BeBorghi | Viaggio in Thailandia: come organizzarlo

Viaggio in Thailandia: come organizzarlo

Scritto da  on 
5 Aprile 2020
  • chang mai - Doi Suthep

Ho raccolto in questo articolo tutte le informazioni pratiche per organizzare un viaggio in Thailandia. Spero di non essermi dimenticata nulla!

Documenti necessari per entrare in Thailandia

I cittadini italiani possono entrare e soggiornare in Thailandia fino a 30 giorni senza richiedere il visto: si chiama esenzione del visto turistico (da non confondersi con il “visto all’ingresso”). È richiesto solo un passaporto valido per almeno 6 mesi dalla data d’ingresso nel paese. I requisiti però possono sempre cambiare (come abbiamo potuto toccare tutti con mano durante la pandemia da Covid!) quindi vi consiglio sempre di consultare il sito del Ministero degli Esteri prima di partire

La moneta e le carte di credito

La valuta thailandese è il Bath: ad aprile 2020 il cambio era più o meno 36B=1 euro, ma il tasso di cambio oscilla molto. I bancomat (ATM) si trovano ovunque, anche nei centri più piccoli, spesso anche all’interno dei supermercati e dei 7Eleven. L’unica cosa è che, praticamente con tutte le carte di credito (Revolut inclusa) ad ogni prelievo viene applicata una commissione di 220B (6 euro). Anche pagando direttamente con carta di credito spesso viene applicata una commissione del 5-6%. Il mio consiglio è quello di portarvi abbastanza contante da cambiare lì (i cambi si trovano ovunque) per evitare di pagare 6 euro o più su ogni prelievo. La Thailandia è un paese sicuro e non ci sono particolari problemi a girare con tanti soldi. Quando dovete pagare qualcosa, qualsiasi cosa, ricordatevi sempre di contrattare sul prezzo! È una pratica comune in Thailandia (come in tutto il sud-est Asiatico) e tutti si aspettano che lo facciate! 

Sim telefonica e connessione a Internet

In Thailandia tutti hanno un cellulare e la velocità di connessione è pazzesca. Per risparmiare (e per navigare velocemente in  4 o 5G) vi conviene comprare una SIM locale direttamente in aeroporto, all’arrivo. Tutti gli operatori più o meno si equivalgono e hanno prezzi paragonabili. Troverete i baracchini delle diverse compagnie subito fuori dagli arrivi. I contratti sono più o meno così: SIM valida 8 giorni con 3G inclusi ad alta velocità (poi si riduce) per 300B (8,5 euro),  SIM valida per 15 giorni con 5G per 500B (14 euro), o infine SIM valida per 1 mese con 10G per 750B (21 euro). 

Potrebbe interessarti anche:  Bangkok: dove dormire, dove mangiare e come spostarsi
Koh Kood cosa vedere

Quando andare in Thailandia

La Thailandia ha 3 stagioni principali, la la stagione delle piogge da maggio a ottobre causata dal monsone di sud-ovest, la stagione fresca da novembre a febbraio (più fresca a nord che a sud) e la stagione calda da marzo a maggio. La costa e le isole del Golfo (come Koh Samui, Koh Chang, Koh Kood, ecc) ha un clima un pò diverso: è toccata meno dal monsone di sud-ovest, ma subisce quello di nord est che porta tante piogge nei mesi di settembre-ottobre-novembre. Se intendete fare un viaggio che includa il sud e il nord del paese più alcune isole il periodo migliore va da dicembre a marzo. L’alta stagione turistica si concentra durante le vacanze di Natale/Capodanno e durante il Capodanno Cinese. In questi periodi i prezzi sono più alti e dovrete prenotare con un certo anticipo alloggi e voli interni. 

Viaggio in Thailandia:l’assicurazione sanitaria è necessaria

In Thailandia la nostra copertura sanitaria non vale. Il mio consiglio è quello di fare sempre un’assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio. Io mi trovo molto bene con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farlo dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio (paese, durata, ecc) e vi manderanno una mail con le proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!).

chang mai - Doi Suthep

Come spostarsi in Thailandia

Spostarsi in Thailandia, come in tutto il sud-est asiatico, è molto semplice e comodo, perchè esistono tantissimi collegamenti efficienti ed economici con bus, treni, traghetti e voli interni. I bus e i treni hanno diverse categorie e diverse classi, e le categorie più alte sono super confortevoli. I treni notturni, ad esempio, sono decisamente meglio di quelli italiani (ci vuole poco mi direte voi!). Le principali località turistiche come Chang Mai, Pukhet, Koh Samui e tante altre sono collegate anche da voli interni frequenti ed economici. Per cercare/comprare i biglietti più convenienti e comodi per voi vi consiglio di utilizzare questo sito. Io l’ho usato per comprare qualsiasi tipo di transfer e mi sono trovata sempre benissimo! 

