BeBorghi | Cosa vedere in Friuli Venezia Giulia: 10 luoghi da non perdere

Cosa vedere in Friuli Venezia Giulia: 10 luoghi da non perdere

Scritto da  on 
25 Agosto 2020
  • Image Not Found On Media Library

Finalmente Friuli!! Ebbene sì, dopo anni di attesa finalmente sono riuscita a  visitare questa regione come si deve (ci voleva il Covid insomma!). Insieme al Molise e all’Abruzzo, credo che il Friuli sia una delle regioni meno conosciute e più sottovalutate d’Italia. Molto è sicuramente determinato dalla sua posizione geografica, il Friuli Venezia Giulia infatti non è una regione di passaggio (a meno che tu non voglia andare in Slovenia..), è il confine orientale dell’Italia e devi proprio volerci venire per arrivare fin qua. Un volta presa questa decisione però, è una regione che stupisce per davvero perchè ha tutto: mare, fiumi, città d’arte, laghi, montagne e buon cibo/vino (e tutto relativamente a portata di mano aggiungerei!). Per me è stata una continua sorpresa. Un altro incredibile plus di questa regione è che, tutto sommato, è poco abitata e poco battuta dal turismo di massa quindi ti permette di visitare le bellezze del suo territorio senza code e senza affollamenti (anche ad agosto!): decisamente impagabile, ancor più di questi tempi!

Scriverò diversi articoli sul Friuli Venezia Giulia e questo è il primo della serie, quello più generale, dove vi parlerò dei must, dei luoghi assolutamente non perdere se visitate questa regione per la prima volta.   

Cosa vedere in Friuli -Trieste

Cosa vedere in Friuli Venezia Giulia: 10 luoghi da non perdere

1.Trieste

Trieste era l’unico posto che già conoscevo del Friuli (e di cui ero già innamorata). Una città mitteleuropea dall’aria romantica e liberty, patria e dimora di tanti scrittori famosi (Svevo e Joyce solo per citarne due..) che qui hanno trovato ispirazione. Trieste è una città di frontiera (la Slovenia è davvero ad un tiro di schioppo) che accoglie da sempre diverse comunità e non è un caso che, camminando per il centro, vi capiterà di vedere una chiesa serbo-ortodossa accanto ad una chiesa cattolica e ad una greco-ortodossa. Quello che mi fa impazzire di Trieste è che è una città “movimentata” dal punto di vista geografico e piena di verde, è una città che si sviluppa su diversi colli e si affaccia sul mare. Il centro storico è pieno di bellissimi edifici liberty e di piazzette che pullulano di bar e di locali, e si percepisce chiaramente che è una città viva e piena di giovani dove la qualità della vita è sicuramente alta. A tutto questo contribuiscono anche i prezzi, decisamente bassi (almeno per noi milanesi imbruttiti!): vi dico solo che uno spritz o un bicchiere di vino costa 2-2,5 euro! Se ci andate, ricordatevi di visitare anche Miramare con il castello di Massimiliano d’Austria.   

Potrebbe interessarti anche:  Un week-end sul lago di Garda tra benessere, storia e buon cibo
Cosa vedere in Friuli -Trieste
Cosa vedere in Friuli -Miramare

2.Udine

Udine è il “salotto buono” del Friuli, un borgo medievale arricchito poi dalla Serenissima che la conquistò nel 1420 e costruì magnifici palazzi e loggiati in stile gotico veneziano. Il centro storico si sviluppa intorno al Castello e alla bellissima Piazza della Libertà con le eleganti Logge del Lionello e del Lippomano. Ma Udine è soprattutto la città del Tiepolo, quella che conserva probabilmente il maggior numero di opere del pittore settecentesco. Le sue opere più importanti si trovano nei Musei Civici (all’interno del Castello), nel Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo e all’interno del Duomo, nelle cappelle della Santissima Trinità, dei Santi Ermacora e Fortunato e del Santissimo Sacramento. Udine è una città universitaria e a misura d’uomo e potete visitare tutto comodamente a piedi in una giornata (musei inclusi). Trovandosi in una posizione centrale all’interno della regione poi, potete usarla tranquillamente come base per esplorare il resto della regione (vedi paragrafo sotto “Dove dormire in Friuli”), così potrete approfittare anche dei suoi bar e delle sue famose osterie. 

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Udine e dintorni
Cosa vedere in Friuli - Udine

3.San Daniele del Friuli e il Tagliamento 

Un’altra base perfetta per esplorare la regione può essere sicuramente anche San Daniele del Friuli, la cittadina famosa per il suo succulento prosciutto (era già il mio preferito..ma dopo aver assaggiato quello appena tagliato del Consorzio San Daniele..lo è ancora di più!). 

