BeBorghi | Dubai: cosa vedere, dove dormire e dove mangiare

Dubai: cosa vedere, dove dormire e dove mangiare

Siete in partenza per Dubai? Che invidia! Contro ogni previsione, il mio viaggio alla scoperta della più grande città degli Emirati Arabi mi è rimasto nel cuore e ci tornerei in un battibaleno. Devo ammettere di essere partita un po’ prevenuta, mi aspettavo solo grattacieli a perdita d’occhio e lusso a non finire, ma credetemi, Dubai è molto di più di questo. Io ci sono stata per 3 giorni approfittando dell’opportunità di Emirates di fare un stop-over lungo senza incrementi di prezzo (tornavo dal Sudafrica) e penso che possa essere un’ottimo modo per prendere 2 piccioni con una fava! Comprare un volo di andata e ritorno su Dubai spesso costa parecchio rapportato alla distanza, ma se avete in programma di fare un viaggio in Africa o in Asia vi consiglio di farlo con Emirates (peraltro una delle migliori compagnie al mondo..) e approfittare di questa opportunità. In quei 3 giorni tra l’altro sono riuscita ad infilarci anche la visita di Abu Dhabi (trovate tutte le info nell’articolo Scalo ad Abu Dhabi: cosa vedere in poche ore) e ve le la stra-consiglio: il Louvre e la Grande Moschea da soli valgono un viaggio negli Emirati!

In questo articolo ho provato a raccogliere tutto quello che avrei voluto leggere io prima di pianificare il mio viaggio: quando è meglio andare, cosa vale la pena vedere, dove dormire e mangiare. Spero vi aiuti ad avere le idee un po’ più chiare e ad apprezzare le meraviglie di questa incredibile città!

Quando andare a Dubai 

Quando si programma un viaggio a Dubai è importante tenere a mente che il clima durante tutto l’anno oscilla tra caldo, molto caldo e bollente. Il deserto assicura poca pioggia e temperature elevate e nei mesi estivi la città diventa una vera e propria fornace. Si arrivano a sfiorare i 50 gradi e le condizioni proibitive impediscono di potersi godere le spiagge, il deserto e tutte le location all’esterno.

Per apprezzare appieno tutto quello che Dubai ha da offrire, vi consiglio di andare nel periodo tra novembre e aprile. I mesi Invernali, soprattutto febbraio, sono il picco dell’alta stagione. Io ci sono stata a gennaio ed effettivamente si stava da dio! Il clima è temperato e il mare è la perfezione per passare ore in ammollo. Però considerate che i prezzi generalmente saranno più alti e sarete in compagnia di migliaia di altri turisti che vogliono fuggire alle fredde e piovose giornate invernali per una vacanza negli Emirati. Ottobre e maggio potrebbero rappresentare un buon compromesso. Il caldo è ancora sopportabile ed eviterete le grandi folle di turisti che invadono la città in inverno.

Come muoversi a Dubai

Dubai è davvero estesa (quando ci volerete sopra ve ne renderete conto!) e, fatta eccezione per la zona di Bastakiya, Deira o alcune zone di Dubai Marina, non è una città dove si passeggia o ci si muove a piedi (se poi ci andate in estate è proprio proibitivo!). Spostarsi però alla fine è semplice perchè la metropolitana è davvero efficiente. Ci sono 2 linee: la Linea Rossa, che è lunga ben 52 km, che parte da Rashidiya (poco a sud dell’aeroporto), passa da quest’ultimo e segue Sheikh Zayed Road fino a Jebel Alì. La Linea Verde invece è lunga 22 km e disegna un arco attorno al centro e passa per Deira e Nur Dubai, costeggiando il Creek.

