BeBorghi | Cappadocia (Turchia): cosa vedere in 3 giorni (Goreme, Uchisar, Zelve...)

Cappadocia (Turchia): cosa vedere in 3 giorni

Scritto da  on 
21 Agosto 2022
  • Cosa vedere in Cappadocia

La Cappadocia è semplicemente un sogno e le cose da vedere sono incredibili. Me l’aspettavo eh, ma non così. È sfacciatamente bella e offre una quantità di paesaggi e di attrattive assolutamente imbarazzanti. Mi aspettavo di restare estasiata davanti ai camini delle fate della valle di  Goreme, ma non sapevo che avrei visto un vero e proprio museo a cielo aperto, delle antichissime città sotterranee, canyon dai colori incredibili, e chiese rupestri con degli affreschi pazzeschi. Al di là delle attrattive della natura infatti, gli uomini hanno realizzato in queste zone delle opere davvero uniche che lasciano senza fiato. A seconda poi del momento della giornata la terra e le rocce della Cappadocia assumono colori diversi, dal rosa pallido dell’alba, al bianco del giorno, al giallo/ocra del tramonto ed è tutto semplicemente magnifico. Le cose da vedere in Cappadocia sono tante e il consiglio che mi sento di darvi è quello di dedicare alla Cappadocia almeno 3 giorni, il tempo minimo secondo me per poter vedere tutte le attrattive principali senza correre, godendosi questi magnifici paesaggi (io l’ho visitata come parte di un viaggio più lungo, di 10 giorni, attraverso la Turchia).

Cappadocia - Rose Valley

Quando andare in Cappadocia

In Cappadocia si può andare tutto l’anno, ma dovete calcolare che la Cappadocia si trova su un altopiano a circa 1000 metri sul livello del mare, quindi d’inverno nevica (io ho beccato una nevicata anche a fine aprile, ma questa è un’altra storia..), ma vederla con la neve può avere sicuramente il suo fascino! In estate, di contro, può fare molto caldo; le stagioni intermedie sono sicuramente le migliori se non volete patire nè il caldo nè il freddo.

Come raggiungere la Cappadocia e come spostarsi

Per visitare la Cappadocia, la cosa più comoda da fare è volare su Kayseri, la “capitale” della regione. Dall’Italia dovrete fare scalo a Istanbul; la compagnia più conveniente per raggiungerla è Pegasus (ma ci vola anche la Turkish Airlines). Si può poi vedere tutto facendo base a Goreme, Uchisar o Urgup e spostandosi in giornata (a questo link trovate la mappa con tutte le tappe citate). Per spostarsi il mio consiglio è di affittare una macchina direttamente in aeroporto (di norma io uso il sito di Rentalcars– il costo per 3 giorni pieni si aggira intorno ai 100-120 euro). I bus ci sono, ma raggiungono solo i centri principali e i più turistici;  la macchina vi permetterà invece di essere completamente liberi di spostarvi dove volete e i costi sono abbastanza economici. Le strade sono buone ed è facile orientarsi. Se non volete prendere la macchina potrete esplorare la zona utilizzando i tour guidati (vedi box qui sotto). In questo caso dovrete prenotarvi un transfer dall’aeroporto di Kayseri fino all’hotel che avrete scelto e poi farete i tour direttamente da lì (tutti prevedono il pick-up in hotel).

Potrebbero interessarti questi tour della Cappadocia di 1 o 2 giorni:

Visitare la Cappadocia con un tour organizzato da Istanbul

Se non avete tempo o voglia di organizzare tutto, o non avete voglia di affittare la macchina e guidare potete acquistare un pacchetto per un tour organizzato in Cappadocia di 4 giorni che parte da Istanbul. Il tour include anche Ankara, la cerimonia dei dervisci rotanti, i transfer e i pernottamenti in hotel a 4 o 5 stelle per 3 notti con colazione e cena inclusi. Il prezzo peraltro è decisamente competitivo.

