BeBorghi | Cosa vedere a Vienna in 3 giorni (o più): 15 luoghi da non perdere

Cosa vedere a Vienna in 3 giorni (o più): 15 luoghi da non perdere

Scritto da  on 
7 Novembre 2020
  • Vienna - Hofburg

Vienna, la città imperiale per definizione in Europa, la capitale reale dell’impero asburgico, con i suoi magnifici palazzi e i suoi grandi viali. Ma Vienna è molto di più del suo glorioso passato, è anche una città proiettata al futuro, con un vivace patrimonio artistico e culturale e un’altissima qualità della vita. Per me, e lo dico davvero fuori dai denti, è una della capitali più belle ed interessanti d’Europa (io la metto nella top 5 insieme a Praga, Lisbona, Parigi e Istanbul). È una città che ha un’incredibile quantità di cose da fare e da vedere, sia in città che nei dintorni, e non ci si annoia mai. Personalmente ci sono stata già 3 o 4 volte, ma sono sicura che continuerò a tornarci perchè il tempo non è mai abbastanza. In questo articolo vi parlerò soprattutto dei “must see”, di cosa fare e visitare a Vienna in 3 giorni se ci andate per la prima volta. Tre giorni sono davvero il minimo sindacale per poter apprezzare le diverse anime della città. Se non volete perdere tempo prezioso ed iniziare ad orientarvi da subito appena arrivati in città vi consiglio di partecipare a questo free tour di 2h e 30’ (in inglese). Inizia dall’Albertina e passa per le attrazioni principali del centro storico (l’Hofburg, il Duomo di Sante Stefano, ecc). Esiste anche una versione serale, che dura 2h (a questo link trovate tutte le info sul free tour serale di Vienna). In entrambi i casi ricordatevi di prenotare prima dal sito. 

Come raggiungere il centro di Vienna dall’aeroporto 

L’Aeroporto Internazionale di Vienna si trova circa a 20 km a sud della città e il centro cittadino è raggiungibile in diversi modi. In base a dove avete l’hotel, potete prendere:

  1. Il City Airport Train (CAT): il modo più rapido, che collega l’aeroporto con Wien Mitte (Vienna Centro) in soli 16 minuti (12 euro sola andata o 21 A/R- parte ogni 30’)
  2. La linea S7 della metropolitana leggera (S-Bahn): parte ogni 30 minuti e arriva a Wien Mitte e Wien Praterstern in circa 25-30’. Da lì potete poi cambiare linea dell S-Bahn o prendere la metropolitana (U-Bahn) per raggiungere il vostro hotel (4,20 euro oppure 1,8 euro se avete la Vienna City Card – vedi paragrafo sotto)
  3. I treni Railjet delle Ferrovie Austriache (ÖBB) che collegano l’aeroporto alla Stazione centrale di Vienna e alla stazione Wien Meidling. Anche questi partono ogni 30’ e si impiegano 15 minuti per raggiungere la Stazione Centrale o 30’ per la stazione Wien Meidling (4,20 euro oppure 1,8 euro se avete la Vienna City Card – vedi paragrafo sotto).
  4. Con gli autobus delle Vienna Airport Lines potete raggiungere direttamente il centro di Vienna, il Donauzentrum passando per il centro fieristico e il Vienna International Centre (VIC)/Austria Center Vienna oppure la stazione ferroviaria Westbahnhof e la stazione Centrale di Vienna. Esistono 3 linee diverse. Trovate tutte le info su questo sito (7 euro sola andata o 13 euro A/R- 1 euro di sconto con la Vienna City Card).

Come spostarsi a Vienna

Spostarsi a Vienna è facilissimo!! Il centro storico, quello all’interno della Ringstrasse può essere visitato tutto a piedi. Per spostarsi altrove, potete utilizzare una delle 5 linee della metropolitana (U-Bahn), quelle della metropolitana leggera (S-Bahn), i tram e gli autobus. Qui trovate la mappa scaricabile. In alternativa, ci sono Uber (che qui costa molto poco) o i taxi. Per vedere qual è il modo migliore per raggiungere una destinazione io di solito uso Citymapper, che funziona in tutto il mondo e vi da tutte le info possibili e immaginabili (è un app gratuita!). Il biglietto singolo costa 2,4 euro. 

