BeBorghi | Come ottenere il visto turistico per gli USA B2

Come ottenere il visto turistico per gli USA (B2)

Scritto da  on 
26 Febbraio 2018

Vi ho già detto che New York per me è la città più affascinante del mondo? Che siate d’accordo o meno, tra me e la grande mela c’è un’attrazione fatale alla quale non posso e non voglio resistere. Ma cosa c’entra questo il visto turistico? C’entra perché, mentre fino a 1 anno fa potevo entrare negli Stati Uniti compilando semplicemente l’ESTA (vedi sotto), dopo esser stata in Iran questo non mi è più consentito. Ho quindi raccolto le dovute informazioni e scoperto che, d’ora in poi, dovrò sempre fare richiesta per un visto turistico B2.

In quest’articolo vi spiego quindi chi deve richiedere questo tipo di visto e perché, come si ottiene, quanto costa, quanto dura e quanto tempo prima va fatto. La procedura richiede diversi step ma non c’è nulla di trascendentale quindi, per favore, non fatevi condizionare da questo nel decidere se fare o meno un viaggio in Iran. Un viaggio in Iran vale moooolto di più del tempo che impiegherete successivamente per entrare negli Stati Uniti (sempre che vorrete farlo). Ma andiamo con ordine

Visto per gli USA: chi deve richiederlo?

Ogni cittadino italiano che desidera entrare negli Stati Uniti deve ottenere un visto (Trump vuole sapere tutto di tutti!) . I visti si dividono in due categorie principali: quelli destinati ad un soggiorno temporaneo negli Stati Uniti (i visti chiamati “non-immigranti”) e quelli richiesti invece da coloro che intendono trasferirsi permanentemente negli Stati Uniti (visti “immigranti”). All’interno di queste categorie principali, esistono molti tipi di visto, in funzione del motivo del viaggio (vedi sotto). Per i cittadini italiani, ci sono però molti casi in cui è possibile viaggiare verso gli Stati Uniti senza un visto. Questo accade quando potete usufruire del Visa Waiver Program (VWP); in questo caso vi verrà richiesto soltanto di iscrivervi online al Sistema elettronico di autorizzazione al viaggio (ESTA) su questo sito .

La differenza tra ESTA e visto non-immigrante

Chi può fare l’ESTA? Per usufruire di quest’agevolazione è necessario rispettare i seguenti 6 requisiti

1.Nazionalità. Bisogna essere cittadini di uno di questi paesi : Andorra, Australia, Austria, Belgio, Brunei, Cile, Corea del Sud, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, San Marino, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, Ungheria.

2.Motivo del viaggio. Solo se ci si reca negli USA per turismo, affari, o in transito verso un’altra destinazione.

3.Permanenza del viaggio. Deve essere inferiore a 90 giorni

4.Tipo di passaporto. Solo chi possiede un passaporto elettronico (quello che ha il chip contenente i dati biometrici del titolare – controllate se sulla copertina del vostro passaporto avete il simbolino del chip).

visto usa

5.Paesi visitati e doppia cittadinanza. L’ESTA non si può fare se si possiede la doppia cittadinanza di un paese del Visa Waiver Program e di Iran, Iraq, Siria o Sudan. Lo stesso vale per chi si è recato -dal 1 marzo 2011 in poi- in uno dei seguenti paesi (quelli che appartengono al famoso Muslim Ban): Iran, Iraq, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen (e questo è stato il mio caso).

6.Fedina Penale. La risposa è scontata: solo chi ha la fedina penale pulita può iscriversi all’ESTA.

Se soddisfate tutti questi requisiti potete quindi fare l’iscrizione all’ESTA e sarà valida per due anni, durante i quali potrete liberamente viaggiare nel Paese avendo cura solo di aggiornare i dati di viaggio sul sito.

Se invece non soddisfate almeno uno dei 6 requisiti dovrete richiedere un visto. Per capire di quale tipo di visto avete bisogno consultate questa pagina dell’Ambasciata Americana.

