BeBorghi | Roma Insolita: 10 luoghi particolari che pochi conoscono

Roma Insolita: 10 luoghi particolari che pochi conoscono

Scritto da  on 
11 Dicembre 2018

“Roma è la capitale del mondo! In questo luogo si riallaccia l’intera storia del mondo” diceva Goethe. In effetti a Roma basta alzare la testa, scendere sottoterra o girare l’angolo di una strada qualsiasi per imbattersi in qualcosa di straordinario. Io a Roma ci sono nata e ci ho vissuto per quasi 30 anni ma la mia città non ha mai spesso di stupirmi ed affascinarmi. Ogni volta che ci torno cerco di scovare sempre dei posti nuovi, alla ricerca costante di una Roma insolita, lontana dalle bellezze iconiche del Colosseo o di San Pietro, e in questo articolo vi parlo proprio di questi luoghi.

1 – MAAM

Il MAAM ovvero il Museo dell’Altro e dell’Altrove (o Metropoliz) è un posto davvero unico: è il primo museo abitato al mondo! E’ un museo “vivente”, sia perchè fisicamente abitato da 200 persone, sia perchè in continua e costante evoluzione. Il MAAM nasce nel 2009, quando un folto gruppo di migranti e precari provenienti da tutto il mondo occupa l’ex stabilimento della Fiorucci (ormai abbandonato) su Via Prenestina. Da allora tanti artisti hanno iniziato ad appoggiare la causa del movimento romano che ha firmato l’occupazione (i Blocchi Precari Metropolitani) e a creare opere e/o installazioni all’interno della fabbrica per proteggerla dall’imminente sgombero coatto (ad oggi non ancora avvenuto per fortuna!). Oggi il MAAM custodisce al suo interno più di 400 opere, tra le quali spicca la “Venere degli Stracci” di Michelangelo Pistoletto!!

MAAM

Via Prenestina 913

Aperto al pubblico solo il sabato

Potrebbe interessarti anche:  Il MAAM di Roma, quando l'arte è difesa

Roma Insolita - MAAM

Roma Insolita - MAAM

2 – Museo condominiale di Tor Marancia

Come avviene già da diverso tempo in tante altre città europee, anche a Roma negli ultimi anni sono nati diversi progetti di riqualificazione urbana, sociale e culturale che hanno avuto come focus la street art. Tra gli esempi più interessanti c’è sicuramente il Museo condominiale di Tor Marancia, nato nel 2014 grazie a un Protocollo d’Intesa fra l’Ater del Comune di Roma, l’Associazione Culturale 999 e il Municipio VIII. Il progetto è stato pensato con la convinzione che l’arte pubblica possa essere un elemento integrante della rigenerazione dell’edilizia residenziale pubblica e della crescita culturale del suo tessuto sociale. Su 11 edifici di edilizia popolare a Tor Marancia 22 artisti provenienti da 10 Paesi diversi hanno quindi realizzato le loro opere, trasformando il quartiere in un bellissimo museo condominiale.

Museo condominiale di Tor Marancia

Viale Tor Marancia 63

Aperto 24h su 24h

Roma Insolita - Museo condominiale di Tor Marancia

Roma Insolita - Museo condominiale di Tor Marancia

3 – Casa Museo H.C. Andersen

La Casa Museo Hendrik Christian Andersen si trova nel quartiere Flaminio, in un palazzo che fu costruito tra il 1922 e il 1925 su disegno dello stesso artista norvegese naturalizzato americano. L’edificio è stato lasciato in eredità dall’artista allo stato italiano nel 1940 e dal 1999 fa parte dei musei gestiti dal Polo museale del Lazio. Più che un museo, si tratta di una gipsoteca dove sono esposte le monumentali statue, i busti-ritratto e i disegni-progetto che Andersen fece per il World Center of Communication, un centro che si sarebbe dovuto realizzare vicino Ostia (e che non fu però mai realizzato). Al piano terra ci sono la Galleria, ovvero la sala di rappresentanza espositiva, e lo Studio, ovvero l’atelier per l’ideazione delle opere e la modellazione delle forme. Si visita anche l’appartamento dell’artista al primo piano che ora viene utilizzato per mostre temporanee. Io adoro le gipsoteche e l’ho trovato molto bello.