Vienna City Card

Se volete unire il trasporto pubblico con tantissimi sconti in musei ed attrazioni della città vi può convenire comprare la Vienna City Card da 24-48 o 72h.  La card si può comprare online o negli uffici del turismo in loco e dovrete solo convalidare il pass alla prima biglietteria automatica. Dopo la convalida, avrete 24, 48 o 72 ore per sfruttare l’utilizzo gratuito e illimitato dei mezzi pubblici come metropolitana, treni locali, autobus diurni e notturni e utilizzare gli sconti in numerosi musei, mostre, teatri, concerti, negozi, caffè, ristoranti e taverne di Vienna. Trovate tutte le info su questo sito

Vienna - Sacher Torte

Dove dormire a Vienna

The Levante Rathaus Apartment : io ho dormito in un carinissimo appartamento di questo palazzo che si trova in una via tranquilla a pochi passi dal Rathaus e ve lo consiglio. Hanno appartamenti con o senza cucina, tutti molto carini e super accessoriati, lo staff è molto gentile e ci sono caffè e thè a disposizione per tutto il giorno. Gli appartamenti sono molto silenziosi e a 15’ dal Duomo di S.Stefano o dall’Hofburg e, cosa non da poco, il rapporto qualità/prezzo è ottimo! Sulla stessa via poi c’è una pizzeria napoletana buonissima (si chiama Via Toledo e la pizza è come in Italia) e un ristorante tipico dove sono andata per ben 2 volte per quanto mi è piaciuto (il Zur Bohmischen Kuchl). 

Vienna - Dove dormire
Vienna - The Levante Rathaus

Cosa vedere a Vienna: tutti i luoghi da non perdere

1. Duomo di Santo Stefano

Il Duomo di Santo Stefano è uno dei simboli di Vienna, un capolavoro gotico che si trova nell’omonima piazza, proprio nel cuore del centro storico. La cosa che colpisce di più quando ci trova lì davanti è il bellissimo tetto di tegole smaltate, colorate. Da un lato  forma lo stemma dell’aquila bicefala dell’impero asburgico e gli stemmi della città di Vienna e dell’Austria. Il duomo ha 4 torri, con la più alta di 136,44 metri; salendo una scala di 343 gradini si può raggiungere la sua sommità e godere di una vista sconfinata su tutta Vienna. All’interno c’è un bellissimo pulpito in pietra in stile gotico, l’altare maggiore in stile barocco, altari e cappelle laterali di grande pregio, il tesoro del duomo e numerosi sepolcri di personaggi storici importanti (come l’imperatore Federico III e il principe Eugenio di Savoia). Potete avere una bella vista del tetto del Duomo e dei dintorni anche dalla terrazza del Cafè Sky. Non lontano dal Duomo vale la pena entrare anche nella chiesa Greco-ortodossa che si trova in Fleischmarkt al 13 (mi ringrazierete..).  

