BeBorghi | Cosa vedere in Algarve: un viaggio on the road nel sud del Portogallo

Cosa vedere in Algarve: un viaggio on the road nel sud del Portogallo

Scritto da  on 
10 Giugno 2021
  • beborghi____Algarve_IMG_9317

Sono appena tornata da questo viaggio magnifico e non avrei pensato che questi paesaggi mi sarebbero mancati così tanto e da subito. L’Algarve ti entra negli occhi e nella testa con le sue spiagge incredibili, i piccoli borghi marinari, il rumore dell’Atlantico, ma soprattutto con la sua luce. La luce calda incredibile del Portogallo, che qui nel sud è ancora più intensa. Grazie al suo clima favorevole per 12 mesi all’anno, l’Algarve è anche la zona più turistica del Portogallo, ed è amatissima in particolar modo dal turismo inglese, ma non solo. Una parte della regione, quella che va da Faro ad Albufeira e Lagos, è molto urbanizzata (ma senza eco-mostri per fortuna), mentre il tratto di costa vicino alla Spagna, e quello che si affaccia a ovest sull’Atlantico sono decisamente più selvaggi. Tutto l’Algarve è però molto organizzato e comodo da visitare. Le cose da vedere in Algarve sono tante, così come le possibilità di rilassarsi in spiaggia e godersi il mare, quindi è un viaggio che potete fare per pochi giorni o per settimane. Il mio è durato troppo poco (4 giorni), ma so già che ci tornerò presto, magari per lavorare da lì in smartworking per un periodo medio-lungo..vedremo cosa mi riserverà il futuro!

spiaggia dell'Algarve

Algarve: come arrivare 

  • In aereo. L’Algarve ha un aeroporto internazionale a Faro, e dall’Italia ci sono voli diretti da diverse località (con Ryanair e altre compagnie) verso questo aeroporto.
  • In auto. Se arrivate da Lisbona, l’Algarve non è comunque lontano (il Portogallo è piccolo!); con l’autostrada impiegherete circa 3h ad arrivare da Lisbona a Lagos. 
  • In bus.  Potete raggiungere l’Algarve anche in bus, da Lisbona o da altre località del paese. Le compagnie principali sono la Rede Expressos e la Eva-Bus

Come spostarsi in Algarve

In Auto

Il modo migliore per spostarsi in Algarve è indubbiamente l’auto, che vi garantisce il massimo della libertà e vi permette di raggiungere anche le spiagge più remote della regione. Le strade sono belle e, tranne ad agosto, anche poco trafficate. Per il noleggio auto io uso sempre il sito di Rentalcars e ho scelto la compagnia Guerin, con cui mi sono trovata bene. Per evitare fregature comunque, ricordatevi di controllare sempre il voto e le recensioni che gli utenti danno alle varie compagnie di autonoleggio. Li trovate sul sito stesso di Rentalcars, ma potete fare un doppio controllo anche su Trustpilot. Alcune compagnie offrono prezzi stracciati ma il servizio poi è pessimo. 

Come funzionano i pedaggi autostradali in Portogallo

Se decidete di noleggiare un auto e avete intenzione di utilizzare le autostrade a pedaggio (indicate con la lettera A) vi conviene noleggiare anche il “Telepass” (si chiama in un altro modo in Portogallo, ma funziona uguale). Il pagamento dei pedaggi è abbastanza macchinoso perchè, di fatto, non si paga ai caselli, ma bisogna andare a pagare successivamente alla Posta. Il pagamento deve essere effettuato entro 5 giorni. Alcune autostrade (tra cui quella principale dell’Algarve) non hanno neanche i caselli ma semplicemente delle telecamere che prendono il numero di targa. Tutte le compagnie di noleggio permettono di affittare il Telepass per meno di 2 euro al giorno (mi sembra di aver speso 1,65 euro/gg) e vi chiederanno la carta di credito per bloccare 100 euro da cui verranno poi scalati i pedaggi. Con il Telepass, quando incontrerete un casello, sarà sufficiente passare nella corsia dedicata (indicata come “Via Verde”, di solito quella più a sinistra) e su un display vedrete quanto avete speso. Il costo dei pedaggi, a parità di distanza, è quasi la metà che in Italia. 

