BeBorghi | Viaggio in Ecuador e Galapagos: cosa vedere e altri consigli

Viaggio in Ecuador e Galapagos: cosa vedere e altri consigli

Scritto da  on 
11 Ottobre 2019
  • Image Not Found On Media Library

L’Ecuador è stata una vera sorpresa! Avevo scelto di andarci per visitare le mitiche isole Galapagos, ma la ‘terraferma’ mi è piaciuta allo stesso modo. Non avevo troppe aspettative e sono rimasta estasiata dalla bellezza delle città e dei paesaggi che ho potuto vedere. Quito l’ho trovata semplicemente magnifica, una delle capitali sudamericane più belle, così come Cuenca e il Parco Nazionale Cotopaxi. Con il senno di poi avrei voluto avere più tempo per visitare anche Banos, il Quilotoa Loop e l’Amazzonia, ma questo sarà un validissimo motivo per tornarci. 

galapagos - isabela

Documenti necessari e visto

Come cittadini italiani non abbiamo bisogno di alcun visto per entrare in Ecuador, fino ad un massimo di 90 giorni di permanenza nel Paese. Vi basterà avere un passaporto valido.

Quando andare in Ecuador

L’Ecuador è attraversato dall’equatore (che “passa” pochi chilometri fuori da Quito) e, grazie a questo, le giornate hanno sempre 12 ore di luce e 12 ore di buio. Il clima varia in funzione delle zone: la parte centrale (quella dove si trovano Quito, Cuenca, ecc) è attraversata dalle Ande ed è più o meno fredda a seconda della quota ma le temperature non cambiano molto e sono miti e primaverili tutto l’anno. La zona a est occupata dalla regione Amazzonica ha un clima equatoriale ed è caldo e umido tutto l’anno, con piogge più o meno costanti; il periodo (relativamente) meno piovoso è agosto-novembre al nord-ovest, mentre nella zona amazzonica va da novembre a marzo. Lungo la costa e sulle isole Galapagos il clima è tendenzialmente secco e l’alta stagione corrisponde ai mesi che vanno da dicembre fino ad aprile/maggio. Se volete visitare un pò tutto il paese, il periodo migliore probabilmente è l’estate, da giugno fino a settembre, ma ci si può andare tutto l’anno senza alcun problema. Io ci sono stata a ottobre e ho trovato un bel clima con poca pioggia. 

Potrebbe interessarti anche:  Come organizzare un viaggio alle isole Galapagos: tutto quello che devi sapere (quanto costa, quando andare, crociera o no?..)
Ecuador - Quito

Come raggiungerlo e come spostarsi

L’aeroporto principale di accesso all’Ecuador proveniendo dall’Europa è quello di Quito, che si trova 38 km a est della città. Il secondo è quello di Guayaquil che si trova sulla costa sud del paese, da cui partono i voli per le Galapagos

Come tutti i paesi sudamericani, anche in Ecuador esiste una fitta rete di autobus che permette di raggiungere quasi ogni angolo del paese e rappresenta il modo migliore per visitarlo. Ci sono autobus di tutte le categorie, inclusi i bus VIP dove si dorme praticamente sdraiati (perfetti per le tratte notturne). Anche se ci arrivate da paesi confinanti (Perù, Colombia, ecc) troverete dei comodi bus di collegamento che passano la frontiera. Per gli spostamenti in città, a Quito, ho sempre usato Uber X e mi sono trovata benissimo e vi consiglio di usarlo anche per una questione di sicurezza. 

La sicurezza: l’Ecuador è pericoloso?

No, l’Ecuador non è pericoloso! Perlomeno, non è più pericoloso di altri paesi del Sud America o dell’Europa. Il buon senso è sempre l’arma vincente per evitare spiacevoli inconvenienti. Ci sono delle zone a Quito (come quella della movida dove ho dormito io, La Mariscal) dove la sera bisogna stare un pò attenti, ma saranno i local a sconsigliarvi di andarci, idem a Guayaquil (che è considerata più pericolosa di Quito). In generale io mi sono sentita sempre abbastanza sicura (e viaggiavo da sola), sicuramente più che a Lima in Perù, giusto per fare un paragone. In città ho sempre usato Uber e non ho avuto alcun problema. 