NOTA – Riguardo al requisito 5, molti suggeriscono di rifare il passaporto che include il visto iraniano (o di uno degli altri 4 paesi) e fare l’ESTA come se nulla fosse. Personalmente credo che facendo così si risparmi sicuramente qualche soldo, ma non sono affatto sicura che alla frontiera degli USA (o di Israele) non avrete problemi, anzi! Lo scambio (lecito o illecito) di informazioni tra i vari paesi ormai è impressionante ed è molto probabile che voi (me inclusa) siate già nelle liste “nere” dei Servizi di Sicurezza Americani. Io non rischierei! Essere espulsi dal paese non è un’esperienza che vorrei vivere per risparmiare 50 euro!

Tutti i tipi di visto USA non-immigrante

Lasciando da parte i visti immigranti (ovvero per coloro che si vogliono trasferire negli Stati Uniti), i visiti non-immigranti si dividono nelle seguenti categorie (che dipendono dal motivo del viaggio negli USA)

  • Affari, turismo e cure medicheI visti di categoria B (B1, B2, e B1/B2) sono destinati a coloro che intendono recarsi negli USA per affari, turismo o per sottoporsi a cure mediche, ma non rispettano i requiisti dell’ESTA. Se intendete recarvi negli USA per affari o per partecipare a meeting o conferenze, avete bisogno di un visto di categoria B1. Se intendete invece recarvi negli USA come turista o per sottoporvi a delle cure mediche, avete bisogno di un visto di categoria B2.
  • TransitoSe intendete transitare attraverso gli USA prima di raggiungere un altro paese come destinazione finale, avete bisogno di visto di categoria C1.
  • Membri di equipaggioSe intendete recarvi negli USA come membro di un equipaggio aereo o navale, avete bisogno di visto di categoria C1/D.
  • Commercio o investimentoSe intendete recarvi negli USA per intraprendere un’attività commerciale (import-export), di commercio in servizi, oppure per attività di investimento, avete bisogno di un visto di categoria E.
  • StudentiSe intendete recarvi negli USA per motivi di studio, per frequentare un corso di studio accademico presso una scuola o università o un corso non accademico/professionale, avete bisogno di un visto di categoria F, M.
  • Giornalisti e operatori dei mediaSe intendete recarvi negli USA per svolgere attività giornalistica o di supporto dei media, avete bisogno di un visto di categoria I.
  • Scambi culturaliSe intendete recarvi negli USA per partecipare ad un programma di scambio culturale o per motivi di ricerca, avete bisogno di un visto di categoria J.
  • Lavoratori temporaneiSe intendete recarvi negli USA per lavorare per un periodo limitato di tempo, esistono diverse categorie di visto di riferimento a seconda del tipo di lavoro che intendete svolgere: visitate la pagina dei visti di categoria H, L, O, P, Q, R.
  • Diplomatici, funzionari o militariSe intendete recarvi negli USA per assumere incarichi diplomatico-ufficiali di natura governativa o militare, avete bisogno di un visto di categoria A, G, NATO.
Potrebbe interessarti anche:  Visto per l’Iran: come si ottiene?
visto usa

Come richiedere il visto turistico USA (B2- non immigrante)

Dovendo entrare negli Stati Uniti per Turismo, io rientravo nel visto non-immigrante di categoria B2. Per richiederlo bisogna seguire i seguenti step:

  1. compilazione del modulo DS-160 accessibile al link https://ceac.state.gov/genniv/e, alla fine, stampa della pagina di conferma con il codice a barre. Questo modulo è composto da tante pagine e va compilato con molta attenzione. Ecco le informazioni che vi vengono richieste e che dovrete avere a portata di mano: i dati del passaporto, un indirizzo/riferimento di dove alloggerete negli Stati Uniti (se non sapete ancora quando e dove andrete indicate l’indirizzo di un hotel a caso), il riferimento di un contatto negli Stati Uniti (meglio se un amico, altrimenti l’hotel), le date approssimative dei vostri viaggi precedenti negli Stati Uniti (se ne avete fatti), l’elenco dei paesi che avete visitato negli ultimi 5 anni (nel mio caso ovviamente ne ho indicati solo 7/8), i dati relativi ai vostri genitori (nome, luogo e data di nascita), il vostro titolo di studio, a vostra professione attuale (con relativi dati: indirizzo, tel.. lo stipendio si può non indicare), per finire con 2/3 schermate di domande ovvie sulla sicurezza..quelle tipo..hai mai contrabbandato organi di cittadini americani?, eccetera.

