoli all’aperto che al chiuso. Il menù propone buoni piatti sia di cucina locale che internazionale.
  • Culture Club Tarantino (Podgorica). Questo locale si trova nel cuore della movida di Podgorica e spesso ci sono djset o musica dal vivo. È molto carino e i può anche mangiare.
  • Ristorante Kaldrma (Old Bar). Questo ristorantino con terrazza (vedi foto sotto), è stato il primo ad aprire nel 2004 subito fuori dalle mura di Old Bar. Ha tanti piatti vegetariani (ma non solo) e vendono anche al dettaglio prodotti bio locali (olio, ecc). Davvero delizioso!
  • Scala Santa (Kotor). Ristorante tipico in una bella piazzetta dentro le mura di Kotor con tavoli sia all’aperto che al chiuso. Perfetto per mangiare pesce fresco, ma anche gli altri piatti della cucina locale.
  • Trpeza (Kotor). Ristorante molto bello in stile moderno a pochi passi dall’Hotel Monte Cristo. Specializzato in cucina di pesce. Davvero buono! Si spende un pò di più della media, ma li vale tutti.
  • Djardin (Perast). Ristorantino carino sul lungomare di Perast, con un bel giardino a pochi passi dall’acqua. Cucina internazionale buona.
  • Otok Bronza (Perast). Altro ristorante sul lungomare di Perast, propri all’inizio del paese. Arredato in stile rustico propone buoni piatti della cucina montenegrina tipica.
Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Dubrovnik e dintorni: le isole di Mljet, Kolocep e Lopud

Montenegro - Stari Bar

Montenegro

Cosa vedere in Montenegro

Baia di Kotor

La baia di Kotor (o le Bocche di Cattaro, in italiano) sono, a ragione, il must del Montenegro e non sorprende che l’interno della baia sia stato il primo sito del Montenegro a essere dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Racchiusa da imponenti scogliere e caratterizzata da una serie di golfi profondi e scintillanti , questa baia sembra un fiordo (ma geologicamente non lo è), Di sicuro c’è che è meravigliosa e che, da sola, vale un viaggio in Montenegro. La baia è punteggiata di suggestive cittadine medievali ed è attraversata da una rete di strade panoramiche che permettono di visitarla facilmente.

Nell’angolo più remoto della baia c’è Kotor, la cittadina più bella, una specie di Dubrovnik in miniatura con le mura che la proteggono che si inerpicano sul ripido pendio alle spalle dell’abitato. Il mo consiglio è quello di alloggiare qui per esplorare la baia, per godervi la meraviglia del centro storico, fatto di vicoli lastricati e piccole piazzette deliziose (di fatto è la cittadina più bella e più viva). Dopo aver visitato la cittadina, salite sulle mura fino in cima (il biglietto costa 8 euro e si impiega circa 1 h a salire, calcolando anche le soste per le foto) perché il panorama è davvero mozzafiato. Man mano che si sale ci sono diverse terrazze panoramiche che offrono vedute magnifiche su Kotor e sulla baia. Per scendere potete usare i gradini che avete usato per salire, oppure scendere lungo un sentiero (poi una strada) che passa da dietro, lungo la montagna. Se siete particolarmente allenati potete anche pensare di salire fino alla vetta dietro Kotor (1200 mt): vedrete il sentiero che parte in cima alle mura.

Da non perdere anche la cittadina di Perast, a 20’ di auto da Kotor, con la sua famosa Isola di Nostra Signora dello Scoglio (l’altra “cartolina” famosa del Montenegro). La cittadina è piccola ma molto carina e tutta in stile veneziano, con qualche ristorantino, ben 16 chiese e diversi bei palazzi. Dal suo piccolo molo partono le barche (5 euro A/R) che fanno la spola con l’isola artificiale di Nostra Signora dello Scoglio, dove si visita la sua chiesetta del 1600.

Sempre nella baia da vedere c’è Herceg Novi, proprio all’imboccatura, mentre evitate di andare a Tivat che sembra una piccola Montecarlo in miniatura (è tutta finta!).

Montenegro - Kotor

Montenegro - Kotor

Cetinje e il monte Lovcen

La strada panoramica più bella e più famosa del Montenegro è quella che parte da Kotor e si inerpica sul Monte Lovcen. Sono 17 km di strada stretta ma buona, con 25 tornanti che offrono delle vedute incredibili su tutta la baia di Kotor fino al Mar Adriatico. Per percorrerla calcolate almeno 1h e mezza (soste foto incluse), ma è assolutamente da fare! Una parte della strada (quella più alto) la stanno allargando quindi dovrete fare qualche chilometro su sterrato, ma non c’è nessun problema. Una volta arrivati verso la cima, dirigetevi al Mausoleo di Njegos, l’eroe nazionale. Ci sono pochissimi parcheggi vicino all’ingresso e immagino che in alta stagione si riempiano subito, quindi parcheggiate più basso e salite un pezzo a piedi nel caso (anche questa strada è stretta). Il Mausoleo in granito si trova su una vetta di 1657 metri e si devono salire ben 460 gradini per raggiungerlo, ma ne vale la pena: la vista da sopra è magnifica! Se il cielo è limpido si vedono anche l’Albania e la Croazia. Il biglietto per il mausoleo costa 3€, cui dovete aggiungerne 2 perché il mausoleo si trova all’interno di un Parco Nazionale (li darete alla forestale lungo la strada per salire).