Noleggiare un auto o un motorino: serve la patente internazionale?

In alcune zone del paese (ad esempio il nord) o sulle isole può essere comodo noleggiare un auto, una moto o un motorino. Per questi ultimi 2 spesso non vi chiederanno neanche la patente, ma vi consiglio di 1) affidarvi a delle compagnie di noleggio note (ove possibile almeno), soprattutto per il noleggio di un auto (io di solito uso Rentalcars) e 2) portarvi dietro la patente internazionale, se ce l’avete, anche se non è obbligatoria. Nel caso in cui doveste avere un incidente, l’assicurazione potrebbe non pagare se non ce l’avete (in ogni caso, informatevi prima bene di affittare qualsiasi mezzo!). 

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere ad Ayutthaya (Thailandia)
viaggio in Thailandia: come spostarsi

Quanto costa un viaggio in Thailandia?

La Thailandia è un paese abbastanza economico per gli italiani; da qualche anno il tasso di cambio del Bath sull’euro è salito e la moneta thailandese ha acquisito più potere, ma nonostante questo, rimane un paese economico per noi. C’è anche da dire che in Thailandia l’offerta è davvero ampia e variegata, si può dormire in ostelli da 5 euro a notte, fino ai resort a 5 stelle da 1500 euro a notte, e lo stesso vale per il mangiare. Lo street food è buonissimo e super-economico, ma esistono anche tantissimi ristoranti di livello con prezzi simili a quelli europei. Diciamo che per viaggiare con un comfort medio (hotel a 3 stelle, ristorantini e spostamenti in treno/bus), dovrete calcolare più o meno 40-50 euro al giorno a persona. 

La Thailandia è pericolosa?

No, la Thailandia non è affatto pericolosa!! La maggior parte dei thailandesi è di religione buddista e, perlomeno nella mia esperienza personale, in tutti i paesi buddisti mi sono sempre sentita molto sicura, anche quando viaggiavo da sola. I thailandesi sono un popolo estremamente pacifico e i reati a carico dei turisti sono veramente pochi. Come sempre l’unica regola che vi consiglio di seguire è il buon senso! 

Bisogna fare delle vaccinazioni per la Thailandia?

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie da fare e io non ne ho mai fatte, nè per la Thailandia, nè per gli altri paesi dell’Asia e del sud-est asiatico, ma vi consiglio di consultare sempre  il sito del Ministero degli Esteri prima di partire. In alcune zone della Thailandia, soprattutto durante il monsone, c’è la dengue e in pochissime zone (come sull’isola di Koh Kood e vicino al confine con la Cambogia) c’è la malaria. Queste malattie, come sapete, sono trasmesse dalla zanzara quindi è opportuno e consigliato utilizzare sempre un repellente. Su alcune isole (es.a Koh Kood, ma non solo) ci sono delle zanzare che escono al tramonto (di cui non ricordo il nome) che fanno dei pizzichi fastidiosissimi che durano per più di 10 giorni quindi..portatevi sempre dietro il repellente!! 

Cosa portare in Thailandia

Tra le cose da non dimenticare assolutamente quando si organizza un viaggio in Thailandia ci sono sicuramente:

  • Antizanzare
  • pareo/pantaloni leggeri per coprirsi nei templi
  • Felpa (per l’A/C sui mezzi di trasporto e nei ristoranti)
  • K-way per la pioggia
viaggio thailandia: itinerario

Viaggio in Thailandia: itinerario di 2 settimane

  1. arrivo a Bangkok
  2. Ayutthaya e transfer notturno per Chang Mai
  3. Chang Mai
  4. Chang Mai
  5. Pai 
  6. Pai e ritorno a Chang Mai
  7. Chang Rai 
  8. volo per Bangkok + Koh Samui/Pukhet/Trat
  9. isole (Similan, Surin, Kho Pha Ngan, Koh Tao, Koh Kood)
  10. isole 
  11. isole
  12. ritorno a Bangkok 
  13. Bangkok
  14. Bangkok
Potrebbe interessarti anche:  Koh Kood (Thailandia): cosa vedere
Phi Phi

Viaggio in Thailandia: itinerario di 3 settimane

  1. arrivo a Bangkok
  2. Ayutthaya e transfer notturno per Sukhotai
  3. Sukhotai
  4. transfer a Chang Mai
  5. Chang Mai
  6. Chang Mai
  7. Pai 
  8. Pai
  9. Pai e ritorno a Chang Mai
  10. Chang Rai 
  11. volo per Bangkok + Koh Samui/Pukhet/Trat
  12. isole (Similan, Surin, Kho Pha Ngan, Koh Tao, Koh Kood)
  13. isole 
  14. isole
  15. isole
  16. isole
  17. isole
  18. ritorno a Bangkok 
  19. Bangkok
  20. Bangkok
  21. Bangkok
  22. Bangkok
Ayutthaya

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.