BeBorghi | Plovdiv (Bulgaria): cosa vedere nella città più antica d'Europa

Plovdiv (Bulgaria): cosa vedere

Scritto da  on 
24 Settembre 2021
  • Image Not Found On Media Library

Mentre stavo trascorrendo un weekend a Sofia, su consiglio di una lettrice del blog (che ancora ringrazio!), , ho deciso di andare a visitare Plovdiv in giornata: mai decisione fu più giusta! Plovdiv è la seconda città più grande della Bulgaria e si trova a 150 km da Sofia, in direzione del Mar Nero. È una città universitaria e ha origini molto antiche, c’è chi sostiene che sia addirittura la città più antica d’Europa, costruita prima di Roma e Atene! Come Roma è stata costruita su 7 colli e deve il suo fascino soprattutto alla città vecchia. Questo quartiere vanta antichi resti di epoca trace, romana, bizantina e bulgara, tra cui spicca il bellissimo e ben conservato teatro romano (tuttora utilizzato per gli spettacoli estivi). Ma tutto il centro di Plovdiv è un vero e proprio museo all’aria aperta ed è pieno di suggestive case-museo, chiese, rovine romane, gallerie d’arte e piccoli boutique hotel. Plovdiv poi è stata Capitale Europea delle Cultura nel 2018 (insieme a Matera) ed è stata tirata a lucido per l’occasione. Il centro storico è ben restaurato ed è stato riportarlo all’aspetto che aveva verso la metà del XIX secolo. Plovdid è stata davvero una bellissima sorpresa, il regalo inaspettato di questo week-end lungo in Bulgaria. Mi è piaciuto moltissimo perdermi tra i suoi silenziosi vicoli ciottolati e in ogni angolo c’era uno scorcio che mi lasciava con gli occhi a forma di cuore. L’ho girata tutta a piedi in 4/5h ma, con il senno di poi, mi sarebbe piaciuto davvero tanto fermarmi lì a dormire. Anche la parte moderna della città non è male, c’è una bella via pedonale che passa sopra uno stadio romano, con belle piazze e il giardino Tsar Simeon

Plovdiv

Quando andare a Plovdiv

La Bulgaria ha un clima continentale, con estati calde ed inverni molto freddi (la neve non è affatto rara!). Il periodo migliore per andare a Sofia è la primavera e l’inizio dell’estate.  Io ci sono stata a  maggio e c’erano delle giornate incredibili, più calde e soleggiate che in Italia. Marzo, aprile e l’autunno possono essere molto piovosi, mentre l’inverno è perfetto se volete provare l’esperienza dello sci in Bulgaria.

Come raggiungere Plovdiv (dall’Italia e da Sofia)

In aereo dall’Italia

In certi periodi dell’anno, è possibile raggiungere Plovdiv con un volo diretto Ryanair da Milano (Orio al Serio). Controllate perchè potreste essere fortunati!

In bus da Sofia

Ci sono tanti bus con direzione Plovdiv in partenza dalla stazione centrale di Sofia (almeno 1 ogni ora) e impiegano circa 2h. Cercate di prendere un autobus che arrivi nella stazione principale di Plovdiv (autostazione Yug), in modo da spostarvi poi direttamente a piedi. Se riuscite, comprate direttamente anche il biglietto per il ritorno, soprattutto se ci andate di domenica o in un giorno festivo, perchè potreste dover rimanere lì altrimenti.

In treno da Sofia

Da Sofia a Plovdiv ci sono meno treni che bus e impiegano circa 2h e 30. Il panorama che si vede dal finestrino è però decisamente molto più bello. Il biglietto è ancora più economico del bus (5 euro circa).   

Con un tour organizzato da Sofia

Se no volete pensare a nulla, potete serenamente partecipare ad un’escursione a Plovdiv partendo da Sofia. Il tour dura circa 8h e avrete una guida che vi spiega man mano tutto in italiano. Il costo è davvero contenuto (circa 30 euro) ed è un’ottima soluzione per visitare la città ed apprezzarne la storia e i monumenti più importanti.

Plovdiv

Cosa vedere a Plovdiv (Bulgaria)

Il centro storico di Plovdiv è abbastanza raccolto ed è possibile visitarlo tutto a piedi. Segnatevi alcune cose da vedere, ma cercate di perdetevi tra i suoi vicoli per scoprire prospettive particolari, angoli nascosti e decadenti palazzi affascinanti. Tra le cose da non perdere a Plovdiv comunque ci sono sicuramente:

  • Teatro romano: costruito nel II secolo dall’imperatore Traiano, allo stato originale era in grado di accogliere dai 5.000 ai 7.000 spettatori e i settori diversi del teatro erano riservati ai distretti in cui era divisa la città. Attualmente della cavea originale si sono conservate quattordici gradinate e il teatro viene tuttora utilizzato durante l’estate. Vanta una posizione magnifica da cui si gode una bella vista su tutta la città vecchia.
  • Rovine di Eumolpias (o Colle della Preghiera): in cima alla collina del centro storico (la stessa del teatro romano) ci sono queste rovine di un insediamento trace del 5000 a.C. (sì, avete capito bene…5000!). La fortezza e la cittadina che la circondavano sorgevano in posizione strategica. Successivamente venne fortificato da macedoni, romani, bizantini, bulgari e turchi. Le  rovine rimaste sono informi, ma da qui c’è un panorama magnifico.
  • Museo Etnografico: situato in una bellissima casa storica del 1847, questo museo espone 40000 oggetti, inclusi costumi tradizionali, arredi, gioielli e strumenti musicali. I pezzi sono esposti molto bene e ci si può fare anche un’idea dell’architettura delle case tipiche di Plovdiv. 
  • Chiesa di Sveti Konstantin ed Elena: subito prima del Museo Etnografico, c’è la chiesa più antica di Plovdiv, dedicata a Costantino il Grande. Gli interni sono bellissimi (ma purtroppo non si possono fotografare).   
  • Moschea Dzhumaya: costruita sui resti dell’antica cattedrale nel 1363–1364 dopo la conquista di Plovdiv per mano dell’esercito ottomano, è una moschea molto grande.
Plovdiv
Plovdiv
Plovdiv

Dove dormire a Plovdiv

  • Hotel Residence Hebros: hotel nel centro storico di Plovdiv, ospitato in un edificio strorico che risale al rinascimento bulgaro. Ha anche un ottimo ristorante, una sauna e un patio in stile rustico. 
  • Plovdiv City Center Hotel: hotel nuovissimo situato nella parte bassa di Plovdiv, a pochi metri dal Municipio e a 500’ dal Museo Etnografico. Ha un bar e una terrazza con vista sulla città.
Dove dormire a Plovdiv- Hotel Residence Hebros

L’assicurazione sanitaria è consigliata

Essendo in Europa, come cittadini italiani abbiamo diritto all’assistenza sanitaria, ma ci sono delle condizioni precise e dei massimali. Il mio consiglio è quello di fare comunque una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio, anche per il Covid-19. Io mi trovo molto bene con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farlo dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio e vi manderanno una mail con le proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!).  Tutte le assicurazioni di viaggio di Heymondo coprono l’assistenza medica anche in caso di contagio da coronavirus, compreso il test se necessario. È prevista anche la copertura per il prolungamento del soggiorno in hotel dovuto alla quarantena. Allo stesso modo la garanzia di annullamento del viaggio include la copertura per malattia o decesso del viaggiatore o di un familiare a causa del COVID-19.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.