Le corse passano ogni 5′ di media e il biglietto si paga in base alla distanza e vanno da 1 a 2 euro circa. In tutte le stazioni trovate sia le biglietterie normali che le macchinette per comprarli. Se non volete rischiare di stare nella calca potete anche comprare i biglietti per stare nelle cosiddette carrozze Gold che sono sempre in testa e in coda (costano il doppio, ma vi sembrerà di guidare voi la metro perchè sono automatiche, senza conducente!). Se vi fermate a Dubai almeno 2-3 giorni vi conviene prendere una tessera ricaricabile che si chiama Nol; la caricate nelle macchinette e man mano scalate il prezzo dei biglietti da lì.

Per spostarvi in zone scoperte dalla metro vi consiglio di usare i taxi, ce ne sono tantissimi e i prezzi sono abbordabili. Uber ve lo sconsiglio perchè costa di più.

Potrebbe interessarti anche:  Scalo ad Abu Dhabi: cosa vedere in poche ore
Dubai - rooftop

Dove dormire a Dubai

Dubai è piena di hotel e resort extra lusso dove poter soggiornare, ma se non volete spendere prezzi astronomici e comunque godere di tutti i comfort stando in un contesto più autentico, queste sono i due alberghi che vi consiglio.

  • XVA Art Hotel ->Piccolo hotel pittoresco situato nel cuore del distretto di Al Fahidi, con design tradizionale arabo e persiano e atmosfera rilassata. È rinomato per la sua galleria d’arte e per l’eccellente ristorante.
  • Arabian Courtyard Hotel & Spa ->Hotel a quattro stelle in posizione super centrale con camere in stile arabo e centro Spa annesso.
Dubai -Bastakiya

Dove mangiare a Dubai (bene e a buon prezzo)

Per mangiare bene a Dubai non è necessario spendere un capitale o andare nei ristoranti super di lusso. Questi sono alcuni dei posti in cui ho mangiato benissimo, a prezzi molto onesti.

  • NOLA Eatery & Social House -> Locale vicino a Dubai Marina, con cucina creola e americana. Ristorante e punto di incontro, con atmosfera rilassata e rapporto qualità/prezzo eccellente.
  • Ravi -> Ristorante pakistano nel quartiere di Satwa. Spartano e poco turistico, questo locale è molto popolare tra tutti gli expat: si mangia benissimo e si spende veramente poco!
  • Kiku -> Ristorante giapponese all’interno del complesso alberghiero Le Meridien, vicino all’aeroporto. Sushi di ottimo livello e personale super gentile. Assaggiate il loro sashimi!
  • Bento-ya -> Altro ristorante giapponese di altissimo livello! Situato nel distretto finanziario, offre classica cucina giapponese e ramen superlativi a prezzi onesti.
  • Bu Qtair Fish Restaurant -> Trattoria vicino al lungomare, nei pressi del Burj Al Arab. Posto molto spartano senza servizio al tavolo, ma pesce fresco squisito a prezzi imbattibili (occhio al peperoncino!).
Dubai -Bastakiya

Cosa vedere a Dubai: la mia top 10

1. Bastakiya e il Creek: l’antica Dubai

Situato nello storico distretto di Bur Dubai, il quartiere di Al Bastakiya è il cuore pulsante dell’antica Dubai. Venne fondato da mercanti persiani alla fine del diciannovesimo secolo e prende il nome dalla città iraniana di Bastak. Le stradine pedonali e gli antichi edifici creano un’atmosfera pittoresca e ti trasportano in una Dubai dei tempi passati. È proprio la Dubai che non ti aspetti! In origine era un centro abitativo, ma oggi gli edifici sono perlopiù occupati da negozi, musei e artigiani. Vi consiglio di prendervi un paio d’ore per esplorare le stradine e i negozietti in tranquillità. Imperdibili il Dubai Museum, dove viene narrata la storia e lo sviluppo della città e il souk, mercato dove la Dubai di ieri emerge e si fonde con la Dubai moderna. Spezie, mercanti, stoffe e colori, ma anche gadget di elettronica e gingilli per turisti. Al Bastakiya si trova direttamente sul Creek, il braccio di mare attorno a cui tutta la città si è sviluppata ed una location perfetta per fare un giro in barca al tramonto e godersi la città da una nuova prospettiva.