In bus

Diverse compagnie di autobus servono tutte le località turistiche dell’Algarve e diversi piccoli villaggi all’interno. Le compagnie principali sono la Eva-Bus e la Frotazul-Algarve. Esistono anche dei Travel Pass (che includono entrambe le compagnie e un numero di viaggi illimitato) di 3 o 7 giorni al costo di 30,5 euro o 38,2 euro rispettivamente. 

In bicicletta lungo l’Ecovia do Litoral

Se amate i viaggi in bicicletta potete anche valutare di esplorare l’Algarve con questo mezzo percorrendo l’Ecovia do Litoral. Questa pista ciclabile lunga circa 214 km attraversa l’Algarve da un’estremità all’altra, da Cabo de São Vicente fino a Vila Real de Santo António al confine con la Spagna.  Il suo tracciato, costituito da cinque tratti, percorre itinerari ciclistici già esistenti, percorsi rurali e, in alcuni casi, percorsi paralleli alla Estrada Nacional 125, e permette di scoprire splendidi paesaggi lungo la costa (oltre che accedere ad alcune delle spiagge più belle del Portogallo). Il percorso fa parte della rete europea Eurovélo, la rete di itinerari ciclistici che attraversa tutta l’Europa, e rappresenta un tratto dell’Itinerario 1, l’Itinerario della Costa Atlantica, tra Sagres, all’estremo sudest dell’Europa e Capo Nord, in Scandinavia.

Potrebbe interessarti anche:  Alentejo (Portogallo): cosa vedere
porta colorata in Algarve

L’assicurazione sanitaria è consigliata

Essendo in Europa, come cittadini italiani abbiamo diritto all’assistenza sanitaria, ma ci sono delle condizioni precise e dei massimali. Il mio consiglio è quello di fare comunque una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio, anche per il Covid-19. Io mi trovo molto bene con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farlo dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio e vi manderanno una mail con le proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!).  Tutte le assicurazioni di viaggio di Heymondo coprono l’assistenza medica anche in caso di contagio da coronavirus, compreso il test se necessario. È prevista anche la copertura per il prolungamento del soggiorno in hotel dovuto alla quarantena. Allo stesso modo la garanzia di annullamento del viaggio include la copertura per malattia o decesso del viaggiatore o di un familiare a causa del COVID-19.

Quando andare in Algarve

L’Algarve ha un clima mite tutto l’anno, e non è un caso che sia diventato da anni il buen retiro dei pensionati inglesi ed europei in generale (complici anche gli sgravi fiscali). In inverno le temperature non scendono sotto i 10 gradi e in estate non superano i 28-30°; il clime è sempre secco e ventilato (soprattutto lungo la costa ovest, mecca per i surfisti) e non piove molto. Il periodo migliore per andarci probabilmente è la primavera (aprile, maggio  e giugno) ma anche l’autunno, quando il clima è ancora estivo ma i posti non sono affollati. L’unico mese che vi direi di evitare è agosto perchè è il mese in cui anche i portoghesi hanno le ferie e le spiagge si riempiono a dismisura (con annessi problemi di parcheggio,ecc) e i prezzi sono decisamente alti. Tra l’altro i prezzi in Algarve sono sempre più alti che nel resto del Portogallo e si spende poco meno che in Italia, se non uguale all’Italia.  