NB non vi preoccupate se il sistema non accetta la vostra foto tessera. Potrete compilare e salvare tutto il modulo senza caricare la foto, l’importante è portarla poi al consolato al momento del colloquio.

visto usa
  1. Registrarsi al sito: https://usvisa-info.com ;
  2. Pagare la tariffa consolare non rimborsabile (MRV) online. Si può pagare tramite carta di credito (ma solo se Debit- la maggior parte delle carte in Italia sono Credit e non Debit) oppure tramite bonifico bancario (io ho optato per questa scelta).
  3. Prenotare un appuntamento per la data prescelta al consolato di Roma, Milano, Firenze o Napoli. Se avrete fatto il pagamento con bonifico, l’opzione sulla prenotazione diventerà attiva solo quando il consolato avrà ricevuto effettivamente i soldi, quindi 2/ 3 giorni dopo (vi avviseranno loro tramite mail).
  4. Presentarsi al colloquio con la documentazione necessaria
    • Pagina di conferma del modulo DS-160;
    • Passaporto in corso di validità;
    • 1 Foto tessera (5 cm x 5 cm, un formato più grande delle classiche foto tessera, fate attenzione!)
    • documentazione che dimostri lo scopo e la durata del viaggio (a me non hanno chiesto nulla!)

Quando sarete al consolato per il colloquio vi prenderanno le impronte digitali e vi faranno alcune domande sul perché volete andare negli Stati Uniti e sul perché e come siete stati in Iran (nel mio caso) , ma niente di che. Perlomeno nella mia esperienza, ho impiegato più tempo a sbrigare le procedura di sicurezza per entrare nel consolato che per fare le impronte e il colloquio!

  1. In caso di approvazione (e questo ve lo dicono subito, direttamente al colloquio), il visto viene generalmente emesso entro 2/3 giorni lavorativi e il passaporto viene inoltrato alla DHL. Dopo ulteriori tre giorni lavorativi, il passaporto sarà disponibile per il ritiro presso la sede DHL selezionata in fase di richiesta dell’appuntamento (quindi normalmente cinque giorni lavorativi dopo il colloquio). In caso di consegna a domicilio i tempi possono allungarsi di alcuni giorni.
  2. Verrete informati direttamente dalla DHL circa i tempi di consegna, tramite una e-mail con le istruzioni per il ritiro.
visto usa
Potrebbe interessarti anche:  Come richiedere un rimborso per un volo in ritardo o cancellato

Quanto costa il visto B2

Il costo del visto turistico B2 è di 160 dollari (pari a 136 euro)

Quanto dura

Una volta ottenuto, il visto B2 dura per 10 anni (tranne in casi rari in cui viene approvato solo per 1 anno e un singolo ingresso) e vi consente di restare negli Stati Uniti per 6 mesi ogni volta che entrate. Se durante questi 10 anni cambiate passaporto perché scade o perché avete finito le pagine non dovrete far altro che portare in viaggio con voi anche il vecchio passaporto con il visto B2 attaccato (anche se il passaporto è stato annullato).

Quanto tempo prima richiederlo

Qui vale sempre la regola…prima è e meglio è. Personalmente ho impiegato, tra tutto, 18 giorni, ma so che sono che ci sono delle differenze di tempo tra i 4 consolati per quanto riguarda il colloquio (Roma, Milano, Firenze, Napoli). A Milano di norma l’appuntamento viene dato entro 1 settimana dalla richiesta mentre a Roma ci vuole di più.