Potrebbe interessarti anche:  Come organizzare un viaggio in Perù
Ecuador -Cuenca

Quanto costa un viaggio in Ecuador (e Galapagos)

L’Ecuador ha abbandonato la sua moneta a favore del dollaro ormai diversi anni fa e questo fa sì che i prezzi siano abbastanza alti. Rispetto al Perù, alla Bolivia o alla Colombia l’Ecuador è un paese decisamente più caro. Per non parlare poi delle Galapagos! In generale dovrete calcolare dei prezzi leggermente più bassi di quelli italiani. I bancomat sono praticamente ovunque (tranne alle Galapagos, dove si trovano solo a Santa Cruz) ed è possibile prelevare direttamente dollari. Se vi portate i dollari direttamente dall’Italia ricordatevi di farvi dare tagli piccoli (massimo 20 dollari) per non avere problemi.

L’assicurazione di viaggio è necessaria

In Ecuador  la nostra copertura sanitaria non vale. Il mio consiglio è quello di fare sempre una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio. Io mi trovo molto bene con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farlo dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio (paese, durata, ecc) e vi manderanno una mail con le proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!). 

Potrebbe interessarti anche:  Come organizzare un viaggio in Patagonia e Terra del Fuoco
galapagos - leoni marini a san cristobal

Viaggio in Ecuador e Galapagos: itinerario di 2 settimane

  1. Arrivo a Quito
  2. Quito
  3. Quito
  4. Quito (escursione a Otavalo – laguna de Cuicocha)
  5. Parco Nazionale Cotopaxi (1-2h) – Secret Garden Cotopaxi
  6. Parco Nazionale Cotopaxi – Secret Garden Cotopaxi
  7. Transfer a Cuenca (9h)
  8. Cuenca
  9. Transfer a Guayaquil (4-5h) e volo x Santa Cruz (Galapagos)
  10. Santa Cruz
  11. Santa Cruz
  12. San Cristobal
  13. San Cristobal 
  14. Volo da San Cristobal a Quito
  15. Rientro in Italia

Se avete più tempo a disposizione o se intendete saltare le Galapagos vi consiglio di inserire il Quilotoa Loop, Banos e qualche giorno in Amazzonia. 

Potrebbe interessarti anche:  Machu Picchu e Inca Trail (Perù): come arrivare, i biglietti, costi
Ecuador- Quilotoa

Dove dormire 

Dove dormire a Quito

Nel decidere dove dormire a Quito vi consiglio di prendere in considerazione due zone, la Città Vecchia  o La Mariscal. A livello architettonico la Città Vecchia è decisamente più bella e vi troverete vicino a molte attrazioni che potrete raggiungere a piedi, ma la sera non c’è nulla. La Mariscal è invece il quartiere della movida, un quartiere moderno fatto di case basse e pieno di ristoranti, di gente e di locali. Da qui potrete raggiungere a piedi i quartieri “artistici/hipster” de La Floresta e Guapulo. In soldoni, se siete giovani e vi piace la vita notturna..this is your place (ma la sera dovrete stare comunque un pò attenti). 

  • Hotel Casa Gangotena (Città Vecchia) : se avete budget e amate gli edifici coloniali non potrete che scegliere questo magnifico hotel che si affaccia su Plaza San Francisco. È un 5 stelle con una bellissima terrazza, perfetta per un aperitivo al tramonto.
  • Masaya Hostel Quito (Città Vecchia) : un boutique hostel molto curato a due passi dalla strada storica che si chiama La Ronda, con tutte le case coloniali. Ha sia camerate che stanze doppie e un bellissimo giardino in cui rilassarsi.
  • The Secret Garden  (Città Vecchia- San Blas) : un ostello molto giovane (e per super giovani) in una strada molto carina vicino alla Chiesa di San Blas. Ha un bel bar sulla terrazza in cui organizzano anche eventi. Alloggiando qui è più comodo raggiungere poi il The Secret Garden Cotopaxi (vedi sotto).
  • Selina Hostel (La Mariscal) : un party hostel della famosa catena Selina. Si trova a due passi dalle strade della movida e ha dei bei spazi comuni.
Ecuador - Quito