2. Hofburg: la residenza invernale degli Asburgo 

Vienna è sinonimo di impero Asburgico, di Maria Teresa d’Austria, di Francesco Giuseppe e di sua moglie la principessa Sissi, e il palazzo imperiale dell’Hofburg rappresenta proprio la massima espressione della loro ricchezza e del loro potere. Più che di palazzo in realtà bisognerebbe parlare di città nella città. La residenza invernale degli Asburgo infatti è costituita da molti edifici vicini tra loro che sono stati ampliati e rimodernati sin dal XIII secolo; palazzi in cui gli Asburgo vissero per ben 600 anni, dal 1279 fino al 1918. Uno dei palazzi oggi ospita gli uffici del Presidente della Repubblica, gli altri..vari musei, biblioteche, cappelle e altri monumenti. Cosa vi consiglio di visitare nell’Hofburg? Di sicuro il Museo di Sissi e gli Appartamenti reali, la Biblioteca Nazionale e la chiesa Austinerkirche. Gli appartamenti reali sono quelli dove visse Sissi insieme a Francesco Giuseppe e le sale sono magnifiche! Con lo stesso biglietto si visita anche il Museo dell’Argenteria, con tutti i servizi usati dai regnanti (semplicemente pazzeschi! Ingresso 14 euro). Ma il pezzo forte dell’Hofburg per me è la Biblioteca Nazionale, una delle biblioteche storiche più belle del mondo. Il Salone di Gala in stile barocco della biblioteca vi lascerà senza parole, davvero (ingresso 7 euro). Proprio lì accanto non perdetevi poi Austinerkirche, una chiesa neogotica nel cui interno si trova la tomba della figlia di Maria Teresa ad opera del Canova..un capolavoro. Se avete più tempo potete visitare anche il Tesoro Imperiale (Schatzkammer) e la Cripta Imperiale (Kaisergruft) dove riposa la maggior parte dei membri della famiglia reale. 

Vienna - S.Stefano
Vienna - Hofburg
Vienna -Biblioteca Nazionale

3. Leopold Museum: i capolavori del Modernismo

A Vienna c’è una quantità di musei importanti davvero imbarazzante, quindi sarete costretti a scegliere in base ai vostri gusti e ai vostri interessi. Quelli che trovate citati in questo articolo rappresentano quindi solo la mia personalissima selezione. Diversi musei si trovano nel Museumquartier, uno dei complessi museali più grandi del mondo, con 60.000 metri quadri di spazi espositivi che vanno dall’arte antica a quella contemporanea. Tra quelli ospitati al suo interno, uno assolutamente da non perdere è sicuramente il Leopold Museum, che comprende una delle collezioni più grandi del Modernismo austriaco, con tantissimi quadri di Klimt, Schiele, Kokoschka, Moser e altri (ingresso 12 euro). 

4. Schloss Belvedere superiore e inferiore

Il palazzo del Belvedere è considerato uno dei palazzi barocchi più belli del mondo e fu costruito per il principe Eugenio di Savoia nel 1714 circa. Prima ci fu il Belvedere Inferiore (la residenza estiva del principe), poi venne costruito anche quello Superiore, utilizzato per le feste e i banchetti di corte. Tra i due un bellissimo giardino alla francese. Alla morte del principe il palazzo venne comprato dagli Asburgo e divenne un’altra residenza ufficiale. Il Belvedere Superiore oggi ospita una ricchissima collezione d’arte (che include il famoso Bacio di Klimt– di fatto è la più grande collezione al mondo di quadri dell’artista, ce ne sono ben 24). Nel Belvedere Inferiore si possono invece visitare gli appartamenti privati e le sale da cerimonia del principe, tutto in stile barocco naturalmente. 

Vienna _Leopold Museum
Vienna - Belvedere

5. La Ringstrasse (Rathaus, Palazzo di Giustizia,ecc) 

La Ringstrasse (o semplicemente Ring come viene chiamata) è il grande viale alberato che circonda il centro storico di Vienna, seguendo il percorso delle antiche mura. Quella che vediamo oggi fa tracciata a metà dell’800 da Francesco Giuseppe, che fece costruire tutta una serie di sontuosi edifici che oggi vi si affacciano. Tra questi c’è il Rathaus (Municipio), l’edificio più sontuoso del Ring, immenso in stile gotico, davanti al quale a dicembre viene montato uno dei mercatini di Natale più grandi di Vienna. Altri palazzi da visitare sono anche il Parlamento, con la sua facciata neoclassica e una grande fontana di Atena e l’Università, dove si può entrare liberamente anche di sera tardi (io ve l’ho detto, ma vi consiglio la visita guidata per vedere anche le sale interne). Infine il Palazzo di Giustizia (Justizpalast), con un bellissimo atrio fatto di scalinate, portici e tetti in vetro. 