Potrebbe interessarti anche:  Un viaggio a Istanbul: tutti i consigli utili
Cappadocia - Goreme- mongolfiere

Dove dormire in Cappadocia: Goreme

Sul dove dormire in Cappadocia prima di partire avevo letto alcuni commenti di altri siti/blog che sconsigliavano di dormire Goreme e di andare piuttosto a Uchisar. Il mio consiglio è invece quello di dormire a Goreme ed usarla come base per vedere la Cappadocia. È sicuramente vero che è la cittadina più turistica della Cappadocia, ma è anche vero che è la più comoda per esplorare tutta la zona ed è molto carina e piena di bar ristoranti e agenzie tra cui potrete scegliere. Anche per fotografare le mongolfiere all’alba è lo spot migliore e, dormendo qui, non dovrete mettervi alla guida alle 4 di mattina. A Goreme, come anche a Uchisar, la maggior parte degli alloggi sono scavati nel tufo e, in alcuni casi, integrati all’interno dei camini delle fate: vi sembrerà di dormire in una città delle fiabe! Devo dire che anche Uchisar è molto carina, ma si sta “riqualificando” adesso e non ha ancora tutti i servizi che potete trovare invece a Goreme.

  • Aza Cave Cappadocia : questo piccolo hotel con piscina si trova proprio nel centro di Goreme, le stanze scavate nella roccia sono molto belle, così come gli spazi esterni. Colazione ottima!
  • Sultan Cave Suites : se avete un budget più alto e volete dormire dove vanno tutti gli influencer famosi dovrete scegliere questo boutique hotel che si trova nella parte alta di Goreme. La metà delle foto che si trovano su Instagram sono state scattate dalle sue terrazze!
Aza Cave Goreme
Aza Cave Goreme - camera

Il Museum Pass Cappadocia: conviene o non conviene?

La risposta è sì, conviene. Ma che cos’è? È un biglietto cumulativo che costa 230 lire turche (circa 15 euro- 2022) che vale 3 giorni e include la maggior parte delle attrazioni della Cappadocia. Se comprate i biglietti singoli andrete a spendere di più. Il Museum Pass Cappadocia si può comprare on-line o nei seguenti posti (il cui biglietto d’ingresso è incluso nel pass):

  • Open Air Museum di Goreme (non lo comprate qui che farete la fila!)
  • Zelve
  • Ilhara Valley
  • Le città ipogee di Derinkuyu (la più grande), Kayamali e Ozkonak
Potrebbe interessarti anche:  Turchia: cosa vedere in 10 giorni

Cosa vedere in Cappadocia

Goreme Open Air Museum: le chiese rupestri più belle della Cappadocia

La prima cosa da vedere in Cappadocia è sicuramente questo magnifico museo all’aperto che si trova 1 km fuori Goreme ed è probabilmente il posto più turistico della Cappadocia. Non riuscirete a visitarlo in solitudine o comunque in compagnia di poche persone, ma va visto, senza se e senza ma. In questa zona, bellissima anche a livello paesaggistico, sono raggruppate molte chiese rupestri, tra le meglio conservate della Cappadocia. La maggior parte risalgono al XI-XII secolo e al loro interno si trovano dei magnifici affreschi ottimamente conservati e dai colori ancora vividi. Cercate di non visitarle nelle ore centrali della giornata perchè sono invase dai gruppi turistici e dovrete fare la coda anche per i biglietti (a questo proposito, cercate di arrivare qui con il Museum Pass già in mano, almeno salterete la fila).

Cappadocia - valle di Ihlara

La città sotterranea di Derinkuyu (e Kaymakli)

La Cappadocia è piena di città ipogee (o città sotterranee), usate dalle popolazioni per sfuggire alle guerre e alle persecuzioni. Create tra il VI e il X secolo (capito come?!?), se ne contano tantissime, ma solo 30 sono state portate alla luce e sono visitabili. Derinkuyu e Kaymakli sono le più grandi (Kaymakli è la più grande dell’intera Cappadocia) e le più famose e visitate. Pare che queste città scavate nella roccia riuscissero ad ospitare fino a 10.000 persone in stanze e ambienti che si sviluppavano fino a 85 metri sotto al livello del suolo: semplicemente incredibile!! Quando si entra sembra di stare in un labirinto!! Ci sono stanze che servivano da stalle, da depositi, da abitazioni, cucine, cappelle, chiese e via dicendo. Io non ho mai visto niente del genere!! Sembra un formicaio..ma per umani! È assolutamente una cosa da vedere in Cappadocia.