Museo H.C. Andersen

Via Pasquale Stanislao Mancini, 20

Aperto da martedì a domenica ore 9.30 – 19.30

Ingresso gratuito

Roma insolita - Museo Andersen

4 – La Garbatella

Il quartiere della Garbatella è ‘chiuso’ tra via Ostiense e via Cristoforo Colombo ed è una sorta di “quartiere paese” staccato dai turistici rioni centrali di Roma e da altre zone della città molto più caotiche. Nasce infatti come borgata-giardino nel 1920 per creare degli alloggi a bassa densità edilizia e circondati dal verde per il ceto operaio che lavorava nel vicino polo industriale di via Ostiense. L’architettura usata si chiama barocchetto e si rifà all’architettura romana minore del ‘500 e del ‘700. La Garbatella oggi è ancora un quartiere dall’animo popolare, e se andate a passeggiare nel dedalo di vie che partono da Piazza Brin non vi sembrerà di essere a Roma, ma in una piccola cittadina fatta di villette con giardino. Se cercate la romanità vera…è il posto che fa per voi!

La Garbatella

Piazza Brin

Aperto 24h su 24h

Potrebbe interessarti anche:  Roma alternativa: i quartieri più cool

Roma Insolita - Garbatella

Roma Insolita - Garbatella

5 – Museo della Mente

Ci sono dei luoghi che a visitarli fanno male al cuore, e il Museo della Mente è sicuramente uno di questi. Questo museo si trova in uno dei padiglioni del complesso ospedaliero Santa Maria della Pietà; nato come ospedale dei poveri forestieri e dei pazzi, divenne poi un manicomio e chiuse dopo circa cinquecento anni di attività grazie alla legge Basaglia del 1978. Il Museo nasce dalla collaborazione con Studio Azzurro e si pone l’obiettivo di documentare la storia del manicomio e avviare una riflessione attorno al tema della diversità e dell’esclusione sociale. Il percorso della visita si articola in 7 aree, dedicate alla percezione della malattia mentale, alla vita interna degli istituti ospedalieri, alle metodologie cliniche e alla figura di Franco Basaglia. Queste isole tematiche si sviluppano sia all’interno che all’esterno e, oltre alle opere di Studio Azzurro, il museo raccoglie le collezioni scientifiche e i reperti storici appartenenti all’ex manicomio, dalle dotazioni della farmacia alle strumentazioni medico sanitarie e di ricerca scientifica. Si esce distrutti ma più consapevoli ed empatici verso le condizioni di sofferenza (cosa non da poco..soprattutto in questo momento storico).

Museo della Mente

Padiglione 6 – Piazza Santa Maria della Pietà 5

Aperto da lunedì a sabato 9.00-17.00

Biglietto 7 euro

Roma insolita - Museo della Mente

Roma insolita - Museo della Mente

6 –Centrale Montemartini

Tra i luoghi della Roma insolita, lei non poteva mancare! La Centrale Montemartini è stato il primo impianto pubblico di produzione dell’elettricità a Roma all’inizio del ‘900 e, dopo la ristrutturazione avvenuta del 1997, è diventato uno straordinario esempio di archeologia industriale riconvertita in sede museale. In una parte degli ambienti, in un suggestivo affiancamento tra macchinari in ghisa e reperti di terracotta, bronzo e mosaici, sono esposti tantissimi capolavori che facevano parte dei Musei Capitolini e dell’ex Antiquarium comunale rimasti chiusi per decenni nei magazzini per mancanza di spazio. Questo museo è di una bellezza imbarazzante, è uno dei miei preferiti in assoluto, e ancora non mi spiego perché sia un museo davvero poco visitato (anche se il fatto di vederlo praticamente da soli non ha prezzo!).

Centrale Montemartini

Via Ostiense 106

Aperto da martedì a domenica 9.00-19.00

Biglietto 7,5 euro

roma

roma

7 – L’EUR e la Nuvola di Fuksas

Il quartiere dell’EUR (Esposizione Universale di Roma) è nato come città-satellite voluta da Mussolini in occasione dell’Esposizione Universale di Roma che avrebbe dovuto svolgersi nel 1941-42, i cui lavori però furono sospesi a causa dello scoppio della guerra. L’esposizione infatti non ebbe mai luogo. Gran parte dei giganteschi edifici in stile fascista fu però completata negli anni’50 e il quartiere oggi ospita degli edifici molto interessanti sedi principalmente di musei, banche e ministeri. Tra gli edifici più belli c’è sicuramente il Palazzo della Civiltà del Lavoro chiamato anche ‘colosseo quadrato’, acquistato da Fendi pochi anni fa e divenuto il suo headquarter; ogni tanto ci organizzano delle mostre ed è possibile visitarlo. Non lontano da lì c’è poi la famosa Nuvola, ovvero il Roma Convention Center, una futuristica (ormai non troppo) struttura congressuale internazionale progettata da Massimiliano e Doriana Fuksas, finalmente completata dopo anni di polemiche.