Dove dormire in Algarve

Se avete pochi giorni a disposizione (com’è stato il mio caso), per comodità vi consiglio di fare base almeno in due località, una più verso la Spagna e l’altra verso la costa ovest Atlantica. Avendo tanti giorni invece potete anche pensare di fare base in un unico posto perchè le distanze sono abbastanza ridotte (si impiegano meno di 2h per percorrere l’Algarve da un lato all’altro). Io ho deciso di dormire a Tavira e a Lagos, due cittadine di medie dimensioni, ma se cercate situazioni più piccole e un pò più local vi consiglio di considerare Carvoeiro, Ferragudo, Carrapateira o Aljezur

  • Quinta do Caracol (Tavira): questo hotel di Tavira è veramente una chicca. È una struttura tradizionale immersa in un uliveto e a 2 passi dal centro. Un angolo di paradiso, davvero!
  • Dom Manuel I Charming Residence (Lagos): questo hotel è veramente comodo per spostarsi a piedi sia al centro di Lagos che alle spiagge verso Punta da Piedade. Le camere sono belle e la colazione è una delle migliori che si possano trovare in un hotel.
  • O Quintal Guesthouse (Carvoeiro): struttura super carina nel centro di Carvoeiro, a due passi dalla spiaggia. Ha un bella terrazza, una piscina e delle aree comuni super carine. 
  • Quinta Alma Ecological Retreat (Aljezur): per un’esperienza particolare, un pò diversa dal solito. Qui potete dormire in diverse tipologie di tende (di lusso e con tutti i comfort) completamente immersi nella natura, praticare yoga, bici ed escursionismo.
Dove dormire in Algarve- Quinta do Caracol
Dove dormire in Algarve- Dom Manuel I
Dove dormire in Algarve - Quinta Alma

Cosa vedere in Algarve: tutti i luoghi da non perdere nel sud del Portogallo

Tra le cose da vedere in Algarve che ho selezionato non troverete alcune località molto famose come Albufeira o Portimao. In queste località è rimasto ben poco di autentico e alle spalle del loro centro storico si innalzano centinaia di edifici moderni, condomini colorati, centri commerciali e chi più ne ha più ne metta. Sono località molto vive e piene di vita notturna, molto orientate verso il turismo inglese (che si riversa qui da anni). Personalmente non sono attratta da questo tipo di posti e, a meno che il focus del vostro viaggio non siano le bevute al pub o le serate nei locali, vi consiglierei di fermarvi altrove.  

Tavira 

Nel raccontarvi le cose da vedere in Algarve procederò da est verso ovest, dal confine con la Spagna per arrivare poi alla costa ovest. La prima località che merita una sosta è sicuramente Tavira, che si trova nell’entroterra, e si estende lungo le rive del fiume Rio Gilao. La città vecchia è abbastanza compatta ed è la classica cittadina dell’Algarve con le case bianche e i balconi in ferro battuto. Fatevi una passeggiata al Castelo (a quello che rimane!) per avere la vista della cittadina dall’alto e nei dintorni dell’antico Ponte Romano. Dal lungofiume di Tavira partono inoltre i traghetti per raggiungere I’lha de Tavira (in alta stagione partono ogni 15’) su cui si trova una lunghissima spiaggia molto amata dai local.  Nei dintorni vale la pena fare un salto anche a Cabanas de Tavira, un villaggio di pescatori autentico, da cui si raggiunge l’isola di fronte con la splendida Praia de Cabanas, e Santa Luzia, famosa per i ristoranti di pesce la cui specialità è il polpo. 

Cosa vedere in Algarve - Tavira
Castelo di Tavira - Algarve

Cacela Velha

A questa piccola località voglio dedicare un paragrafo a parte perchè mi è piaciuta moltissimo e la metto tra le cose da vedere in Algarve assolutamente. Cacela Velha è un pugno di case sul mare che si trova 15 km a est di Tavira e ricorda quello che era l’Algarve di 50 anni fa. Tranne un paio di bar, una chiesa e i resti di un fortino, non c’è altro, ma la vista che si gode dalla scogliera è davvero magnifica. Sì perchè proprio lì davanti si trova una delle spiagge classificate tra le più belle al mondo. In base al livello della marea potrete raggiungerla a piedi (ci sono le scalette che partono vicino alla chiesa) o con delle piccole barche. I colori del mare e della spiaggia sono davvero incredibili, con macchie che passano dal celeste al verde e staccano sulla sabbia dorata. 

