BeBorghi | Cosa vedere sul Teide: i trekking, la funivia e le escursioni (con mappa)

Cosa vedere sul Teide: i trekking, la funivia e le escursioni (con mappa)

Scritto da  on 
28 Aprile 2021
  • beborghi____Teide_DSCF1617

Non potevo non dedicare un articolo intero a sua maestà il Teide, il vulcano più alto d’Europa, la montagna più alta di Spagna, la cosa più bella di tutte le Canarie per me. Una montagna alta quasi 4000 metri (è alta 3718 mt) che è sbucata dal mare miliardi di anni fa grazie ad un’eruzione sottomarina e che possiamo vedere in tutta la sua bellezza, dal livello del mare fino alla vetta. Per me questa cosa ha dell’incredibile! Quando siamo al cospetto di montagne molto alte normalmente le vediamo partendo già da una certa altitudine; nel caso del Teide invece, in meno di 1 ora si passa dalla spiaggia alla neve della vetta. Sarà che poi io sono malata di vulcani, ma il Teide (e i paesaggi intorno) è davvero qualcosa che mi ha lasciato senza parole. Se dovessi dire qual è la cosa da vedere alle Canarie potendone scegliere solo una, direi il Teide (e tutto il Parco Nazionale) senza ombra di dubbio! La vetta è visibile praticamente da ogni parte di Tenerife ma anche dalle isole vicine (La Gomera, La Palma, El Hierro e Gran Canaria); anche quando l’isola è ammantata dalle nuvole, la vetta è quasi sempre scoperta e visibile. Per le popolazioni antiche dell’isola (i guanachi) il Teide era la dimora del fuoco e la sua vetta fu per secoli un punto di riferimento fondamentale per i naviganti.  

L’escursione sul Teide e al Parco Nazionale omonimo è assolutamente da non perdere! Come vedrete nei paragrafi successivi, la salita va programmata con un certo anticipo, ma ne varrà assolutamente la pena. 

Parco Nazionale del Teide - mappa
Ph. dal sito https://www.volcanoteide.com/en

Il Parco Nazionale del Teide

Il vulcano fa parte del grande Parco Nazionale del Teide, il parco naturale più grande delle Canarie con i suoi 190 km quadrati. Il parco è circoscritto all’interno della grande Caldera de Las Cañadas, dove ci sono i magmi di eruzione di diversi vulcani, come il vulcano Montaña Blanca o Rajada, entrambi più giovani del Teide. Intorno a queste colate laviche si è poi formato una sorta di anfiteatro naturale, costituito dai resti dei vulcani del passato che sono crollati in momenti diversi della storia geologica di Tenerife. Il colpo d’occhio della Caldera de Las Cañadas che potrete vedere dalla vetta del Teide è davvero impressionante, un paesaggio apocalittico incredibilmente affascinante, fatto di formazioni rocciose dalle forme surreali, grotte e aspre vette. Il Parco Nazionale del Teide è spettacolare in qualsiasi momento dell’anno: in estate è più facile raggiungere la vetta, perchè le condizioni metereologiche sono migliori e normalmente non c’è neve, ma è in primavera che il Parco dà il suo meglio, quando la vetta è ancora innevata e i pendii si coprono di fiori. In inverno potreste non riuscire a raggiungere la vetta (se c’è troppa neve vengono chiuse anche le strade di accesso al Parco) e può fare molto freddo. 

Cosa vedere sul Teide- Las Cañadas

Come arrivare al Teide 

Arrivare al Teide in auto

Il modo più comodo per raggiungere il Parco Nazionale del Teide è l’auto, che vi permette massima libertà di movimento e di soste per camminare o scattare foto. Per arrivare al Parco ci sono 4 strade, che partono da diversi punti dell’isola. Se arrivate da Tenerife Nord ci sono la strada di La Esperanza, che attraversa il fitto bosco del Pinar de La Esperanza e passa vicino all’Osservatorio del Teide, e la strada di La Orotava, che passa dal Centro de Visitantes El Portillo, con un piccolo museo sulla storia geologica del parco. Arrivando invece da Tenerife Sud ci sono la strada di Guia de Isora, che attraversa le varie colate del Pico Viejo (quelle più recenti), e la strada di Vilaflor, tutta di curve strette, che passa attraverso una pineta e il Centro de Visitantes Cañada Blanca. Tra questi ultimi 2, vi consiglio di più il primo, è più scenografico e vi permetterà di fermarvi in alcuni mirador con delle viste superlative (Samara, Boca de Tauce, ecc). 

