BeBorghi | Come organizzare un viaggio alle isole Azzorre | by BeBorghi

Come organizzare un viaggio alle Azzorre: quando andare, come e dove

Scritto da  on 
21 novembre 2018

Fino a qualche anno, la maggior parte delle persone sapeva a malapena dell’esistenza di questo arcipelago; ora le Azzorre sono diventate quasi di moda! È una frase un po’ forte in effetti, ma grazie ai voli delle compagnie low cost su Sao Miguel e al passaparola, non c’è dubbio che stiano vivendo un vero e proprio boom dal punto di vista turistico. Chi le scopre per la prima volta poi se ne innamora e continua a tornarci. Questo perché le isole Azzorre sono un autentico paradiso, soprattutto per chi ama la natura e le vacanze attive.

Prima di andarci io stessa non sapevo bene cosa aspettarmi, ma quando sono arrivata lì sono rimasta letteralmente estasiata! Quello che mi ha colpito più di tutto è che ogni isola è completamente diversa dall’altra e a chi mi chiede “quale ti è piaciuta di più” non so proprio dare una risposta. Le ho amate tutte, per motivi diversi: Sao Miguel perché è la più varia, Terceira perché ha la cittadina più bella delle Azzorre e delle grotte incredibili, Sao Jorge per i trekking fantastici, Pico per il vulcano e per i vigneti e Faial per i magnifici paesaggi post-apocalittici. Che poi io ho vistato solo le 5 isole centrali..ma già non vedo l’ora di tornarci per visitare anche Flores, Corvo, Santa Maria e Graciosa.

mappa dell'itinerario di viaggio alle azzorre

Dove sono le isole Azzorre e come raggiungerle

Le Azzorre sono l’ultimo avamposto europeo in pieno oceano Atlantico e appartengono al Portogallo. Se siete in viaggio verso l’arcipelago, per un bel po’ sarete circondati solo dal blu dell’oceano, poi appariranno dal nulla all’improvviso, queste magnifiche isolette verdi.

A meno che non decidiate di attraversare l’Atlantico in barca a vela, l’aereo è l’unico modo per raggiungere le Azzorre. Non esistono voli diretti dall’Italia, ma si fa sempre scalo a Lisbona (c’è qualche volo anche da Porto in realtà). Da Lisbona ci sono voli regolari per le isole di Sao Miguel e Terceira (tutti i giorni), Faial, Pico e Santa Maria (solo alcuni giorni a settimana). Le compagnie aeree che volano alle Azzorre sono la TAP e la SATA (la compagnia azzorriana). Dal 2015 in poi, per evitare che i turisti visitassero solo Sao Miguel, ovvero l’isola più grande e più sviluppata turisticamente, esiste il cosiddetto encaminhamento: se entro le successive 24h dall’arrivo a Sao Miguel se ne raggiunge un’altra in aereo, è possibile chiedere il rimborso dei soldi della seconda tratta. Per richiederlo dovrete andare su questo sito. 

Potrebbe interessarti anche:  Azzorre: cosa vedere e cosa fare in queste isole da sogno

azzorre terceira_alvar do carvao

azzorre pico

Come spostarsi tra le isole e sulle isole

In aereo

I collegamenti interni tra le 9 isole delle Azzorre sono assicurati da voli regolari sempre dalla SATA . Ogni isola ha il suo mini-aeroporto. I prezzi dei voli interni (2018-2019) si aggirano intorno agli 80 euro a tratta.

In traghetto

A seconda del periodo dell’anno, ci sono più o meno collegamenti via mare tra le 9 isole delle Azzorre; nei mesi invernali alcuni cessano il servizio o riducono gli orari. I collegamenti più comodi da fare in traghetto sono sicuramente quelli tra le isole centrali (Pico, Faial e Sao Jorge): questi funzionano tutto l’anno e in estate sono abbastanza frequenti (costano intorno ai 15 euro a tratta). Le altre tratte sono molto più lunghe e poco indicate da fare in traghetto, soprattutto se soffrite il mal di mare. Trovate tutte le tratte, gli orari e i prezzi su questo sito.