Cacela Velha - Algarve
spiaggia di Cacela Velha

Olhao e Faro 

Procedendo verso ovest, tra le cose da vedere in Algarve ci sono anche Olhao e Faro. Faro è la città più grande dell’Algarve ed è anche la città dove si trova l’unico aeroporto internazionale della regione. Nonostante le sue dimensioni è rimasta comunque una città a misura d’uomo con delle belle strade pedonali vicino al porto turistico e, soprattutto, con la Cidade Velha (città vecchia) arroccata dietro alle mura fortificate. Olhao si trova 8 km a est di Faro ed è il punto di partenza per raggiungere le isole di Armona e Culatra che si trovano di fronte. Entrambe hanno delle spiagge bianche lunghissime e alcuni tratti possono essere un pò affollati in estate, ma vi basterà camminare un pò di più per ritrovarvi quasi da soli. I traghetti partono dal porto di Olhao e fermano all’estremità sud dell’isola di Armona, dove c’è un piccolo centro abitato carino e, sull’isola di Culatra, nella località omonima (con un piccolo villaggio di pescatori) e a Farol, più turistica, con capanni di pescatori e ristoranti stagionali. 

Faro - Algarve
Olhao - Farol

Grotte di Benagil e percorso delle 7 Valli sospese

Nel tratto di costa tra Armação de Pêra e Centianes si trovano alcune spiagge che vi consiglio di vedere assolutamente in Algarve, non chè alcune delle più famose. In particolare, il tratto più bello è quello che va da Praia da Marinha fino a Praia de Vale Centianes, un tratto costituito da un’alta scogliera in arenaria rossa interrotta saltuariamente da piccole spiagge, calette paradisiache e alcune grotte (tra cui la famosissima grotta di Benagil). Alcune spiagge sono raggiungibili a piedi, altre solo in barca o in kayak. Per ammirarle tutte c’è un bellissimo sentiero chiamato  Percorso delle 7 Valli Sospese che parte da Praia da Marinha e arriva fino a Praia de Vale Centianes: 12 km tra andata e ritorno, per lo più pianeggianti (ma potete anche percorrerne solo un pezzo ovviamente). Se decidete di farlo vi consiglio di arrivare relativamento presto la mattina, soprattutto in alta stagione, perchè il parcheggio di Praia da Marinha (ma anche delle altre calette) è abbastanza piccolo. Praia da Marinha vale la pena vederla in ogni caso perchè è davvero una delle spiagge più belle del Portogallo. 

Praia da Marinha - Algarve
Percorso delle 7 Valli Sospese - Algarve

Come visitare le grotte di Benagil 

Per vedere la grotta di Benagil, bisogna per forza entrare dal mare (dal Percorso delle 7 Valli Sospese le vedrete dall’alto, ma si vede ben poco), e avete diverse opzioni.

  • A nuoto: partendo dalla piccola spiaggia di Benagil (Praia de Benagil), dovrete nuotare per circa 150 mt per entrare nella grotta. 
  • In kayak o paddle: partendo da Praia da Marinha o Praia de Benagil  
  • In barca: nei mesi estivi ci sono diversi tour con partenza da Benagil, Armação de Pêra, Marina de Lagoa, Carvoeiro, Lagos, Albufeira e Portimão che raggiungono la grotta. Le barche possono entrare nella grotta per pochissimi minuti e non si può scendere sulla micro-spiaggia al suo interno, quindi avrete giusto il tempo di scattare un foto e poco più. Questi tour però di solito includono anche altre grotte e altre calette molto belle che si possono raggiungere solo via mare. 