6. Palazzo della Secessione

Vienna è famosa, tra le altre cose, anche per aver dato il via ad un movimento passato alla storia con il nome di Secessione viennese. Gli artefici furono 19 artisti d’avanguardia, tra cui Klimt, Hoffmann e Moser, che progettarono e costruirono questo palazzo modernista come spazio espositivo per esporre le loro e altre opere. Oggi il palazzo ospita esposizioni di arte contemporanea (10-15 all’anno) e l’esposizione permanente del famoso Fregio di Beethoven di Klimt. Personalmente, a meno che non siate appassionati di Klimt e vogliate vedere tutte le sue opere presenti a Vienna, il Palazzo della Secessione vale più la pena vederlo da fuori che dentro..ma valutate voi. Se amate questo movimento artistico comunque vi consiglio di partecipare al Tour gratuito della Vienna Modernista, un tour di 2h alla scoperta degli edifici modernisti più belli della città.

Vienna - Rathaus
Vienna - Università
Vienna - Secessione

7. Karlskirke (Chiesa di San Carlo) 

Insieme al Duomo di Santo Stefano la Karlskirke per me rimane la chiesa più bella di Vienna. Questa chiesa barocca fu costruita tra il 1716 e il 1739 e ha due grandi colonne sulla facciata che si ispirano alla Colonna Traiana di Roma. La cupola raggiunge i 72 metri e ci si può salire con un ascensore per vedere da vicino i bellissimi affreschi. Quando sono stata a Vienna l’ultima volta (ottobre 2020) al suo interno c’era anche una grande installazione di Tomas Saraceno..megnifica!! Di fronte alla chiesa c’è un laghetto con una scultura di Henry Moore che vi permette di fare delle foto magnifiche sfruttando il riflesso sull’acqua. 

8. Naschmarkt e gli edifici liberty di Otto Wagner 

Poco lontano da Karlskirke parte la grande Kettenbruckengasse, un vialone in cui si trova il Naschmarkt (“mercato delle ghiottonerie”) ovvero il mercato più famoso di Vienna, che nacque nel XVIII come mercato agricolo. Oggi questo mercato è un mix tra mercato tradizionale, con bancarelle di frutta, verdura, carne, ecc…e banchetti/piccoli ristorantini di street food dove potete trovare di tutto, dai tipici wurstel allo street food etnico. Ma vi consiglio di venire qui soprattutto per vedere i bellissimi palazzi in stile liberty progettati da Otto Wagner. Li individuerete subito perchè sono rivestiti di piastrelle con motivi floreali oppure ornati da pregevoli bassorilievi. Se volete fare una pausa, fermatevi al Cafè Savoy o al Cafè Sperl (due caffè storici molto belli che si trovano proprio a due passi). 

Vienna - Karlskirke
Vienna - Otto Wagner
Vienna - Otto Wagner

9. Hundertwasser Haus e Kunst Haus 

Con questi nomi impronunciabili ci si riferisce a due particolarissimi edifici progettati da Friedensreich Hunderwasser, uno degli architetti/artisti/ecologisti austriaci più importanti del XX secolo. Hunderwasser può essere considerato un antesignano della bio-architettura, e i suoi palazzi e le sue superfici si ispirano proprio alla morbida irregolarità delle forme organiche, nessuna linea retta, nessuna perfezione. La Hunderwasser Haus è una palazzina di edilizia popolare gestita dal comune di Vienna e non visitabile all’interno (gli appartamenti vengono affittati al prezzo di 5 euro al metro quadro). Il comune verifica la reale necessità della famiglia e predilige quei nuclei in cui è presente un individuo particolarmente interessato ed attivo nel mondo artistico contemporaneo. Potete invece visitare gli interni della Kunst Haus, un altro edificio sempre progettato da lui che ospita il Museo Hunderwasser, dove potete vedere i suoi dipinti, le sue opere grafiche e capire le sue teorie in ambito architettonico e naturalistico. Molto bello anche il bar nel giardino interno. 