Come muoversi sulle isole: auto e taxi

A Sao Miguel e a Terceira ci sono molte linee di autobus, ma tante destinazioni turistiche non sono raggiungibili con gli autobus. In generale il mio consiglio è quello di affittare un auto (esistono diverse compagnie sia locali che internazionali), perlomeno nelle isole di Terceira, Sao Miguel e Pico. A Sao Jorge e a Faial, soprattutto se siete almeno 3/4 persone, potrete spostarvi in taxi. Li troverete sempre all’arrivo dei traghetti e fuori dagli aeroporti, ma è preferibile contattarli prima (in inglese, su whatsup va benissimo), soprattutto se visitate le Azzorre in alta stagione (luglio e agosto). In questo modo potrete farvi venire a prendere quando arrivate sull’isola e concordare prezzi e itinerari (sono incredibilmente precisi!)

Per le destinazioni turistiche ci sono dei prezzi fissi che troverete esposti anche negli uffici informazioni delle isole, altrimenti si usa il tassametro.

  • Taxi Sao Jorge: Jorge +351 916667020, con lui potete concordare gli itinerari che volete fare sull’ isola , ed e’ disponibile in caso di cambiamenti last minute dovuti a ritardi aerei/barche. Potete scrivergli.
  • Taxi Faial : Terry’s Cab +351 966950136 (idem come sopra)
Potrebbe interessarti anche:  Lisbona insolita: 10 luoghi da vedere per sentirsi local

azzorre- voli interni

Il clima alle Azzorre: quando andare

Le Azzorre godono di un clima temperato durante tutto l’anno, senza grandi variazioni di temperatura. Le temperature variano tra una media annuale minima di 14° e una massima di 25-26° (media del mese di agosto). Questo significa che non c’è un periodo dell’anno propriamente freddo e uno molto caldo; c’è invece una certa variabilità e all’interno di una singola giornata potrete avere dei temporali e poi il sole nel giro di 10 minuti. I locali dicono che alle Azzorre è possibile vivere le 4 stagioni in un giorno solo! La variabilità è molto più marcata in inverno quindi diciamo che i periodi migliori per visitarle sono sicuramente le altre 3 stagioni: primavera, estate e autunno. La temperatura media dell’acqua del mare, influenzata dalla famosa corrente del Golfo, si situa tra i 16° e i 22° durante tutto l’anno.

Cosa è necessario prenotare prima

Il picco dell’alta stagione è agosto: se viaggiate durante questo mese dovrete prenotare tutto con un bel po’ di anticipo perché le Azzorre ancora non si sono attrezzate per ricevere il boom di turisti e potreste incontrare diversi problemi. Le cose da prenotare assolutamente prima sono gli alloggi e i voli interni (anche 2/3 mesi prima). Per i traghetti e le escursioni una settimana prima va più che bene, idem per i ristoranti se siete un gruppo numeroso di persone (in realtà io o avuto problemi a trovare posto per cena per 2 persone prenotando 2 giorni prima a Sao Miguel!). Per quanto riguarda i programmi giornalieri, potete farli ma con la consapevolezza che, in base al meteo, potrebbe essere necessario modificarli. Diciamo che alle Azzorre è richiesta una certa dote di improvvisazione.

Anche se siete interessati alle feste paesane tipiche e ai tanti festival musicali che si svolgono nelle varie isole dovrete scegliere il mese di agosto. Se siete invece interessati principalmente al trekking e agli sport acquatici vanno benissimo tutti gli altri mesi da maggio fino a ottobre.

azzorre terceira_spiaggia di angra

azzorre nuoto con i delfini

Quante e quali isole visitare

A meno che non abbiate almeno 3/4 settimane di tempo non riuscirete a vedere tutte e 9 le isole e dovrete necessariamente selezionarne 4/5. La maggior parte delle persone che si avvicinano alle Azzorre per la prima volta di solito scelgono di visitare le 2 isole più grandi e turisticamente più sviluppate, Sao Miguel e Terceira, e le 3 isole centrali, Pico, Sao Jorge e Faial. Questa scelta deriva soprattutto dalla vicinanza tra queste 5 isole perché le altre, soprattutto Corvo, Flores e Santa Maria, sono davvero molto distanti.

Avendo a disposizione 2 settimane, questi sono i giorni che dedicherei alle singole isole:

  • Sao Miguel: 4 giorni
  • Terceira: 3 giorni
  • Sao Jorge: 2 giorni
  • Pico: 2 giorni
  • Faial: 2 giorni

Quanto si spende alle Azzorre

Le Azzorre sono una destinazione abbastanza economica per noi: di media si dorme per 30 euro a notte e si fa un pasto completo in un posto carino per circa 15 euro. Le escursioni (es. avvistamento delfini e balene, snorkeling, ecc) hanno un prezzo variabile, ma di media si aggirano intorno ai 30-40 euro.

azzorre fajal

azzorre sao miguel_piscine caldeira velha

Dove dormire alle Azzorre

Come ho scritto anche nel paragrafo sopra, se ci andate in agosto prenotate anche con 2/3 mesi di anticipo per non avere sorprese! Alcune isole sono molto piccole e le strutture ricettive molto limitate: le prenotazioni last minute sono molto rischiose!