Dopo il mausoleo, la strada prosegue verso Cetinje, l’antica capitale del Montenegro. Parlare di capitale fa un po’ ridere perché è una cittadina che potete visitare comodamente in un’oretta, (soprattutto se non andare a vedere i musei) ma merita comunque una visita.

Montenegro - Monte Lovecen

Montenegro - Cetinje

Lago di Scutari (Skadar)

Il lago di Scutari (che fa parte del Parco Nazionale del Lago di Scutari) è il lago più grande dei Balcani e appartiene per 2/3 al Montenegro e 1/3 all’Albania. Il lago è molto bello ed è famoso per essere uno dei più importanti habitat europei per i volatili. Il principale punto d’accesso al lago è il villaggio di Virpazaar da cui partono le gite in barca per esplorarlo (10€ x 1 ora, 20€ x 2 ore cui dovrete aggiungere 4€ per l’ingresso al Parco Nazionale). Da Virpazaar si può poi imboccare una stretta strada, a tratti sterrata, che raggiunge il piccolo villaggio senza tempo di Rijeka Crnojevica. Potete fare una gita in barca sul lago anche partendo da qui; troverete inoltre diverse taverne carine che si affacciano sul fiume. Questa strada è particolarmente panoramica perché sale lungo la montagna e vi permette di avere delle belle vedute sul lago.

Potrebbe interessarti anche:  3 giorni tra Spalato e le sue isole (Hvar e Solta)

Montenegro - Lago di Scutari

Montenegro - Lago di Scutari

Podgorica e il Monastero di Ostrog

Podgorica non è certo tra le capitali più belle d’Europa, anzi, ma quello che mi ha stupito è stata la vivacità della sua popolazione. Da vedere c’è ben poco, potete fare una piccola passeggiata a Stara Varos, il quartiere più antico della città, con la Torre dell’Orologio e diverse moschee, che si affaccia sul fiume, ma vi consiglio soprattutto di godervela di sera, nella zona di Nova Staros. Tra le vie Bokeska e Slobode ci sono decine di bar, ristoranti e locali sempre pieni di giovani, anche durante la settimana.

Da Podgorica, potete fare una gita anche verso nord per visitare il Monastero di Ostrog, che si trova a circa 1h di macchina. Questo bianchissimo monastero incastonato nella roccia 900 mt sopra la valle del fiume Zeta è il più importante luogo di culto del Montenegro. Richiama orde di pellegrini e di turisti da tutto il paese e non è raro dover fare un coda di 2-3h per entrare (sia donne che uomini devono indossare gonna/pantaloni lunghi ed avere le spalle coperte). Magari prima di andarci chiedete ai local, a Podgorica, se in quel periodo ci sono particolari festività ortodosse perché in quel caso siete sicuri di dover fare una coda infinita per entrare e potrebbe non valerne la pena.

Montenegro - Podgorica

Montenegro- monastero di Ostrog

La costa e il mare (Bar, Budva e Sveti Stefan)

La costa è decisamente la parte che mi ha delusa di più, ma non perché sia paesaggisticamente brutta, anzi! Mi ha deluso perché è stata massacrata da un’edilizia sconsiderata e il fenomeno, da quel poco che ho visto, non accenna ad arrestarsi. La costa è infestata da orribili palazzi grigi del periodo comunista e altrettanto orribili palazzoni moderni senza alcun criterio. La stessa Sveti Stefan, la famosa isola super esclusiva che ospita un hotel super lusso (ci possono entrare solo gli ospiti), ha davanti delle costruzione del genere che ne massacrano la vista. Per non parlare di Budva; ha un centro storico fortificato molto carino ma subito fuori ti ritrovi nella parte più brutta di Rimini, con albergoni, ristoranti e locali che diffondono musica a palla dalla mattina alla sera.

L’unica parte della costa che posso dire di aver apprezzato è Stari Bar, ovvero i resti suggestivi dell’antica città di Bar che sorgono su un’altura davanti al mare nella parte più meridionale del Montenegro. Il sito archeologico avrebbe bisogno di una grande opera di ristrutturazione ma è molto bello anche così, un po’ malandato e fatiscente. Subito fuori dalle mura di Stari Bar c’è un piccolo villaggio con diversi ristorantini carini dove fermarsi a mangiare.

Montenegro - Sveti Stefan

Montenegro - Stari Bar

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.