Grotta di Benagil - Algarve

Carvoeiro e Ferragudo

Pochi chilometri a est di Benagil c’è Carvoeiro, un tempo un villaggio di pescatori con una piccola spiaggia all’interno di una caletta. Oggi è diventato sicuramente un posto turistico, ma conserva ancora una sua autenticità e bellezza. La spiaggia è davvero graziosa e il colore dell’acqua invita a farci una sosta per un bagno e, perchè no, un pranzetto di pesce vista mare. Un altro villaggio di pescatori che inserisco tra le cose da vedere in Algarve è Ferragudo, diventato famoso anche tra gli instagrammer per un paio di strade davvero caratteristiche. Il paesino si trova sulla foce del Rio Arade e sul lungofiume è un susseguirsi di ristorantini di pesce e di bar. La città vecchia si estende sulla collina dietro, con un dedalo di vicoli su cui si affacciano casette bianche dalle cornici colorate ornate da bellissime bouganville. Nel punto del fiume più vicino al mare ci sono anche delle belle spiagge sormontate dal suggestivo Castelo de Sao Joao do Arade. Sia Carvoeiro che Ferragudo possono essere un’ottima scelta anche per dormire se cercate un posto più piccolo e più local. 

Carvoeiro - Algarve
Carvoeiro - Algarve
Ferragudo - villaggio di pescatori in   Algarve

Silves, Alvor e Praia dos Tres Irmaos 

Ci spostiamo adesso un pò all’interno, 18 chilometri per l’esattezza, per parlarvi di Silves, una delle cittadine più belle dell’Algarve. In epoca moresca Silves era la capitale dell’Algarve e furono proprio i mori a costruire la sua suggestiva cinta muraria in mattoni rossi e la Fortaleza visibili ancora oggi. Al suo interno potrete vedere una meravigliosa cisterna del XIII secolo con soffitto a volta, la Cisterna Grande, che un tempo serviva l’intera città. Tornando poi sulla costa valgono una sosta la cittadina di Alvor, con il porto pieno di barchette colorate, e la bellissima Praia dos Tres Irmaos, una delle spiagge più belle della regione. 

Silves
Praia dos tres Irmaos - Algarve

Lagos  

Tra le città più grandi dell’Algarve, Lagos secondo me è la più bella e l’unica che vale davvero la pena vedere e vivere (io ci ho fatto base per due notti e sono stata molto contenta della scelta). Lagos ha un bel centro storico racchiuso tra mure del XIV secolo sulla foce del fiume Bensafrim, è una città vivace dove troverete ottimi bar e ristoranti, e subito fuori ci sono alcune delle spiagge più belle dell’Algarve. Procedendo dal centro verso il mare si trovano diverse calette tra le più tipiche e belle dell’Algarve; in ordine di apparizione troverete prima Praia do Pinhao (con un arco sul mare che la fa assomigliare al fiordo di Furore, in Campania), poi Praia de Dona Ana (molto ampia e semplicemente stupenda!), Praia do Camilo e, infine Ponta de Piedade, il promontorio che si affaccia sul mare su cui si trova il faro. Questo è anche uno dei punti più belli per vedere il tramonto. Potete vedere le varie calette e grotte anche dal mare partecipando ad una gita in barca; vi basterà scendere lungo le scalette davanti Ponta de Piedade e troverete i barchini che aspettano. Le spiagge sopra-citate hanno dei parcheggi, ma sono piccoli e si riempiono subito, ma potete ovviare o andando a piedi (sono pochi chilometri dal centro) o con un trenino che parte dal centro di Lagos. 