Dove dormire a Terceira

Globo Happy Hostel (Angra do Heroismo). Questo design hostel si trova proprio nel centro di Angra. Ha sia le camerate che le stanze doppie (tutte comunque con bagno in camera). È pulito, moderno e funzionale e la colazione (che è inclusa nel prezzo) è ottima.

Dove dormire a Sao Jorge

Casa D’Avo Guesthouse (Urzelina). Casa D’Avo è uno dei posti più belli dove si possa alloggiare alle Azzore! È una casa familiare riconvertita in b&b il cui giardino si affaccia direttamente sul mare. Le stanze sono molto belle, così come gli spazi comuni; c’è una cucina enorme e un patio dove poter mangiare fuori. Il proprietario, Victor, è una persona squisita e super disponibile. Ha poche stanze quindi prenotatelo con parecchio anticipo. NB il porticciolo e gli scogli di Urzelina per fare il bagno sono a 2’ a piedi.

Casa do Antonio (Velas). Casa do Antonio è un b&b molto bello che si trova in una posizione centrale, vicino alla città, alla spiaggia e al terminal dei traghetti. Il personale è molto accogliente e cordiale, e le camere pulite e confortevoli. C’è anche un’area esterna per fare la colazione (ottima!) o rilassarsi al sole.

Dove dormire a Pico

Sara Village Sportfish (Sao Roque do Pico). Il Sara Village è costituito da diverse abitazioni, costruite nello stile tipico delle Azzorre, con all’interno delle stanze doppie e dei mini-appartamenti con cucina. È tutto nuovo e ogni appartamento/stanza ha anche una terrazza o uno spazio esterno. Il Sara Village si trova leggermente in alto, sopra il villaggio di Sao Roque, e da qui si gode una vista magnifica sull’isola di Sao Jorge che si trov di fronte. C’è un parcheggio riservato e il proprietario, Michel Angelo, è una persona davvero gentile e disponibile.

Adegas do Pico (Sao Roque do Pico). Gli appartamenti/monolocali di Adegas do Pico hanno una collocazione a dir poco stupenda: sono isolati ma non troppo e proprio di fronte all’ Oceano. Le diverse costruzioni sono in pietra lavica, sono moderne e con grande solarium; oltre a questo, sempre all’esterno c’è un angolo barbecue e un piccolo giardino. La vista da qui è eccezionale! Davvero una bellissima location per chi ama la tranquillità e la natura.

Dove dormire a Sao Miguel

Sull’isola di  Sao Miguel vi consiglio di dormire nella “capitale”, ovvero Punta Delgada, perchè è una cittadina molto carina ed è anche l’unica in tutte le Azzorre dove potrete fare un minimo di vita sociale/notturna. Non ultimo, qui si trovano i migliori ristoranti dell’arcipelago! Io ho alloggiato in un air bnb vicino al centro che però non mi sento di consigliarvi quindi vi direi di consultare l’elenco delle strutture di Ponta Delgada e sceglierne una da qui.

 

azzorre sao jorge_casa d'avo

azzorre pico

Dove mangiare alle Azzorre

La cucina delle Azzorre è buona ma abbastanza pesante perchè usano burro e aglio a profusione, anche sul pesce. I piatti tipici sono principalmente a base di carne di manzo, formaggi e pesce fresco e il piatto tipico per eccellenza è l’alcatra: pezzi di carne di manzo cotti a fuoco lento in un tegame di terracotta in una salsa a base di vino. Molto buono anche il formaggio di Sao Jorge, molto stagionato e saporito.