San Daniele è una piccola cittadina arrampicata su un colle e circondata da una natura bellissima. Tra le cose da non perdere ci sono sicuramente 1) una degustazione di prosciutto, 2) la Biblioteca Guarneriana, una delle prime biblioteche pubbliche italiane che conserva codici miniati, bibbie e testi preziosissimi e antichissimi e 3) il fiume Tagliamento. Il fiume più lungo del Friuli (e uno dei più famosi fiumi italiani) è davvero uno spettacolo perchè è larghissimo e ha tanti canali intrecciati. Il fiume è balneabile (vedrete tanti local che fanno il bagno o prendono il sole nelle varie spiaggette che si creano tra i canali), e la vista più bella e suggestiva è sicuramente quella che si gode da Pinzano al Tagliamento (dal ponte o, meglio ancora, dal punto panoramico sul Monte di Ragogna).

Potrebbe interessarti anche:  Abruzzo da scoprire, tra parchi naturali e storia
Cosa vedere in Friuli -San Daniele
Cosa vedere in Friuli - Tagliamento

4.Le Alpi Giulie: il Montasio e i laghi di Fusine

L’estremità nord-orientale del Friuli è occupata dalle Alpi Giulie, una zona che subisce moltissimo l’influenza di Austria e Slovenia con cui confina. In queste zone la natura regna sovrana e potrete trovare tantissime attività da fare all’aria aperta sia in estate che in inverno. In inverno, parliamo di una delle aree montane più nevose e più fredde d’Europa (la località di Sella Nevea si chiama così non certo per caso!) dove si può sciare fino a primavera inoltrata. In estate queste montagne sono il paradiso degli escursionisti e degli amanti della buona cucina..il giro delle malghe sul Montasio è un must! Il Jof di Montasio è la seconda vetta più alta della regione (2753 mt) e si possono fare delle passeggiate davvero magnifiche. Sempre in zona, a due passi dal confine austriaco ci sono poi i laghi di Fusine che sono assolutamente da non perdere! Le acque cristalline di questi  laghi di origine glaciale vi lasceranno a bocca aperta!

5.Sauris e la Carnia

Passando poi sull’estremità nord-occidentale troviamo invece le Alpi Carniche, zona di confine con l’Austria (e con il Veneto). La Carnia è una zona molto interessante sia per le località sciistiche (come Zoncolan ad esempio) che per i paesaggi e i borghi che ospita. Tra questi ultimi, vale sicuramente la pena visitare Sauris, vicino al lago omonimo. La strada per raggiungerla è piena di tornanti, ma una volta arrivati a destinazione verrete ripagati della fatica. Sauris è un paese molto carino perfetto per rilassarsi e per fare delle magnifiche passeggiate, come quella da Sauris a Forni di Sopra, un sentiero magnifico che attraversa malghe, fiumi e torrenti (oltre ai paesaggi spettacolari!). 

Potrebbe interessarti anche:  Un week end a Venezia, dove il tempo si è fermato
Cosa vedere in Friuli -Laghi di Fusine
Cosa vedere in Friuli -Montasio

6.Cividale del Friuli

Cividale del Friuli è veramente un gioiellino! Questa città ha una storia molto antica e molto importante: venne fondata nel II a.C. e chiamata Forum Julii da Giulio Cesare, ed è proprio da questo nome che deriva quello della regione Friuli. Divenne poi capitale dei longobardi e sede del Patriarcato di Aquileia e fu una delle città più importanti ed influenti della regione fino al 1700. Le varie dominazioni che si sono succedute hanno lasciato alla città un grande patrimonio storico-artistico che l’hanno fatta entrare tra i Patrimoni dell’Umanità UNESCO. Le cose da non perdere sono sicuramente il Ponte del Diavolo (che risale nientepopodimeno che al 1442!), il Tempietto Longobardo, l’Ipogeo Celtico, il Museo Cristiano e il Museo Archeologico Nazionale, anche se il modo migliore per esplorarla è quello di perdersi nel suo centro storico e girare senza meta.  

Cosa vedere in Friuli -Cividale
Cosa vedere in Friuli -Cividale

7.Aquileia

Con Aquileia si passa da un Patrimonio UNESCO ad un altro. La sua Basilica è una tappa obbligata per chiunque visiti il Friuli (io c’ero stata in gita al liceo e la ricordavo ancora!). Al suo interno infatti nel ‘900 è stato scoperto un bellissimo mosaico pavimentale del IV secolo che è il più grande e antico del mondo, e rappresenta scene dell’antico testamento. La colonia romana di Aquileia venne fondata nel II secolo a.C. e divenne poi un centro fondamentale per la diffusione del cristianesimo nell’Italia nord-orientale sotto l’imperatore Massimiliano. Intorno alla Basilica ci sono i resti dell’antico foro romano e del porto fluviale, ma se avete poco tempo a disposizione concentratevi solo sulla Basilica.

