BeBorghi | Isole Borromee (Lago Maggiore): come visitarle, quando, costi

Isole Borromee (Lago Maggiore): come visitarle, quando, costi

Scritto da  on 
8 Aprile 2019
  • Isole Borromee

Finalmente un grande sogno si è avverato! Dopo non so quanti anni che cercavo di organizzarmi per andare a visitare queste bellissime isole del Lago Maggiore finalmente ce l’ho fatta!!! Ho approfittato di una bellissima giornata di sole primaverile per far una gita fuoriporta alla scoperta dell’Isola Madre, dell’Isola dei Pescatori e dell’Isola Bella. Da Milano è fattibilissima in giornata e ne vale assolutamente la pena!

Le isole prendono il nome dalla famiglia Borromeo, originaria di San Miniato in Toscana ma divenuta poi potente famiglia di feudatari della zona, che acquisì le tre isole nel XIV secolo e iniziò così la loro trasformazione. Tutt’oggi la famiglia possiede ancora l’Isola Bella e l’Isola Madre (piccola nota di gossip, molti rampolli della famiglia si sono sposati qui, ad esempio Eleonora Borromeo e Pierre Casiraghi).

Come arrivare alle Isole Borromee

Il punto più vicino per raggiungere le isole Borromee è la cittadina di Stresa, sulla sponda occidentale del Lago Maggiore, ma ci sono traghetti che vi fanno tappa anche partendo da Arona, Angera e Baveno. Da Stresa si prendono i traghetti Navigazione Lago Maggiore o uno dei tanti motoscafi (partono tutti dal Molo di Carciano a Stresa) che fanno il giro tra le 3 isole ad orari prestabiliti (fermano prima a Isola Madre, poi Isola dei Pescatori, infine Isola Bella).

In auto: da Milano si prende l’Autostrada dei Laghi in direzione Gravellona Toce, e poi si esce a Carpugnino. Senza traffico si impiega circa 1h e 15.

In treno: c’è la linea Milano-Sempione che ferma proprio a Stresa e gli orari dei treni sono in coincidenza con i battelli

Quando andare alle Isole Borromee

Le isole sono aperte ogni anno, tutti i giorni, da fine Marzo a fine Ottobre. Per il 2019 hanno aperto il 22 Marzo e chiuderanno il 20 Ottobre.  La primavera (aprile-maggio) è il periodo migliore per visitarle, quando tutte le piante sono all’apice della fioritura.

Quanto costa visitare Isola Madre, Isola dei Pescatori e Isola Bella

Traghetto: se volete visitare tutte e 3 le isole (e io ve lo consiglio!) il costo del traghetto/motoscafo è di 13 euro a persona e include tutte le tratte, se invece volete visitare solo l’Isola dei Pescatori e Isola Bella il costo è di 11 euro.  Se prendete il motoscafo, fate attenzione al colore del biglietto che vi daranno perché potrete salire solo sui motoscafi della stessa compagnia (ma è tutto molto organizzato!).

Ingresso ai giardini e ai palazzi Borromeo: tutta l’Isola Madre è interamente a pagamento (non è possibile scendere sull’isola senza pagare), mentre sull’Isola Bella potrete scendere senza visitare per forza il magnifico palazzo del casato Borromeo e il suo giardino. Per visitare i palazzi e i giardini di entrambe le isole il costo è di 24 euro a persona, solo Isola Madre 13, 5 euro, solo Isola Bella 17 euro. Esistono poi anche altri tipi di biglietti combinati che includono la Rocca di Angera e il Parco Pallavicino (che si trova sempre vicino Stresa).