Arrivare al Teide con l’autobus (da Costa Adeje o Puerto de la Cruz)

È possibile raggiungere il Parco Nazionale del Teide anche in bus, da Puerto de la Cruz (a nord) o da Costa Adeje/Playa de las Américas. 

  • Bus 348 da Puerto de la Cruz: parte tutti i giorni alle 9:15 e ferma a La Orotava, a Montaña Blanca e alla base della funivia. Impiega un’ora e mezza circa. Il ritorno è poi alle 16:05 dalla stazione della funivia e ripercorre la stessa strada in senso contrario.
  • Bus 342 da Costa Adeje: parte tutti i giorni da Costa Adeje/Playa de las Américas e raggiunge Las Cañadas del Teide in due ore e un quarto. Lungo il percorso si ferma a Los Cristianos e alla Funivia del Teide, da dove riparte alle 15:40, e a Montaña Blanca.
Cosa vedere sul Teide

Esplorare il Teide con un tour

Se non avete l’auto e non siete comodi con i bus, niente paura, potrete esplorare il Parco Nazionale e salire sulla vetta del vulcano partecipando ad un tour. In questo caso vi verranno a prendere direttamente nel vostro hotel o in un punto d’incontro. Eccovi alcuni tour disponibili:

Cosa vedere sul Teide - Roques de Garcia

Cosa vedere nel Parco Nazionale del Teide

All’interno del parco potrete limitarvi a raggiungere i vari punti panoramici oppure dedicarvi anche al trekking. I sentieri sono tantissimi, di tutte le lunghezze e difficoltà. Sono tutti ben segnalati e il rischio di perdersi è praticamente inesistente. 

  • Samara: in questa zona ci sono le colate più recenti (del 1798 e del 1909) e potrete vedere la lava nera in un magnifico contrasto con il verde acceso della pineta. Da qui partono 2-3 trekking abbastanza facili e panoramici.  
  • Las Narices del Teide: queste aperture lungo il pendio del Teide si sono aperte durante l’eruzione del 1798 e sembrano, appunto, delle grandi narici. 
  • Mirador de LLano Ucanca: questo è uno dei mirador con la vista più bella, avrete il Teide davanti in tutto il suo splendore. 
  • Roques de Garcia: pinnacoli di lava solidificata molto particolari a cui hanno dato nomi molto evocativi come “La Cattedrale” o il “Dito di Dio”. Da qui potrete scattare la foto più nota del Teide, quella con il Dito di Dio e il vulcano sul background. Bello anche il trekking di 2h che circumnaviga queste formazioni. 
  • Montana Guajara: la montagna più alta dopo i Teide (2718 mt), sul “bordo” de Las Cañadas. Il trekking circolare per raggiungerla è abbastanza lungo e impegnativo (calcolate almeno 5h tra A/R), ma bellissimo (parte dal Parador Cañadas del Teide).
  • Tabonal Negro: un mare di lava formato da rocce di ossidiana e da altre rocce nere.
  • Minas de San Josè: in questa zona vi sembrerà davvero di stare su Marte! Rocce e formazioni rocciose di vari colori (verdi, rosse e gialle), a formare un paesaggio che ha dell’incredibile.
  • Osservatorio del Teide: qui si trova l’Osservatorio solare più grande al mondo e altri telescopi che fanno di questa zona uno dei luoghi migliori per vedere la volta celeste nell’emisfero settentrionale. È il gemello dell’Osservatorio de La Palma ed è possibile visitarlo (trovate tutte le info sul sito). 
Cosa vedere sul Teide - Samara
Cosa vedere sul Teide - Las narices  del Teide
Cosa vedere sul Teide - Minas de San Josè