Nuvola (Roma Convention Center)

Via Asia 40

Aperto solo durante aperture straordinarie, eventi o fiere

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Roma in un giorno

Roma Insolita - colosseo quadrato

Roma Insolita - la Nuvola

8 – Cimitero acattolico

I romani spesso lo chiamano il cimitero inglese perché vi sono sepolte perlopiù persone protestanti, ma in realtà è un cimitero acattolico e ospita anche le tombe di illustri personaggi atei o di religione greco-ortodossa. È una specie di giardino segreto proprio alle spalle della piramide Cestia, dove inizia il quartiere di Testaccio. Qui vi sono sepolti Gadda, Goethe, Gramsci, Miriam Mafai, Keats, e molti altri poeti, scrittori e personaggi illustri. Alcune tombe sono veramente spettacolari e camminando sotto questi enormi pini marittimi in compagnia dei gatti, si respira un’incredibile aria di pace. Anche vari membri della famiglia Bulgari (di religione greco-ortodossa) sono sepolti qui e proprio da Bulgari è stata lanciata una sottoscrizione per restaurare il cimitero.

Cimitero acattolico

Via Caio Cestio 5

Aperto da lunedì a sabato 9.00-18.00

Ingresso gratuito – donazione gradita

roma

9 – Chiesa di Santo Stefano Rotondo

La chiesa di Santo Stefano Rotondo si trova nel quartiere del Celio, dove in epoca imperiale (ma anche oggi) risiedevano molti cittadini benestanti. È una piccola chiesa del V secolo davvero unica perché, insieme al Mausoleo di Santa Costanza, è l’unica chiesa a pianta rotonda di Roma. Internamente ha due anelli di granito antico e colonne di marmo con delle bellissime decorazioni che illustrano i vari tipi di martirio subiti dai santi. Un altro luogo della Roma insolita che non potete perdervi!

Chiesa di Santo Stefano Rotondo

Via di Santo Stefano Rotondo 7

Aperta da martedì a domenica 10.00-13.00 e 14:00-17:00 (inverno) – 15:30-18:30 (estate)

Roma insolita - Santo stefano rotondo

10 – Il ghetto e la sinagoga

La presenza degli ebrei a Roma risale a un’ondata di immigrazione del II secolo a.C., si tratta della più antica comunità ebraica europea tuttora esistente. Ci fu un tempo in cui si contavano 13 sinagoghe in tutta Roma, ma nei vari secoli, a seconda di chi era al potere, gli ebrei furono spesso vittime delle persecuzioni. La situazione volse al peggio nel 1555 quando Paolo IV obbligò gli ebrei a vivere confinati nel Ghetto; quest’ultimo venne poi smantellato nel 1888 ma l’identità religiosa e culturale degli ebrei romani è sopravvissuta intatta fino ad oggi. Oggi il Ghetto è una delle zone più caratteristiche del centro di Roma, con le case che hanno inglobato resti di dimore romane e medievali e una moltitudine di trattorie dove potete mangiare la vera cucina romana (come i famosi carciofi alla giudia..che si chiamano così non per caso). Il fulcro del Ghetto è il Portico d’Ottavia, costruito da Augusto, che ospitò dal Medioevo a fine ‘800 il mercato del pesce di Roma. Poco distante c’è poi il Tempio Maggiore, la prima sinagoga monumentale di Roma (1904), con al suo interno il Museo dell’Arte Ebraica. Una curiosità, sono state girate qui molte scene del film “La finestra di fronte” di F. Ozpetek.

Sinagoga e Museo di Arte Ebraica

Lungotevere de Cenci

Aperto da domenica a giovedì 9:00-17:00 / venerdì 9:00-14:00

Chiuso il sabato e durante le festività ebraiche

Potrebbe interessarti anche:  Dove mangiare a Roma: i ristoranti tipici più buoni

Roma insolita - sinagoga

Roma insolita - Sinagoga

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.