10. Spittelau: il Fernwärme e la Facoltà di Architettura di Zaha Hadid 

Spostandoci lungo il canale del Danubio verso nord si raggiunge la zona di Spittelau, vicino al grande campus universitario di Altes AKH, nato dalla trasformazione di un ospedale del ‘700. Come tutte le zone universitarie, questa zona è molto animata sia di giorno che di sera e lungo il canale ci sono tantissimi bar e club, oltre che un bel numero di opere di street art. A questo proposito, le più belle si trovano sotto alla Facoltà di Architettura progettata dall’archistar Zaha Hadid, che si affaccia proprio sul canale. Subito dietro non potrete non notare un altro edificio progettato da Hunterwasser: il Fernwärme, un magnifico edificio colorato che nasconde al suo interno un inceneritore di rifiuti. 

Vienna - Hunderwasser Haus
Vienna - Spittelau
Vienna - Hunderwasser

11. Castello di Schönbrunn: la residenza estiva degli Asburgo

Torniamo adesso alla dinastia asburgica per visitare la loro residenza estiva, il magnifico castello di Schönbrunn, che si trova a sud della città. Inizialmente progettato per essere la tenuta di caccia di Ferdinando II, venne ingrandito da Leopoldo I e scelto da Maria Teresa come residenza della sua famiglia e della corte imperiale. Il castello e i suoi immensi giardini sono secondi solo alla reggia di Versailles in quanto a sfoggio di potere e di ricchezza. L’interno del palazzo comprende 1441 stanze, tutte arredate in stile rococò e quello che si può visitare oggi sono i sontuosi appartamenti imperiali. Le stanze aperte sono 40: potete visitarle tutte (e ve lo consiglio) se comprate il biglietto Grand Tour (22 euro) oppure solo 26 se comprate il biglietto Imperial Tour (18 euro). Le sale più belle si visitano perl solo con il Grand Tour. I magnifici giardini alla francese sono invece gratuiti; dovrete pagare un biglietto solo per salire sulla terrazza panoramica della Gloriette, un monumento da cui si può vedere tutto il parco fino al palazzo. Se avete tempo fermatevi a bere qualcosa nel bellissimo cafè che si trova all’interno della Gloriette. Per un’esperienza ancora più immersiva potete assistere ad un concerto di musica classica all’interno del castello; qui trovate tutte le info per prenotare

12. Museo di Storia dell’Arte (Kunsthistorisches Museum)

Tra le cose da vedere a Vienna c’è sicuramente anche il Museo di Storia dell’Arte (soprattutto se siete amanti dell’arte pittorica del XVI e XVII secolo). Il Kunsthistorisches Museum è uno dei più antichi e ricchi musei del mondo e venne inaugurato ufficialmente il 17 ottobre 1891 alla presenza dell’imperatore Francesco Giuseppe I d’Asburgo. L’imperatore lo commissionò per contenere l’immensa collezione di opere d’arte degli Asburgo e rendere il loro patrimonio accessibile a tutti. La parte più importante del museo è indubbiamente la Galleria di Pittura, che espone opere di Correggio, Mantegna, Tintoretto, Veronese, Canova, Michelangelo e tanti altri. Oltre ai dipinti è presente anche una collezione egizia-orientale, una delle antichità romane e greche, quella della scultura e delle arti decorative e il gabinetto numismatico.