Altra cosa, non è necessario avere già in mano un volo e un hotel negli Stati Uniti per richiedere il visto! Io, ad esempio, l’ho richiesto in maniera preventiva perché so che voglio tornare presto a New York ma non so ancora esattamente quando. Non appena avrò deciso le date però sarò prontissima 😉

visto usa

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

47 Commenti

on Come ottenere il visto turistico per gli USA (B2).
  1. Alfeo balestracci
    |

    Buondi
    Ma,dopo aver ottenuto il visto,bisogna fare anche autorizzazioone x ESTA ???
    Geaxie

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao,
      No,il B2 sostituisce l’ESTA e vale 10 anni.
      A presto, Valentina

  2. GinaPaola
    |

    Ciao, l estratto conto bancario…deve essere alto?

    • Valentina Borghi
      |

      In realtà loro scrivono di portarlo, ma non lo chiedono mai. A me non l’hanno chiesto e non l’ho visto chiedere a nessuno mentre ero lì.
      Principalmente vogliono sapere perchè vai negli States. Se sei stata in Iran, ti chiedono di quel viaggio, ma è una roba veloce comunque

  3. Isabella
    |

    Buongiorno! Sto valutando le possibilità di un viaggio in Iran (puro turismo) nel mese di ottobre. Ho un fratello che vive a NY e mi piacerebbe poter andare a trovarlo in futuro .
    Dalla tua esperienza pensi che il consolato americano possa rifiutare il visto B2 a qualcuno che è stato in Iran per turismo (quindi senza altre motivazioni, tipo lavoro, che sarebbero più facilmente documentabili) ? Sul passaporto ho anche Giordania , Kuwait, Emirati
    Hai mai sentito qualcuno a cui sia stato rifiutato ?
    Ti ringrazio per l aiuto

    Isabella

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao Isabella, scusa il ritardo nella risposta. Secondo me non ti faranno problemi, ma non conosco molte persone che hanno richiesto il B2 quindi non ho grandi statistiche purtroppo.
      Sicuramente se dimostri che hai una casa o un lavoro in Italia non hai nessun problema. A presto, Valentina

  4. Cristina
    |

    Ciao…Hai avuto modo di sapere se per i cittadini rumeni ,residenti in Italia/Roma,in regola con tutto quanto ,chiedono documenti particolari oppure se è più difficile ottenere il visto turistico? Vorrei fare un viaggio a New York e l’agenzia mi ha consigliato prima di ottenere il visto B2 senza prenotare prima il viaggio ma solo in seguito al rilascio del visto…Devi necessariamente parlare in inglese ai colloqui Oppure si può parlare in italiano? Grazie mille

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao, si, da quello che so io fanno più storie ai cittadini stranieri residenti in Italia, anche se perfettamente in regola.
      Ti conviene quindi prendere prima il visto e poi conprare i biglietti come ti hanno consigliato.
      Al colloquio puoi parlare in italiano, no problem
      A presto, Valentina

  5. Ola
    |

    Ciao.io ho ottenuto visto b2.per 10 anni.ma volevo andare a maggio.una mia amica mi dice che non devo fare passare 7 mesi senza andare…se no ti aprono i problemi perché lo ha chiesto tanto prima dalla data che vuoi andare…sai se è vero sta cosa?? Cioè devo andare per forza prima??? Grazie

    • Valentina Borghi
      |

      Non mi risulta proprio..
      Io l’ho fatto mesi fa e ancora non sono tornata in USA ma avevo chiesto e non c’era nessun problema

  6. Jhane
    |

    Salve io sono straniera e abito in Italia comunque mi piacerebbe visitare gli Stati uniti arriverei da mia zia. Lei mi vuole mandare la lettera d’invito per email io potrei stamparla ma la mia domanda è se quella lettera ha ancora validità essendo stata stampata?
    Un altra domanda se mi viene negato il visto quanto tempo devo aspettare per richiederlo di nuovo?

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao, sul fatto della lettera..secondo me ti conviene fartela spedire in originale. Sulla seconda domanda francamente non so risponderti, è una questione tecnica che va chiesta direttamente al Consolato americano (io sono solo una blogger/viaggiatrice.. :-))

  7. Elena flagiello
    |

    Ciao a tutti!!