Dove dormire al Parco Nazionale Cotopaxi

The Secret Garden Cotopaxi: senza girarci troppo intorno, complessivamente credo sia uno degli ostelli più belli del Sud America! Il Secret Garden è un posto magnifico immerso nella natura, non lontano dalle pendici del vulcano Cotopaxi. È un ostello costituito da un edificio centrale e comune, con il salotto, la cucina e la grande sala pranzo dove si mangia tutti insieme, e diversi altri edifici (tutti piccoli eh) con camerate da più letti o camere doppie (io per esempio avevo una mini-casetta tutta per me), una jacuzzi con vista e diverse hobbit house. Il pacchetto base (meno di questo non si può stare anche perchè ci vuole un bel pò per raggiungerlo) è di 3 giorni e 2 notti e include la pensione completa (il cibo è ottimo!) e un’escursione (io ho fatto il trekking del Pasochoa).  Una volta lì potrete aggiungere altre attività come escursioni a cavallo, trekking sul Cotopaxi, ecc. Per me è stata un’esperienza stupenda e ho conosciuto tantissime persone. Per raggiungerlo da Quito potete utilizzare il free shuttle che parte tutte le mattine alle 10 dal Secret Garden Quito, oppure prendere un bus che scende verso sud e farvi lasciare a Machiachi; da lì dovrete poi proseguire in taxi (più di 1h di strerrato – costo circa 30 dollari). Il Secret Garden Cotopaxi è un posto molto noto in Sud America tra i backpackers quindi vi conviene prenotare con un discreto anticipo (almeno 1 mese direi, si paga l’anticipo con PayPal e il resto lì sul posto in cash); dimenticavo, lì il cell non prende e non c’è wifi..un motivo in più per amarlo!

Ecuador - Cotopaxi
Ecuador - Cotopaxi

Dove dormire a Cuenca

Hostal Posada del Angel: questo hotel si trova in un edificio storico a pochi minuti a piedi dalla piazza principale di Cuenca. È tutto in legno e le stanze sono raccolte intorno a una specie di cortile chiuso sul tetto. È molto carino e lo staff è davvero gentile. 

Ecuador - Cuenca

Dove dormire alle Galapagos

Sul Dove dormire alle Galapagos vi rimando all’articolo dedicato: Come organizzare un viaggio alle isole Galapagos: tutto quello che devi sapere (quanto costa, quando andare, crociera o no?..)

galapagos - isabela- Albemarle Hotel

Cosa vedere in Ecuador

Quito

Stay tuned! Arriverà a breve un articolo interamente dedicato alla magnifica capitale dell’Ecuador!

Ecuador - Quito

Otavalo e la laguna de Cuicocha

Due delle escursioni più popolari che si fanno in giornata da Quito sono quelle alla cittadina di Otavalo e alla laguna di Cuicocha. Otavalo si trova a 2h da Quito, circondata da vulcani, ed è famosissima per i suoi mercati: qui si trovano infatti i mercati più famosi e caratteristici dell’Ecuador. Oltre al mercato ortofrutticolo c’è, soprattutto, il mercato artigianale tessile più grande di tutto il Sud America. Troverete tessitori, artigiani del cuoio, gioielli in argento, tappeti, ricami, dipinti e poncho..se volete comprare i souvenir è il posto giusto!

Proseguendo altri 32 km verso nord, con un taxi collettivo si può invece raggiungere la laguna di Cuicocha per fare una un’escursione davvero bella, il trekking lungo il sentiero che circonda il lago, costeggiando la cresta. La camminata dura circa 6h e l’altitudine è compresa tra i 3000 e i 3500 mt. Le acque sono di un blu splendido e nel bel mezzo della laguna emergono due isole la cui  forma assomiglia a quella di un porcellino d’India. É proprio per questa ragione che la laguna è stata ribattezzata “Cuicocha”, “Cuy” significa porcellino d’India (piatto prelibato nelle regioni andine) e “Cocha” per lago. I paesaggi circostanti sono di una bellezza inebriante. 