Dubai -Bastakiya

2. Deira: la zona dei souk

Parlando di barche, da Bur Dubai è possibile attraversare il Creek via nave e raggiungere Deira.  Si tratta di uno dei principali quartieri di Dubai situato a nord del Creek ed era in origine il centro del commercio. È un’area eclettica e diversificata, dove antico e moderno si incontrano e si scontrano in un mix affascinante. La parte ovest del quartiere è occupata dai souk. I principali sono quelli dell’oro, delle spezie e dei profumi, ma troverete anche bancarelle con in vendita gli oggetti più disparati. Lungo il Creek si trovano i moli dei Dhow, anche detti Dhow Wharfage. Qui le grosse navi di legno, utilizzate da centinaia di anni, attraccano per scaricare le merci provenienti da tutto il Golfo Persico. Nelle vicinanze, in contrasto con la zona mercantile delle banchine, grattacieli scintillanti formano il distretto commerciale. Se siete in vena di shopping vi consiglio il Deira City Center Shopping Mall, con boutique di lusso, ma anche negozi a portata di tutti i portafogli.

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Hong Kong
Dubai - Creek

3. Satwa: il regno del tessile

Il quartiere di Al Satwa si trova tra Jumeira e Bur Dubai. Non è una delle aree più turistiche o lussuose, ma forse anche per questo mi ha molto colpito per l’atmosfera genuina. Alcuni la chiamano Little Manila e per le sue strade si respira un’aria un po’ alla Chinatown. È particolarmente conosciuta per il commercio tessile ed è strapieno di negozi di tessuti, stoffe e sartorie. Non mancano negozietti di elettronica, gioielli e ristoranti abbordabili, dove si paga poco e si mangia bene! Se volete fare una passeggiata in una zona di Dubai autentica e colorata, Satwa è il quartiere che fa per voi.

4. Dubai Marina: spiagge e grattacieli

Situata sul Golfo Persico, Dubai Marina è la zona di Dubai più moderna e di recente costruzione. Spiagge e grattacieli si incontrano in un mix che è diventato un po’ il segno distintivo di questa città. Appartamenti di lusso, boutique, ristoranti e centri commerciali, ma anche spiagge e resort a cinque stelle. La cosa che mi ha colpito di più a Dubai Marina è proprio questa atmosfera cosmopolita ed extra lusso, carica di energia e potenzialità. Se andate a Dubai, un giro in questo quartiere è d’obbligo. Vi consiglio di farvi una passeggiata al tramonto sul lungomare, la cosiddetta Dubai Marina Walk, e di godervi lo spettacolo.

Dubai Marina

5. Sheikh Zayed Road: la strada più importante di Dubai

Sheikh Zayed Road è il nome del tratto dell’autostrada E11 che attraversa tutta Dubai (sembra di stare dentro Blade Runner!). La strada percorre tutti gli Emirati Arabi e a Dubai è una delle strade più sceniche e spettacolari. È costeggiata su entrambi i lati dai grattacieli e dalle strutture più imponenti della città e con le sue otto corsie è una vista impressionante. Ovviamente non è pensata per essere accessibile ai pedoni quindi vi consiglio di prendere un taxi per poter godere appieno della vista.

Dubai - metro

6. The Frame

La Dubai Frame è una struttura architettonica inaugurata solo l’anno scorso e situata nel parco cittadino Zabeel Park. È un’immensa costruzione di alluminio, vetro, acciaio e cemento, concepita come vera e propria cornice della città. La Dubai Frame incornicia la parte di Dubai più moderna, ma anche la parte più antica e storica. Viene pensata come simbolo di unione tra futuro e passato e vi consiglio di andarci tanto per lo splendido panorama sulla città quanto per l’impressionante architettura.