    Da quello che si legge qui sembra che sia tutto una passeggiata!! La mia versione dei fatti purtroppo é totalmente diversa…mi é appena stato negato un visto B2 con praticamente nessuna motivazione valida…avevo lettera d’invito da parte di una famiglia dove ero gia stata,conti bancari in mano,stato di famiglia, nessun precedente…volevo solamente stare in america da questa famiglia per un periodo cm già avevo fatto in passato…. la risposta é stata che in america hanno leggi restrittive… che risposta é? Non mi hanno chiesto di mostrare nessuno dei documenti che avevo… è come se il funzionario andasse a simpatie….
    Sono assolutamente avvilita anche perché ora non posso neanche richiedere un ESTA.. trovo tutto questo assurdo… non c’è stata alcuna volontà di approfondire la mia richiesta…..

    Se qualcuno potesse darmi un consiglio sulle tempistiche per richiedere un ESTA sarei grata….quanto tempo deve passare prima di poter entrare negli usa?
    Qualcuno ha avuto un esperienza come la mia?

    Grazie

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao Elena,
      mi spiace molto
      Sicuramente con Trump le cose sono cambiate in peggio e mi pare di capire che facciano sempre più storie per concedere i visti.
      Il fatto poi che non ti diano spiegazioni lo trovo assurdo!
      Purtroppo non so dare una risposta alle tue domande, mi spiace Valentina

  8. Sara
    |

    Ciao Valentina, non sono riuscita a reperire questa info altrove..forse tu mi puoi aiutare. Se visisto nuovamente uno dei paesi in lista durante i 10 anni di durata del visto devo chiedere un altro visto B per transitare negli Stati Uniti…?Grazie per l’aiuto, ciao.

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao Sara, da quello che ho capito io no. Il visto vale 10 anni e per questi 10 anni sei a posto, anche se torni di nuovo in Iran (cosa che io voglio fare peraltro) o in altri paesi della black-list.

  9. diletta
    |

    Buonasera,
    mi sono appena laureata e mi piacerebbe passare un periodo di tempo negli USA dai parenti di mia madre (lì abitano le sue cugine di primo grado). Ho 25 anni ed essendo laureata da poco non ho un lavoro quindi mi risulta difficile, nella richiesta del visto B2, inserire dati come la busta paga, attestazioni di immobili e così via. Dovrei forse presentarmi con i dati dei miei genitori?
    Sono un pò combattuta: non so se chiedere il visto B2 o il visto F1. Lì mi piacerebbe, oltre che stare con i miei parenti per unpò, frequentare un corso d’inglese che magari mi rilasci qualche attestato da inserire nel mio CV per arricchirlo. Ho paura che il B2 mi venga rifiutato e ho letto che non posso nemmeno richiedere l’ESTA dopo il suddetto rifiuto. Cosa ne pensate? avete delle info maggiori sul visto F1 o B2?
    Grazie a chi risponderà.

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao Diletta, purtroppo non posso aiutarti. Non ho info sulle altre tipologie di visto, mi spiace 🙁

    • Stef
      |

      Ciao Diletta, fossi in te andrei di Esta senza mettermi in mezzo ai visti, che sono procedure macchinose dove qualcosa può sempre andare storta.

      Con ESTA puoi stare fino a 90 giorni (mi raccomando non passare mai questa soglia altrimenti ci passi i guai veri) e se fai un corso di lingue che prende meno di 20 ore a settimana non necessiti di un visto.

      Se vuoi stare più a lungo di 90 giorni allora ti conviene applicare per un visto. Ma l’F1 sta vivendo un momento restrittivo perché in passato è stato usato da molti come viatico per poi stabilirsi negli us. Detto ciò, se non sei mai stata negli us prima e i tuoi possono garantirti una copertura finanziaria che di norma è indicata dalla scuola che frequenteresti, non ci vedo grossi problemi.