8.Il Collio

Anche chi non conosce il Friuli di solito conosce però i vini friulani, vero orgoglio regionale (come dargli torto?). Collio Bianco DOC, Ribolla, Tocai, Sauvignon Blanc (ma vogliamo parlare della bontà del Felluga?!?)..queste eccellenze friulane vengono prodotte proprio nel Collio, una zona collinare che si sviluppa intorno a Gorizia, tra il fiume Isonzo e il confine sloveno. Potete iniziare l’esplorazione della zona dal paese di Cormòns (un tempo austriaco) e dedicarvi poi alle degustazioni di vino nelle diverse cantine. La maggior parte di queste mette anche a disposizione dei clienti (a pagamento sia chiaro!) delle vespe giallo fiammante (e delle biciclette in alcuni casi) per godersi i panorami all’aria aperta e può essere sicuramente un modo carino e divertente per apprezzare ancora di più questo territorio. Tra le cantine da visitare vi segnalo: 

Cosa vedere in Friuli -Aquileia
Cosa vedere in Friuli -Collio

9.Grado

Dopo tanta montagna finalmente mare! In realtà si parla di laguna, la grande Laguna di Grado e Marano che si estende tra la foce del Tagliamento e quella dell’Isonzo più o meno, al cui interno si trovano due tra le località di mare più note del Friuli: Lignano Sabbiadoro e Grado. Lignano..a meno che non siate particolarmente interessati all’urbanistica degli anni ‘60 o siate alla ricerca delle atmosfere un pò vintage di Jesolo e Rimini..la eviterei. Vi consiglierei piuttosto di visitare Grado e la Riserva Naturale Foci dello Stella. L’isolotto di Grado fu il salotto della borghesia austriaca tra l’800 e il 900 che veniva qui per le terme e per il mare; oggi è una bella località di mare con i calli e i canali che ricordano molto Venezia, con i migliori ristoranti di pesce del Friuli e delle spiagge carine dove rilassarsi al sole. 

Cosa vedere in Friuli -Grado

10.Palmanova e Redipuglia

Chiudo questa rassegna sui luoghi da non perdere in Friuli Venezia Giulia con Palmanova e Redipuglia. La fortezza di Palmanova è famosa per la sua pianta poligonale a stella con 9 punte. Le fortificazioni furono costruite dal 1593 dalla Serenissima per difendersi dagli Asburgo e degli Ottomani e oggi è possibile apprezzare questa incredibile architettura militare camminando lungo tutta la cinta dei bastioni. La vista migliore sarebbe quella area..ma è poco praticabile da noi comuni mortali. Redipuglia invece è famosa per il suo sacrario, un immenso cimitero militare monumentale costruito in epoca fascista che contiene le spoglie di oltre 100.000 soldati italiani caduti durante la Prima Guerra Mondiale. È il più grande d’Italia ed è particolarmente toccante devo ammettere.

Cosa vedere in Friuli -Redipuglia

Come organizzare un viaggio in Friuli

Quando andare in Friuli Venezia Giulia 

Il Friuli Venezia Giulia può essere apprezzato in tutte le stagioni. L’alta stagione (come ovunque in Italia) è sicuramente ad agosto, soprattutto per le località di mare come Lignano o Grado, ma anche per la montagna. Per quest’ultima, c’è un picco anche in inverno sulle località sciistiche. La primavera e l’autunno sono abbastanza piovose (soprattutto la primavera) ma i paesaggi possono essere davvero magnifici. 

Come spostarsi in Friuli Venezia Giulia 

Il modo migliore per spostarsi in libertà è sicuramente la macchina. I collegamenti pubblici (treno e bus) ci sono ma riguardano soprattutto le 4 province. Quando si esce dai grandi centri abitati può essere complicato raggiungere le varie località d’interesse. Arrivare ci arrivate ma impiegherete parecchio tempo e dovrete aver pianificato molto bene il tutto. 

Per raggiungere il Friuli in aereo l’aeroporto più vicino (è anche l’unico della regione) è l’Aeroporto Friuli Venezia Giulia che si trova a Ronchi dei Legionari, a 33 km da Trieste e 40 km da Udine. Da lì poi potrete noleggiare un auto e farvi il vostro giro liberamente. Vi consiglio di prenotare sempre prima l’auto per avere prezzi più vantaggiosi; di solito io uso il sito di Rentalcars

Dove dormire in Friuli Venezia Giulia

A meno che non vogliate fermarvi più giorni in una località specifica (e io vi consiglio di farlo sicuramente a Trieste), potrete visitare tutti i luoghi descritti in questo articolo facendo base a Udine o, ancora meglio a San Daniele del Friuli (che è centralissimo nella regione). Da lì potrete raggiungere praticamente qualsiasi località del Friuli Venezia Giulia 1h e mezza massimo, spaziando dal mare alla montagna. Trieste invece è molto decentrata, le cose da vedere e da fare sono tante, quindi è meglio organizzarsi per dormire lì almeno una notte. Questo vi permetterà anche di godere della città di sera (e merita, sia per i bar che per i ristoranti!). 

Dove dormire in Friuli
Ph. www.booking.com

Altri spunti per un viaggio o un week-end..

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.