Potrebbe interessarti anche:  I 6 deserti più belli del mondo: Namib, Sahara, Atacama..
Dubai - The frame

7. Burj Khalifa e il Dubai Mall: il grattacielo più alto del mondo

Cuore di Downtown Dubai, il Burj Khalifa è forse l’attrazione più conosciuta e visitata di Dubai in assoluto. Dall’alto dei suoi 829 metri è attualmente il grattacielo più alto al mondo e la sua terrazza panoramica è un must per ogni turista alla scoperta di Dubai. Il biglietto costa caro (da 35 euro a salire a seconda della fascia oraria e del servizio che comprate) , ma la vista che si gode su Dubai e su tutto il Golfo Persico è mozzafiato. Se decidete di visitare il punto panoramico più alto del pianeta, mi raccomando prenotate per tempo in modo da evitare lunghe code, soprattutto se al tramonto! Potete comprare anche i biglietti per l’ingresso prioritario dal sito (affidabilissimo) di Get Your Guide (vedi box sotto).

Ai piedi del Burj Khalifa si trova il paradiso dello shopping degli Emirati Arabi: il Dubai Mall. Con più di 1300 negozi e boutique, è uno dei centri commerciali più grandi del mondo.  Dalle marche di alta moda a quelle più accessibili, troverete di tutto. Al suo interno ci sono anche ristoranti, cinema, sale gioco, e chi più ne ha più ne metta. Persino un gigantesco acquario e una pista da pattinaggio olimpionica. Entrambi gli edifici rappresentano appieno il volto della nuova Dubai: sfarzosa, imponente ed extra lusso.

Dubai - Burj Khalifa

8. Palm Jumeirah: l’isola a forma di palma

Palm Jumeirah è sicuramente un altro di quei luoghi iconici che rendono Dubai unica nel suo genere. È un arcipelago artificiale costruito a forma di palma su cui sorgono abitazioni, esclusivi resort e ristoranti. È ben collegata dai trasporti pubblici e vi è anche una monorotaia panoramica che percorre per il lungo tutta l’isola. Se andate a Dubai, questa meraviglia di ingegneria visionaria secondo me va assolutamente visitata.

9. Art district e Al Serkal Foundation

Il quartiere artistico di Dubai si è sviluppato attorno alla Al Serkal Foundation, un complesso di gallerie nate per sostenere artisti emergenti del Medio Oriente. Sorge in una zona urban-hipster dove magazzini e capannoni sono stati convertiti in musei e gallerie. È un quartiere giovane e in continuo sviluppo, dove l’arte regna sovrana. Arte sperimentale, fotografia, artisti emergenti e opere di altissimo livello: ce n’è per tutti i gusti. Organizzano anche eventi e spettacoli e ci sono barettini carini e ristoranti bio dove rifocillarsi. Se siete in vena di shopping ci sono anche negozietti alternativi e persino una boutique di kimoni!

Dubai -Bastakiya

10. Le spiagge: Jumeirah, Kite e Sunset Beach

Se avete bisogna di una pausa dagli itinerari turistici e dalla metropoli, andate a farvi un tuffo al mare! Dubai offre diverse spiagge pubbliche e la temperatura dell’acqua è divina. Alcune spiagge hanno una piccola tariffa d’ingresso, ma ci sono anche tratti di mare ad accesso libero. La più conosciuta (e anche più affollata) è sicuramente la lunghissima spiaggia di Jumeirah Beach. Se siete amanti di sport acquatici vi consiglio invece Kite Beach, amata da surfisti e appassionati di kite surf. Infine, se siete alla ricerca di spot panoramici, la Sunset Beach fa a caso vostro: è infatti la location perfetta per stare ammollo e ammirare l’iconico Burj Al Arab, hotel a forma di vela conosciutissimo in tutto il mondo.

Dubai - spiaggia

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.