  10. Klevissa
    |

    Buongiorno,
    Ho fatto richiesta per un visto turistico b2 e me Lo hanno negato nonostante abbiamo casa, lavoro, amici,familiari e tutto in italia. Volevo chiederti adesso Quando posso fare un’altra richiesta per un altro visto?
    Grazie mille

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao, non lo so, io ho solo descritto la mia esperienza. Per queste info devi chiedere al consolato americano, mi spiace. Valentina

  11. Federico
    |

    Ciao Valentina, a me è stato rifiutato un’ESTA allo scalo che avevo in Germania prima di prendere l’aereo per Los Angeles, non so il motivo ovviamente perchè non me lo hanno detto, quindi ero intenzionato a richiedere un visto B2 al consolato a Firenze.
    Volevo chiederti, l’intervista è totalmente in inglese giusto? Probabilmente è una domanda stupida ma se è così vorrei arrivarci preparato bene, ti ringrazio

  12. Federico
    |

    Ciao Valentina, volevo chiederti, l’intervista è completamente in inglese o può essere anche in italiano? Grazie

      • Federico
        |

        Ah perfetto ti ringrazio molto, lo capisco e lo parlo l’inglese ma non proprio in modo impeccabile, quindi avevo il dubbio che magari vedendo questa “difficoltà” potessero farmi delle storie, mi hai tranquillizzato.
        “Purtroppo” sono costretto a richiedere il visto dato che due anni fa sono rimasto bloccato nell’unico scalo prima di andare a Los Angeles dove mi è stato detto che l’ESTA che avevo fatto non risultava valido, senza altre spiegazioni.. quindi per evitare nuovamente questa situazione mi rivolgerò al consolato, grazie per le informazioni che dai nel tuo blog, mi è stato davvero utile

          • Federico
            |

            Crepi! Comunque ti volevo chiedere, ho appena completato il modulo ds-160 e inviato il bonifico, ho solo un dubbio e spero che tu mi possa tranquillizzare.
            Nella compilazione del modulo quando veniva richiesto il tipo di visto che si intendeva ricevere, c’erano tra le opzioni: B1/B2 per affari/ turismo, e: B2: per cure mediche/turismo.
            Io ho selezionato il primo (B1/B2)
            (Devo solo fare un viaggio turistico), pensi che possano esserci problemi oppure portando la documentazione richiesta dovrebbe essere tutto nella norma? Ti ringrazio molto

          • Valentina Borghi
            |

            Sinceramente non ricordo questa scelta quindi non posso aiutarti, mi spiace 🙁

          • Federico
            |

            Ciao Valentina, volevo solo dirti che mi hanno rilasciato il visto b2 quindi alla fine è andato tutto bene, ti ringrazio molto sei stata molto gentile e disponibile 🙂

          • Valentina Borghi
            |

            Ottimo! Io ho da poco fatto scalo in USA e non ho avuto alcun problema con il B2 😉

  13. Rita
    |

    Ciao! Avrei bisogno di un tuo suggerimento operativo. Ho prenotato un viaggio a New York per il prossimo marzo ma poichè sono stata in Sudan dopo il 2011 debbo richiedere il visto al Consolato. Guardando le istruzioni del mod B2, oltre alla foto l’indicazione del volo ecc. ecc. viene citata la necessita’ di un curriculum. Chiedevo quali elementi deve contenere??? Non vorrei omettere qualche cosa di determinante. Grazie!

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao Rita, immagino i dati lavorativi soprattutto. Io l’avevo portato ma poi non me l’hanno chiesto

  14. ricca
    |

    Ciao! sto compilando la procedura DS-160 per un visto B2; mi viene chiesto indirizzo e contatti del luogo in cui starò durante il mio viaggio.
    Ancora non ho prenotato nè volo nà alloggio, sto predisponendo il visto in maniera preventiva, con prospettiva di viaggio non immediata.
    Come posso andare avanti nella procedura di compilazione del DS-160 senza conoscere per il momento dove alloggerò?
    E’ possibile procedere?
    Grazie mille

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao, io ho inserito un hotel a caso, poi al colloquio ho spiegato che avevo richiesto il visto in maniera preventiva, esattamente come te. A presto, Valentina

  15. teresina benotto
    |

    Ciao, utilissime le informazioni che hai dato!
    Se sul modulo viene caricata la foto richiesta, al momento del colloquio è necessario avere la stessa foto in formato cartaceo?
    Con i mezzi informatici è facile fare tutto senza dover stampare la foto… Per questo chiedo se è obbligatorio avere la foto in cartaceo…
    Grazie!