Cappadocia - città ipogea

Ihlala Valley

Un’altra sorpresa di questo viaggio in Cappadocia è stata l’Inhala Valley, che si trova a circa 1 ora e mezza di strada da Goreme, andando verso sud-ovest. Questa valle (ma è meglio parlare di canyon) contava quasi 100 chiese (sempre scavate nella roccia) ma oggi purtroppo la maggior parte è in rovina e se ne riescono a visitare una quindicina. Si scende nel canyon 1 km fuori Ilhara e da lì si percorre a piedi il tratto di 6-7 km fino al paesino di Belisirma. Le chiese si trovano lungo entrambe le sponde del fiume ma ci sono dei ponti di collegamento che permettono di passare da una sponda all’altra. Le chiese sono bellissime, così come lo è il paesaggio circostante. Lungo il sentiero poi ci sono dei ristorantini con i tavoli proprio sull’acqua per riposarsi e per pranzare.

Cappadocia - valle di Ihlara
Cappadocia - valle di Ihlara

Valle delle Rose e Valle Rossa: il tramonto da non perdere

Le valli della Cappadocia sono famosissime e sono da vedere, e queste due sono tra le più fotografate e visitate della regione. La Valle delle Rose e la Valle Rossa sono chiamate così per i colori, rosa e rosso (ma non solo) che assumono le loro rocce. Il mio consiglio è quello di andarci nel tardo pomeriggio per vedere il tramonto, magari facendo un mini-trekking con una guida che vi porta in alcuni punti panoramici. Io l’ho fatto con un’agenzia di Goreme (che si trova proprio lungo la piazza) e mi sono trovata bene (mini-trekking di 3h dalle 16:30-19:30- 20 euro). Anche qui ci sono diverse chiese rupestri ma non sono facili da trovare da soli. Naturalmente anche l’alba è magnifica per apprezzare le varie sfumature di colore delle vallate, ed è proprio sopra queste valli che volteggiano le mongolfiere infatti.

Cappadocia - Rose Valley
Cappadocia - Rose Valley

Zelve, Aktepe e la Valle di Devrent

Tra i posti che mi sono piaciuti di più in Cappadocia inserisco di sicuro Zelve e Aktepe. Se ci arrivate venendo da Avanos o da Cavusin, un paio di chilometri prima di arrivarci, sulla destra, vedrete dei camini delle fate enormi. Ebbene, sono i più belli e grandi della zona e vale assolutamente fermarsi a fare un giro (la località si chiama Aktepe o Valle dei Monaci). È un sito super turistico e rischia di farvi passare un pò la poesia, ma la vista dei camini delle fate dalla collina è semplicemente superba. Proseguendo oltre arriverete poi a Zelve, altro posto incredibile. È una città rupestre nascosta in tre vallate a fondo cieco; abitata fino ai primi decenni del 1900, oggi, come la valle di Goreme, è stata trasformata in un museo a cielo aperto. Zelve non è presa d’assalto dai bus dei turisti organizzati e ha un’atmosfera molto più rilassata (oltre alla bellezza oggettiva del posto naturalmente!). Proseguendo oltre, lungo la stessa strada, si arriva poi in un’altra vallata ancora diversa, la Valle di Devrent. Qui, oltre ai camini delle fate, c’è una vallata dal paesaggio lunare disseminato da formazioni rocciose dalle forme più strane, magnifica anche questa.

Cappadocia
Cappadocia - Valle di Devrent

Volo in mongolfiera in Cappadocia

Non v’è dubbio che l’immagine più iconica della Cappadocia sia quella delle mongolfiere che volano all’alba sopra i camini delle fate ed effettivamente è una delle attività che vale la pena fare almeno una volta nella vita. Il volo in mongolfiera si fa all’alba (intorno alle 4-4:30), dura circa 1 ora e, a seconda del vento, si parte da punti diversi. Ogni mongolfiera può portare dalle 10 alle 25 persone e sono davvero tantissime le mongolfiere che operano nella zona di Goreme (la più gettonata per fare quest’attività). Nonostante il costo non irrisorio (200-250 euro a persona), la richiesta è altissima quindi vi conviene prenotarla e comprarla direttamente online qualche giorno prima. Un altro consiglio che vi do è di non programmarla per l’ultimo giorno: in caso di vento troppo forte i voli possono essere annullati e rimandati al giorno dopo. Io alla fine ho deciso di non farla perchè sono convinta che, per fare delle belle foto, sia meglio vederle da terra (o comunque da un punto panoramico), ma chi l’ha fatta mi ha detto che è davvero pazzesca. A voi la scelta.