Come salire sul Teide (3555 mt – La Rambleta)

Tranne in condizioni climatiche davvero pessime (ovvero neve che blocca le strade di accesso), il Parco Nazionale del Teide è praticamente sempre aperto e potrete raggiungerlo liberamente. La stessa cosa non si può dire per la salita sul Teide, che sia solo fino a 3555 mt o fino alla vetta a 3718 mt. Le condizioni metereologiche (il vento soprattutto) a queste quote cambiano in maniera molto repentina e potreste trovare alcuni sentieri e/o la funivia chiusi. Prima di mettervi in macchina, la mattina stessa, controllate sempre il meteo e le condizioni di apertura dei sentieri e  della funivia dal sito ufficiale.  

Salire sul Teide a piedi

Se siete in buona forma fisica e siete allenati potete pensare di salire sul Teide a piedi, partendo dalla strada e guadagnarvi la vetta. La salita inizia a Montaña Blanca, a 2.320 mt, esattamente in questo punto. Se non trovate posto per la vostra auto qui (ci sono pochi posti), dovrete necessariamente parcheggiare o al parcheggio della funivia o nei pochi parcheggi dei mirador vicini e poi raggiungere il punto di partenza a piedi. La salita è tosta (sono 1500 mt di dislivello fino alla vetta!) e mediamente si impiegano circa 5h (solo salita). Calcolate anche che a queste altitudini l’ossigeno è rarefatto e si fa ancora più fatica del normale. Il sentiero passa per il Rifugio Altavista (3.260 mt) quindi potete pensare (e molti lo fanno) di iniziare la salita prima del tramonto, fermarvi a dormire al rifugio, e poi salire all’alba sulla vetta del Teide (in questo caso non vi servirà neanche richiedere il permesso (vedi sotto). Il Rifugio va prenotato con anticipo e dovrete controllare anche che sia aperto (al momento è chiuso per il rispetto delle norme anti-Covid). Una volta sù potrete decidere se scendere a piedi o con la funivia (21 euro). 

Salire sul Teide in funivia 

L’alternativa più comoda è quella di salire con la funivia, che sale di 1199 mt in soli 8’ (proibitiva per i cardiopatici e per chi soffre di vertigini), e va dalla Stazione Base (2356 mt) fino a La Rambleta (3555 mt). In questo periodo, con l’isola vuota rispetto al solito, non c’è bisogno di prenotare con anticipo, ma normalmente invece sì. In condizioni pre-covid andava prenotata almeno 1 settimana prima o più. Potete prenotare/comprare i biglietti dal sito ufficiale (21 euro solo andata o discesa, 37 euro A/R). Se le condizioni meteo sono avverse, la funivia viene chiusa senza preavviso, ma avrete la possibilità di spostare il biglietto o richiedere il rimborso. Proprio per questo motivo, se avete intenzione di stare pochi giorni a Tenerife, prenotatevi il Teide per i primi giorni, così, nel caso di cancellazioni, avrete altri giorni di margine per provare a salire.

Funivia del Teide

Come richiedere il permesso per salire sulla vetta del Teide (3718 mt)

L’arrivo della funivia si trova a 3555 mt, ma la vetta del Teide si trova 160 mt più in alto. Per raggiungere la cima e vedere il cratere avrete però bisogno di un permesso perchè l’accesso è limitato a 200 persone al giorno (ricordiamoci che parliamo pur sempre di un vulcano attivo!). Questo permesso va richiesto con largo anticipo (pre-covid significava anche 2 mesi prima, ora bastano alcuni giorni prima) tramite il sito dei Parchi Naturali Spagnoli. Avrete la possibilità di scegliere tra 4 fasce orarie: 9-11, 11-13, 13-15, 15-17. Fuori da questi orari, quindi prima delle 9 e dopo le 17, l’ingresso è libero (ma non arriva e trovare posto tramite questo sito, potete valutare di comprare un biglietto combinato funivia+permesso permesso per la vetta dal sito di Civitatis (non c’è però tutti i giorni). Solo in alcuni giorni particolari, inoltre, è possibile salire con la funivia al tramonto, e da lì sulla vetta, per godersi lo spettacolo (potete comprare il biglietto tramite questo sito).  