Dove mangiare a Sao Miguel

  • A Tasca (Ponta Delgada): uno dei ristoranti più gettonati della città. Un loacle rustico dove mangiare un’ottima cucina delle Azzorre. È sempre pieno quindi prenotate almeno 3/4 giorni prima.
  • Rotas da Ilha verde (Ponta Delgada): un carinissimo ristorante vegetariano nel cuore di Punta Delgada. Si entra praticamente in una casa. Locale molto accogliente e cucina ottima. Idem come sopra: prenotate diversi giorni prima.
  • Suplexio (Ponta Delgada) : un’hamburgeria hipster nel centro città. Locale piccolo e curato dove non si può prenotare: non vi resta che mettervi in fila bevendovi una birra o un vino nel dehor subito fuori.
  • Otaka (Ponta Delgada) : un ottimo ristorante giapponese quasi sulla piazza principale. Arredato in stile minimal, propone una cucina giapponese gourmet a prezzi più che accettabili. Se avesse una stella Michelin nessuno si stupirebbe. Personale attento e preparato. Prenotazione obbligatoria.
  • Tasquinha Vieira (Ponta Delgada) : ristorantino piccolo nel centro di Ponta Delgada gestito da chef e staff giovani che propongono la cucina azzorriana rivisitata in chiave gourmet. Non accetta prenotazioni… arrivi e ti metti fuori in coda ad aspettare. Ti offrono un calice di vino ed aspetti il tuo turno ma ne vale la pena.
  • Associação Agricola (Ribeira Grande) : grande locale in zona industriale, sull’altro lato dell’isola. L’ambiente interno è accogliente, il servizio attento, la qualità della carne (ma non solo) è ottima, così come la carta dei vini,. I prezzi sono un po’ più alti della media dell’isola.
  • Mané Cigano (Ponta Delgada) : classica taverna portoghese dove si condivide il tavolo con altri commensali. Locale molto semplice, ma cibo ottimo. Un menu limitato con piatto del giorno e poche altre scelte tra carne e pesce. Servizio gentile e veloce. Molto buone le sardine fritte accompagnate da patate lesse e pasticcio di fagioli. Posto alla buona.

Dove mangiare a Pico

  • Cella Bar (Madelena). Di gran lunga il bar-ristorante più figo delle Azzorre, non si può non andarci! La futuristica location in legno a forma di capsula ha anche vinto il premio di architettura Building of the Year nel 2016. Si può bere e mangiare sia all’esterno, sulle terrazze, che all’interno, ma non si può prenotare. Vi consiglio di andarci prima del tramonto e rimanere poi lì a cena. Meraviglioso!! Costa poco di più del solito ma ne vale la pena.
  • Montanha (Sao Roque do Pico). Ristorante molto conosciuto e frequentato anche dai local, ha un menù ben fatto e molto ricco anche di piatti vegetariani (dopo aver mangiato la pesante cucina azzorriana per un po’ apprezzerete ancora di più le insalatone o il riso con le verdure!). Ottima scelta!
  • Aco Snack-bar (Sao Roque do Pico) . Non facilissimo da trovare perché da fuori sembra un bar qualunque. Una volta entrati, si attraversa un bar anonimo prima di arrivare nel giardino sul retro, molto più carino ed accogliente. Il pezzo forte qui è la carne, ma il pesce non manca.

azzorre - cella bar (Pico)

Dove mangiare a Terceira

  • Adega Lusitania (Angra do Heroismo): il ristorante tipico per eccellenza di Angra do Heroismo. Propone un’ottima cucina azzorriana e soprattutto un’ottima alcatra (porzioni enormi). Perfetta anche per le tavolate.
  • Tasca das Tias (Angra do Heroismo) . Ristorante molto carino nel centro di Angra; arredato con gusto e gestito bene. Molto buona anche la cucina (principalmente tradizionale ma non solo).
  • O Chico (Angra do Heroismo). Taverna alla buona in una delle strade principali, a due passi dalla spiaggia. Ottimi piatti della cucina tipica, soprattutto l’alcatra (porzione immense, calcolatene 1 ogni 2/3 persone!).
  • Beira Mar (San Mateus) . Un ottimo ristorante di pesce freschissimo con una scelta vasta, proprio sul mare, in un paese a pochi chilometri di Angra. I piatti sono abbondanti, curati, e il personale molto gentile e disponibile, il servizio è veloce. Prenotazione obbligatoria e buon rapporto qualità-prezzo.

Dove mangiare a Sao Jorge

  • Urzelina (Urzelina). Ristorante di cucina tipica azzorriana . A pranzo è a buffet di tre o quattro piatti tutti molto tipici e a cena invece alla carta. Buona qualità.
  • Castelinho (Urzelina) . Ristorante di pesce molto carino che si trova proprio sul porticciolo. Le porzioni abbondanti e il pesce alla griglia molto fresco. Il must a quanto pare è il polpo (che io non mangio però, quindi non posso giudicare).

azzorre pico_sella bar_interno

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.