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao, temo di sì, nel senso che comunque dovrai consegnare una foto tessera in formato 5 x5 al Consolato quindi..tanto vale usare quella.
      A presto, Valentina

  16. Mell
    |

    ciao Valentina, innanzitutto grazie per tutte le informazioni! Devo andare a New York l’8 febbraio 2019 e mi hanno rifiutato l’Esta perchè son stato in Siria per lavoro nel 2011. Volevo chiederti se secondo te riesco a fare il visto B2 in meno di 20 giorni (Consolato di Milano) e confermi che alla peggio lo posso usare nell’arco di 10 anni senza fare ulteriori domande o procedure (così perderei il volo ma non i 160 dollari di visto)… ti risulta poi che, nonostante il visto, ti possano rimpatriare una volta atterrato in Usa? Grazie per l’attenzione Mell

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao Mell,
      Per i tempi non lo so, prova a vedere online che disponibilità ti danno sull’appuntamento. Quando te lo danno sì, vale 10 anni e in teoria poi non devi fare nient’altro. Sul rimpatrio non lo so e spero sinceramente di no (io comunque entrerò negli USA con il mio B2 fra poco..se mi rimpatriano ti faccio sapere :D). A presto

      • Mell
        |

        Ok grazie, allora buon viaggio…ciao Mell

  17. MELL
    |

    Ciao Valentina, scusa se rompo ancora…veramente delirante fare la richiesta on line del visto, con la sessione che scade in tempi zero!! Comunque mi sono inchiodato nel punto dove chiede inserire la fotografia. Non riesco a capire come fare….mi puoi aiutare?….e già che ci sei se sai che dopo c’è qualche altro punto particolare me lo segnali?
    Grazie di cuore per la tua disponibilità Mell

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao Mell, come è scritto nell’articolo “Potrete compilare e salvare tutto il modulo senza caricare la foto, l’importante è portarla poi al consolato al momento del colloquio”

  18. Claudia Derudas
    |

    Ciao Valentina,
    Sono al quinto anno e a giugno mi diplomo…vorrei fare l’interprete e quindi pensavo di passare sei mesi in America per la lingua e per riuscire ad avere una certificazione, secondo te sei mesi sono troppi? Potrebbero fare storie anche se ho una famiglia di amici in cui alloggiare? Cioè posso semplicemente dire che vado là sei mesi per imparare bene la lingua o devo per forza avere qualcosa da fare? Perché una mia amica mi ha detto che secondo lei per sei mesi senza “fare niente” ai loro occhi potrebbero rifiutarlo…grazie in anticipo!

    • Valentina Borghi
      |

      Ciao Claudia, secondo me ha ragione la tua amica, è meglio se provi ad iscriverti ad un corso di lingua o altro e fai domanda per un visto di studio. Altrimenti vai con l’ESTA e torni dopo 1 mese, per poi ripartire.

      • Claudia Derudas
        |

        In tal caso entro quando posso rifare l’ESTA una volta tornata in Italia? C’è un minimo di tempo o posso ripartire entro breve?

        • Valentina Borghi
          |

          L’ESTA vale 2 anni, il problema con l’ESTA è che puoi stare negli USA solo per 1 mese alla volta. Dopo 1 mese devi quindi uscire dal paese e poi eventualmente rientrare

  19. Roberta
    |

    Salve. A breve ho appuntamento a Milano x visto B2.
    Oltre a documenti che attestano lavoro, reddito, e famiglia devo portare qualcosa che attesti che sono in buona salute? Grazie e complimenti per il sito.

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.