Vulcano Teide - la vetta

Cosa fare sul Teide: i sentieri sulla cima

Se volete salire sulla vetta ma non trovate il permesso, non disperatevi perchè la vista migliore, in realtà, si trova più in basso. Almeno per me, è quella che si gode dal Belvedere del Pico Viejo. Dall’arrivo della funivia a La Rambleta, infatti, potrete liberamente seguire 2 sentieri per vedere altrettanti punti panoramici (i sentieri N. 11-12); sono praticamente in piano, o poco più, ma con la rarefazione dell’ossigeno avrete comunque l’affanno e qualche giramento di testa (ma dipende da persona a persona). Il sentiero N.10 è invece quello ad ingresso contingentato che arriva sulla vetta.

Sentiero N.12 Belvedere Pico Viejo 

Questo sentiero si snoda alla sinistra della funivia e regala, per me, le viste più belle. Si passa vicino a rocce di vari colori (gialle, rosse e bianche), prima di arrivare al Mirador da cui avrete una vista pazzesca sul cratere collassato del vulcano Pico Viejo (uno dei più grandi delle Canarie) e sulle isole di El Hierro, La Gomera e La Palma. Il Pico Viejo si trova all’apice della dorsale di Abeque, dove si concentrano i vulcani più recenti di Tenerife (tra cui il Chinyero, che ha eruttato nel 1909).

Sentiero N.11 Belvedere La Fortaleza

Il sentiero de La Fortaleza si snoda invece alla destra della funivia per raggiungere il mirador omonimo. Da qui potrete vedere tutta la zona nord di Tenerife, con il massiccio di Anaga e la valle de La Orotava, e Gran Canaria sullo sfondo. Se avete il permesso per salire sulla vetta, potete evitare di venire qui perchè avrete più o meno la stessa visuale. 

Sentiero N.10 Telesforo Bravo (vetta del Teide)

Questo sentiero sale verso la vetta del Teide, il cono apicale formatosi con l’ultima eruzione del vulcano. Per raggiungerlo si sale lungo l’inizio di quello che fu un fiume di lava, una specie di tunnel con le pareti elevate. Il sentiero è corto (sono 160 mt i metri di dislivello), ma mooolto faticoso, sia perchè ripido, sia per la mancanza di ossigeno. Camminando piano si arriva sulla vetta in circa 20 minuti. Come vedrete, nel cono, ci sono ancora delle solfatare che emanano vapori e calore, quindi bisogna fare attenzione. Da qui ovviamente la vista spazia a 360° su tutta l’isola ed è uno spettacolo che lascia davvero senza parole. Sarete arrivati sulla vetta più alta di Spagna, riposatevi e godetevi questa meraviglia!

Vulcano Teide - cartina
Ph. dal sito https://www.volcanoteide.com/en
Mirador del Pico Viejo
Vista dal Teide
Vista dalla vetta del Teide

Come vestirsi per salire sul Teide

Quando si parte per Tenerife si potrebbe partire con costumi, ciabatte, pantaloncini e poco più, ma vi servirà dell’altro se avete intenzione di salire sul Teide! Sia che ci andiate in estate, che in inverno, a 3718 mt fa freddo e dovrete coprirvi. In inverno le temperature in quota possono scendere abbondantemente sotto zero, mentre in estate magari parliamo di temperature che oscillano intorno ai 5-10°. Se poi beccate una giornata di vento, rischiate di patire il freddo ancora di più! 

Se volete salire sul Teide, che sia a piedi o con la funivia, vi consiglio di infilare nella valigia almeno una maglia termica, una felpa pesante, un piumino 100 gr, una giacca antivento, guanti, sciarpa e (in inverno) una calzamaglia da mettere sotto i pantaloni. 

Come vestirsi per salire sul Teide

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli che ho scritto sulle Canarie:

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.