Sagres

Tra le cose da vedere in Algarve non può mancare Sagres, il porto più sudoccidentale d’Europa. Sagres si trova su un promontorio pianeggiante, in una posizione particolarmente scenografica, ed è la cittadina d’elezione per backpackers e surfisti. Non è niente di che a livello architettonico, ma le sue spiagge invece sono magnifiche. A piedi dal centro si possono raggiungere Praia da Mareta, Praia da Baleeira, Praia do Martinhal, Praia de Tonel e Praia de Belixe (queste ultime due molto amate dai surfisti). Come ultimo avamposto del Portogallo, Enrico il Navigatore vi fece costruire una fortezza (la Fortaleza) che si trova sulla punta del promontorio ed è visitabile. A pochi chilometri da lì c’è poi Cabo de Sao Vicente, ovvero il punto più sudoccidentale del continente europeo, dove troverete uno dei fari più grandi d’Europa. Inutile dirvi che da qui probabilmente vedrete uno dei tramonti più belli del viaggio. 

Sagres - Algarve
faro di Cabo de Sao Vicente - Algarve
tramonto da faro di Cabo de Sao Vicente - Algarve

Carrapateira e Praia de Castelejo

Dopo Sagres si arriva sulla costa occidentale, quella che si affaccia direttamente sull’oceano Atlantico. Questo tratto di costa dell’Algarve è stata designata nel 1995 Parque Natural do Sudoeste Alenetejano, ovvero è Riserva Naturale, e ha garantito la protezione del territorio. Questa zona è la più selvaggia dell’Algarve, con spiagge incredibili e molto ampie, ed è molto popolare tra i surfisti, i camperisti e i nudisti proprio per questo. Qui però il mare può essere particolarmente pericoloso quindi guardate sempre il colore della bandierina e state attenti. La prima spiaggia da non perdere sulla costa è Praia de Castelejo, una spiaggia bellissima con un ristorante e una scuola di surf. Procedendo verso nord c’è poi una delle mie spiagge preferite di tutto il viaggio: Praia de Carrapateira. Quest ultima è una spiaggia immensa, che potrete vedere in tutto il suo splendore anche dall’alto, tramite delle passerelle in legno. A differenza di Praia de Castelejo, qui c’è solo un piccolo chiosco sulla spiaggia (ed è aperto solo in alta stagione), quindi portatevi da bere e da mangiare se intendete starci un pò di tempo (o fermatevi a mangiare in uno di pochi posti che si trovano nel villaggio che trovate prima di raggiungerla). Un’altra cosa molto bella di questo tratto di costa è che, nell’interno, ci sono delle pinete con aree attrezzate dove ci si può fermare a mangiare o riposare all’ombra.  

Praia de Castelejo - Algarve
 Praia de Carrapateira - Algarve
 Praia de Carrapateira - Algarve

Aljezur e Praia de Amoreira

Chiudo quest’articolo sulle cose da vedere in Algarve, con altre spiagge che entrano a pieno titolo tra le spiagge più belle che abbia mai visto, soprattutto una in particolare. Per raggiungerle dovrete arrivare al paesino di Aljezur, una cittadina carina e vivace che si trova all’interno. Qui trovate i resti di un castello moresco e una rete di stradine acciottolate con le casette bianche. Da Aljezur un’altra strada vi porterà a Praia de Monte Clérigo, una bella spiaggia che si apre tra due scogliere, alle cui spalle ci sono un pò di case e un paio di ristoranti (se venite qui andate a mangiare assolutamente al Ristorante O Sargo!). Ma la sorpresa vera l’avrete poco più a nord quando raggiungerete Praia de Amoreira. Dire che è super-scenografica è un eufemismo!! La spiaggia di dune si trova sulla foce del fiume Ribeira de Aljezur e il punto d’incontro tra l’acqua del fiume e il mare crea dei colori bellissimi. Ai due lati della spiaggia ci sono 2 ristoranti, entrambi con la vista su questa spiaggia che vi toglierà il fiato. 

Praia de Monte Clérigo
Praia de Amoreira
Praia de Amoreira

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli che ho scritto sul Portogallo:

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.