Puoi prenotare qui il tuo volo il mongolfiera all’alba

Cappadocia - Goreme- mongolfiere

L’alba a Goreme per vedere le mongolfiere

Se optate, come me, per l’idea di vederle da terra, il punto migliore per fare le foto è il punto panoramico che si trova nella parte alta di Goreme, dove c’è la grande bandiera della Turchia che sventola (si vede praticamente da ogni punto della cittadina). Iniziate ad appollaiarvi lì sopra una mezz’oretta prima dell’alba e assisterete ad uno spettacolo grandioso. Un’altra soluzione è anche quella di andare a vedere l’alba dalla Valle delle Rose o Valle Rossa, ma in questo caso dovrete svegliarvi ancora prima e, probabilmente vi servirà una guida. So che si possono anche fare tour a cavallo all’alba, sempre nella Valle delle Rose; se siete patiti del genere, potrebbe essere un’altro must see.

Cappadocia - Goreme- mongolfiere

Uchisar

Uchisar, insieme a Goreme, è indubbiamente il paese più bello della Cappadocia ed è una cosa da vedere assolutamente. Lo si vede già da lontano, con il suo pinnacolo di tufo sulle cui pareti appaiono incise centinaia di cavità. L’enorme roccione, con in cima il castello, sembra una specie di meteorite caduto sulla terra. Di fatto è una vera e propria cittadella scavata nel tufo e, piano piano, le varie case e le varie strade stanno diventando sempre più belle, con boutique hotel, ristoranti e negozi che voglio fare concorrenza a Goreme. Il Kale (o castello) è da visitare, preferibilmente la mattina o al tramonto: da qui avrete una vista a 360° di tutta la regione!  

Cappadocia - Uchisar

Love valley  e Urgup

Tra le cose da vedere in Cappadocia c’è anche la Love Valley, che si trova subito fuori Goreme e si chiama così perchè in quest’area..indovinate un pò a cosa assomigliano i camini delle fate? A dei peni giganti! Andateci verso il pomeriggio/sera: di mattina li avrete controluce. Urgup, infine, si trova a pochi chilometri di Goreme e, lungo la strada che le collega, c’è un magnifico belvedere dove potrete fare delle belle foto ai camini delle fate che vi si trovano proprio di fronte. La località del belvedere si chiama Catalkaya.

Cappadocia - Love Valley

Itinerario in Cappadocia di 3 giorni

Giorno 1:

  • Goreme Open Air Museum
  • Love valley e Urgup
  • Città sotterranee di Derinkuyu e Kamakli

Giorno 2:

  • Ihlala Valley
  • Valle delle Rose e Valle Rossa

Giorno 3:

  • Mongolfiera all’alba
  • Zelve, Aktepe e la Valle di Devrent
  • Uchisar
Cappadocia - Rose Valley

Dove mangiare in Cappadocia (Goreme)

  • Top Deck Cave : piccolo ristorante scavato nella roccia, davvero buono ed economico ( meno di 15€ per un pasto completo)
  • Turkish Ravioli : bel ristorante con terrazza. Ottimi i ravioli turchi (la loro specialità), ma non solo. Foto qui sotto
  • Seten : il ristorante del Sultan Cave Hotel. Molto bella l’atmosfera (e la vista) e cucina buona. Forse un pó pretenzioso
  • Haruna : il ristorante dell’Hotel Carus Cappadocia. Un bar/ristorante elegantino con una magnifica terrazza coperta che si affaccia sul centro di Goreme. Perfetto sia per bere che per mangiare.
Cappadocia - ravioli turchi

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli che ho scritto sulla Turchia

About

Autore
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

16 Commenti

on Cappadocia (Turchia): cosa vedere in 3 giorni.
  1. Benedetta
    |

    Ciao Valentina, io e il mio compagno saremo a Goreme per 3 giorni pieni a inizio agosto. Ho letto tutto d’un fiato il tuo post e sono curiosissima di vedere ogni singolo luogo… sono disposta ad alzarmi all’alba tutte le mattine! 🙂
    Volevo sapere se per tutti gli spostamenti ti sei affidata all’agenzia di Goreme o solo per il trekking al tramonto. Ci piacerebbe noleggiare un motorino visto che le distanze sono brevi, almeno per vedere i siti più vicini a Goreme, ma ho anche paura che la segnaletica non sia buona e, senza una guida, di vedere luoghi senza capire nulla.
    Grazie mille dei suggerimenti! 😉