Potrebbe interessarti anche:  Un week-end sul lago di Garda tra benessere, storia e buon cibo

Cosa vedere alle Isole Borromee (Lago Maggiore)

Isola Madre

Se decidete di visitare tutte e tre le isole (e ve lo straconsiglio!) la prima tappa sarà l’Isola Madre, l’isola più grande delle tre e l’isola più importante del Lago Maggiore. Sull’isola c’è un palazzo cinquecentesco immerso in un magnifico giardino botanico all’inglese che risale alla fine dell’800. Grazie ad un clima favorevole, sull’isola potrete vedere tantissime piante esotiche (tra cui molte piante rare, come il famoso cipresso del Kashmir) nonché pavoni bianchi, fagiani dorati e delle buffissime galline dalle piume bianchissime e tutte arruffate. Questi giardini scenografici vi rapiranno il cuore, soprattutto se ci andrete in primavera (come ho fatto io) perchè troverete tutte le piante nel pieno della fioritura. Terminata la rilassante visita dei giardini (da cui si gode anche una bella vista sulle sponde del Lago Maggiore e sulle altre isole) entrerete poi a visitare palazzo. Il palazzo risale al 500 e in tutte le sale ci sono dei bellissimi arredi che provengono da diversi altri palazzi e tenute di proprietà della famiglia Borromeo. Molto particolare la ricca collezione dei teatrini per marionette antichi con cui venivano intrattenuti i membri della famiglia e i loro ospiti. La visita dei giardini e del palazzo richiede almeno 1h e mezza, volendo anche di più. Sull’isola ci sono anche un ristorante e un bar.

Isola dei Pescatori

Dall’Isola Madre si va poi sull’Isola dei Pescatori, che è l’unica isola pubblica delle tre ed è anche l’unica abitata stabilmente da una piccola comunità. Quello che doveva essere un antico borgo di pescatori oggi è completamente dedito al turismo ed è pieno di ristoranti, bar e negozi di souvenir o prodotti alimentari. L’isola rimane comunque molto carina ed è perfetta per fare la pausa del pranzo prima di andare su Isola Bella. Tra i tanti ristoranti vi consiglio il Ristorante Verbano, sull’estremità orientale dell’isolotto (è il ristorante dell’hotel omonimo, vedi sotto Dove Mangiare).

Potrebbe interessarti anche:  4 gite fuori porta sul lago vicino Milano

Isola Bella

L’Isola Bella è invece famosa per il suo paradisiaco giardino all’italiana con al centro il Teatro Massimo, composto da dieci terrazze che vanno a formare una piramide tronca adornata da statue e fontane; l’impianto scenografico è di rara bellezza!! Il giardino e il palazzo furono voluti dal conte Vitalino Borromeo nel 1650, ma ci vollero ben 4 secoli per trasformare uno scoglio nell’opera magnifica che visitiamo noi oggi. Il palazzo è molto più sontuoso rispetto a quello dell’Isola Madre, le sale sembrano davvero quelle di una reggia e durante la visita si attraversano tutte le sale storiche: la Sala del Trono e delle Regine,  la stanza di Napoleone (che fu ospite qui), la Galleria del Generale Berthier e molte altre. Con il senno di poi mi sono pentita di non aver prenotato la visita guidata o preso l’audioguida (cosa che invece vi consiglio di fare). Oltre al palazzo e ai giardini sull’isola c’è anche un piccolo borgo, carino, con alcuni bar, negozi e ristoranti.  

Dove mangiare alle Isole Borromee (o vicino)

Pranzo – Ristorante Verbano (Isola dei Pescatori). Ha una terrazza-giardino magnifica dove è possibile mangiare fuori. La cucina è buona e i prezzi sono più che accettabili per la location (menù completo intorno ai 35 euro). Mi è stato consigliato da diversi amici esperti della zona e non ha disilluso le attese, anzi! Prenotazione più che consigliata se andate nel week-end.

Cena – Ristorante Rapanello (Lesa). Cosa c’è di meglio nel concludere una magnifica giornata con una bella mangiata di pesce in un ottimo ristorante? Anche questo posto mi è stato consigliato da più persone e mi è piaciuto un sacco. Si trova a Lena, una decina di chilometri a sud di Stresa, sul lungolago. È un piccolo ristorante specializzato in pesce (ma fa anche altro). È una cucina classica rivisitata dallo chef (che è anche il proprietario) ed è davvero tutto ottimo, non mi stupirei se prima o poi prendesse una stella Michelin! Il prezzo si aggira sui 50-60 euro per una cena completa con vino, ecc.

Isole Borromee- Dove mangiare

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.