Ecuador - Otavalo

Parco Nazionale Cotopaxi

Ben visibile quando si esce da Quito per andare verso sud, con i suoi 5897 mt, il Cotopaxi è il secondo vulcano attivo più alto del mondo! Il suo nome significa “Collo della Luna” in lingua quechua e una vasta area alle sue pendici è stata dichiarata Parco Nazionale. Qui è possibile fare diverse passeggiate/trekking a piedi o a cavallo e, soprattutto, è possibile (ma non è per tutti!) scalare la sommità del vulcano. La maggior parte dei comuni mortali in realtà si limita a raggiungere il rifugio Josè Rivas (4864 mt, alto come il Monte Bianco comunque..non proprio pizza e fichi!). Se alloggiate al Secret Garden Cotopaxi loro organizzano la gita per 30 dollari (prezzo 2018). Dal parcheggio si salgono circa 300 metri di dislivello lungo un percorso sabbioso prima di arrivare al rifugio (circa 40 minuti che sembrano eterni!). Se ce la fate, potete proseguire ancora per altri 200 metri fino ad arrivare al ghiacciaio (5050 mt, vedi foto sotto). Chi è allenato (e temerario) può tentare la scalata della vetta: si sale al rifugio Josè Rivas verso le 3-4 del pomeriggio, ci si riposa, e a poi a mezzanotte si inizia a salire. Parliamo di 5-6h di salita con i ramponi sul ghiaccio ad un’altitudine notevole e con poco ossigeno: non è un caso che non ce la facciano tutti quelli che ci provano! Si arriva fino a quota 5987 mt all’alba e lo spettacolo è dir poco incredibile (ho visto le foto di chi ci è riuscito). Il costo della scalata alla bocca del vulcano, compreso di guida, attrezzatura, una notte in rifugio e cena è di 290$ a persona se si sale in 2, o  390$ se si sale da soli. 

Un’altra escursione molto bella che ho fatto all’interno del parco è stato il trekking al Pasochoa (4200 mt); è un trekking di 17/18 km circa, medio-diffiicile, che dura tra le 5 e le 6h (a seconda del vostro passo). 

Ecuador- Cotopaxi
Ecuador - Cotopaxi

Cuenca

Dopo Quito, Cuenca è la città coloniale più bella del paese e non è un caso che il suo centro storico sia stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Cuenca è una città abbastanza piccola, raccolta intorno al fiume Tomebamba, ma ha monumenti, musei e chiese di tutto rispetto, e una bella atmosfera da città universitaria. Se dormite nel centro (e ve lo consiglio), potrete raggiungere tutte le attrazioni comodamente a piedi. Tra le cose da non perdere ci sono sicuramente il Parque Calderon (ovvero la piazza principale della città) con la Cattedrale dell’Immacolata Concezione e la vecchia cattedrale (chiamata El Sagrario) con il suo bellissimo chiostro, Calle Larga (ovvero il lungo fiume), Plaza de San Sebastian con la chiesa omonima e, un pò più lontano dal centro, il bellissimo Museo del Banco Centrale “Pumapungo”, un museo sulle diverse culture indigene locali. Attaccato al museo c’è anche un Parco Archeologico con i resti di quella che sembra essere l’antica città Inca di Tomebamba. 

Una curiosità: sin dall’800 viene prodotto a Cuenca il famoso e storico cappello che tutti chiamano “Panama” (perchè veniva molto usato a Panama per proteggersi dal sole)…il cui nome originale in realtà è Montecristi. 

Ecuador -Cuenca
Ecuador -Cuenca

Isole Galapagos

Trovate tutte le info su questo incredibile paradiso terrestre nell’articolo Come organizzare un viaggio alle isole Galapagos: tutto quello che devi sapere (quanto costa, quando andare, crociera o no?..). Inutile ribadirvi che per me le Galapagos sono uno dei luoghi più belli del mondo e che, da sole, valgono un viaggio in Sud America.

Galapagos - El Chato Reserve

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.