    • |

      Ciao Benedetta, no, io mi sono appoggiata all’agenzia solo per il trekking, per il resto ho girato in autonomia con l’auto che ho noleggiato. Motorino..te lo sconsiglio, sia perchè ad agosto farà caldissimi, sia perhcè le distanze sono brevi ma non brevissime (le città ipogee o la Valle di Ilhara si trovano a più di 1h di distanza..). A presto, Valentina

  2. Benedetta
    |

    Ti sei trovata bene con l’auto? Nessun problema con la segnaletica? in effetti sarebbe la soluzione migliore anche per noi. Grazie 🙂

  3. Alice Rossi
    |

    Ciao! Bellissimo articolo. Riesci a mettere il link di maps del punto panoramico?

  4. ALESSIO
    |

    Ciao, noi vorremmo affittare un auto, mi sapresti dire se sono affidabili? A quale agenzia ti sei rivolta?

    ciao
    Alessio

    • |

      Ciao Alessio, sì, io non ho avuto alcun problema. Ho prenotato tramite Rentalcars (come ho scritto nell’articolo) 😉

  5. Ilaria Di Giacomantonio
    |

    Ciao! Grazie mille per tutti i tuoi consigli, ottima guida 🙂
    Ho letto che la soluzione migliore è noleggiare l’auto, ma si riesce a fare tutto in autonomia senza l’aiuto di un agenzia dall’italia tranquillamente? Ci sono guide locali in italiano per visitare i posti turistici?

    • |

      Ciao, sì, assolutamente sì, riesci a fare tutto in autonomia. Se poi vuoi la guida per alcuni posti non credo tu abbia problemi a trovare delle guide in loco che parlano italiano

  6. Stefania
    |

    Ciao! Complimenti per il tuo racconto! Avrei a disposizione 3 giorni a luglio, volevo chiederti se consigli il giro in solitaria o è problematico da sola, e come hai suddiviso i 3 giorni con le mete per giorno. Grazie mille!!

    • |

      Ciao Stefania, grazie a te 🙂
      Se noleggi un auto non vedo alcun problema. La Cappadocia è molto turistica quindi incontrerai sempre tante altre persone; ecco, magari non andrei da sola nella Valle delle Rose perchè rischi di perderti. Per quella ti consigli il tour (anche io ho fatto così). Per la suddivisione dei giorni io ho fatto così (ora lo integro anche nell’articolo perchè può essere utile anche per altri):
      Giorno 1
      Goreme Open Air Museum
      Love valley e Urgup
      Derinkuyu e Kamakli

      Giorni 2
      Ihlala Valley
      Valle delle Rose e Valle Rossa

      Giorno 3
      Mongolfiera all’alba
      Zelve, Aktepe e la Valle di Devrent
      Uchisar

  7. Laura
    |

    Ciao! Grazie mille per il tuo articolo, davvero utilissimo! Quest’estate visiterò finalmente la cappadocia, sarò lì con il mio fidanzato che ha problemi di mobilità (cammina ma poco, distanze molto brevi 1 km, massimo 2), posso chiederti come si possono visitare le vallate? Solo a piedi? Secondo te c’è la possibilità di noleggiare bici o trovare un modo per visitarle senza dover camminare troppo?
    Le città sotterranee sono lunghe e impegnative per una persona che non ha molta autonomia? O ci sono punti in cui potersi sedere per riposarsi?
    Grazie mille davvero!

    • |

      Ciao Laura, mmm per le vallate, in alcune puoi girare con il quad, in altre solo a piedi perchè ci sono dei sali scendi e non si riesce a girare con una bici o con un quad. Le città sotterranee sono abbastanza lunghe e ricordo delle salite e delle discese. Rispetto ai punti dove sedersi..non ricordo sinceramente ma immagino che ci siano. A presto, Valentina

  8. Cristina Bianchi
    |

    Ciao Valentina ,ti segnalo che per la gita in mongolfiera adesso chiedono 250,00 euro

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.