Vienna - Schönbrunn
Vienna - Schönbrunn
Vienna - Schönbrunn

13. I Caffè storici (Sacher, Central, ecc) 

Una delle esperienze da non perdere nella capitale austriaca è quella di sedersi in una delle tante e leggendarie caffetterie della città. Gli austriaci amano molto sedersi al bar, prendere un caffè e leggere il giornale con tutta calma, magari mangiando anche un dolce o qualche altra prelibatezza. Alcuni caffè storici sono molto sfarzosi ed eleganti (come il Cafè Central, il Cafè Demel o il Cafè Savoy ad esempio), mentre altri sono più sobri, come il Cafè Sperl e il Cafè Korb (il preferito di Freud). Una menzione a parte la merita il Cafè dell’Hotel Sacher, una vera istituzione a Vienna, Qui si viene per mangiare la vera e autentica Sacher Torte (la mia torta preferita in assoluto!) e apprezzare il suo lussuoso arredamento. Seduti su quei divanetti di velluto rosso ci sentiamo tutti un pò nobili..diciamo la verità! 

14. Case Museo (Mozart, Freud, Strauss..)

Negli suoi anni d’oro Vienna è stata abitata da un numero imprecisato di musicisti, artisti, scienziati che hanno avuto poi un impatto in tutto il mondo nei secoli a seguire. Parliamo di Mozart, Beethoven, Freud, Strauss, Klimt, Schubert e tanti altri. Alcune delle abitazioni dove questi personaggi storici trascorsero alcuni o molti anni oggi sono diventate case museo e si possono visitare. Tra le più significativa ci sono sicuramente la Casa di Mozart, che si trova vicino al Duomo di S.Stefano, dove il musicista trascorse 2 anni e mezzo e la Casa di Freud. In quest’ultima il grande psicanalista trascorse quasi 40 anni, fino al 1938 quando fu costretto a lasciare Vienna a seguito delle leggi razziali. Oggi ospita un museo con diversi cimeli che testimoniano il suo lavoro e le sue passioni. Altre case interessanti sono la villa di Klimt, che utilizzò come atelier fino alla sua morte, la casa di Beethoven, quella di Schubert e quella di Strauss

15.Prater

Chiudo questa mia selezione sui luoghi da non perdere a Vienna con il Prater, nome che indica sia il parco divertimenti con la famosissima ruota panoramica, che un grande parco. Quest ultimo si estende per 60 kmq e venne aperto al pubblico nel 1766, dopo esser stato la riserva di caccia di Giuseppe II. Una bellissima oasi verde a due passi dal centro di Vienna, vicina anche all’isola sul Danubio dove i viennesi in estate vengono in spiaggia, a fare sport acquatici o a passeggiare. 

Se avete più tempo vi consiglio di visitare anche: 

  • Kirche Am Steinhof (progettata da Otto Wagner)
  • Museo di Ernst Fuchs (all’interno della villa di Otto Wagner)
  • Cimitero Monumentale
Vienna - Hotel Sacher
Vienna - Casa Freud
Vienna - Prater

Cosa vedere nei dintorni di Vienna

Grinzing

Più che dintorni di Vienna, Grinzing è un quartiere della città che si trova a nord ovest. È l’antico quartiere vinicolo di Vienna e rappresenta il punto di partenza perfetto per una gita tra i vigneti. Il quartiere poi è disseminato di Heurigen tradizionali, i locali dove, secondo la tradizione, si beve il vino nuovo della stagione. Qui si respira davvero l’aria di una volta! 

Bratislava

La capitale della Slovacchia si trova ad un tiro di schioppo da Vienna (solo 80 km le separano) e può rappresentare una bellissima gita fuoriporta partendo dalla capitale austriaca. Durante la bella stagione, un modo carino per visitarla è quella di partecipare ad un’escursione a Bratislava con rientro lungo il fiume, sul Danubio. Qui trovate tutte le info

Bratislava- vista dal Danubio

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

2 Commenti

on Cosa vedere a Vienna in 3 giorni (o più): 15 luoghi da non perdere.
  1. Avatar
    Cesare
    |

    Brava Borg sei sempre sul pezzo !

    Recensione stupenda

    CE

    • Valentina Borghi
      |

      Grazie mille!! Ci ho messo un bel pò, ma alla fine l’ho scritto 😉

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.