BeBorghi | Itinerario in Sicilia Orientale (con cartina): tutti i luoghi da non perdere

Itinerario in Sicilia Orientale (con cartina): tutti i luoghi da non perdere

Scritto da  on 
5 Maggio 2021
  • Piazza Duomo Catania

Dopo l’articolo sulla Sicilia Occidentale è il momento di parlare dell’altro lato dell’isola, della costa sud-orientale. La Sicilia sud-orientale, con Taormina, Siracusa e Noto, è di gran lunga la zona più gettonata della Sicilia, e soprattutto negli ultimi anni, una delle più gettonate d’Italia in assoluto, soprattutto durante la stagione estiva. Un viaggio in Sicilia Orientale di fatto offre davvero tutto: delle città d’arte che tutto il mondo ci invidia, un mare bellissimo, la natura e, non da ultime, una cucina incredibile e la grande solarità e ospitalità dei siciliani. Io ci sono stata diverse volte, ma solo lo scorso anno ho deciso di seguire un itinerario in Sicilia Orientale e visitarla in maniera più “sistematica” diciamo. I luoghi che vi consiglierò di visitare riuscite a vederli in 1 settimana, ma se avete più tempo non avrete di che annoiarvi! Le cose da vedere e da fare in Sicilia Orientale sono veramente tantissime. L’itinerario parte da Catania perchè la maggior parte delle persone (me inclusa) arriverà in Sicilia con l’aereo, e l’aeroporto principale della Sicilia Orientale è quello di Catania. 

Cartina Sicilia Orientale

Come spostarsi in Sicilia Orientale

La prima cosa fondamentale da fare quando si arriva in Sicilia è affittare una macchina. Potrebbe essere sicuramente più emozionante girarla con i mezzi pubblici come si fa in molti paesi del mondo, ma, a meno che non abbiate diversi mesi a disposizione, ci dovrete rinunciare. I mezzi pubblici (così come le infrastrutture) sono decisamente pochi ed in pessimo stato. Per il noleggio auto ho usato il sito di Rentalcars ed ho ritirato e riconsegnato la macchina all’Aeroporto di Catania. Per evitare fregature comunque, ricordatevi di controllare sempre il voto e le recensioni che gli utenti danno alle varie compagnie di autonoleggio. Li trovate sul sito stesso di Rentalcars, ma potete fare un doppio controllo anche su Trustpilot

Sicilia Orientale: cosa vedere in 1 settimana 

Catania e l’Etna

Il nostro itinerario on-the-road per la Sicilia Orientale parte da Catania, la seconda città più grande dell’isola dopo Palermo. Il suo centro storico è pieno di magnifici edifici barocchi, di chiese monumentali, di teatri (romani e non) e di mercati ed ha una vivacissima vita notturna. Catania infatti è una città universitaria e accoglie tantissimi studenti provenienti da ogni parte della Sicilia. La scenografia in cui è inserita è di tutto rispetto, con l’Etna che veglia (o incombe) a nord, e il legame della città al suo vulcano è evidente; perfino la strada principale della città porta il suo nome (Via Etnea)! Con i suoi 3323 mt l’Etna è il più alto vulcano attivo terrestre dell’Euro-Asia ed è visibile da tutta la Sicilia nord-orientale. Essendo un vulcano attivo non sempre è possibile avvicinarsi al cratere principale, ma l’escursione sull’Etna è sicuramente una delle gite più belle che si possano fare in Sicilia. Trovate tutte le info dettagliate su Catania e sull’escursione sull’Etna nell’articolo “Cosa vedere a Catania e dintorni”.

Dove dormire a Catania: B&B Palazzo Bruca

Trovate tutte le info dettagliate su Catania e sull’escursione sull’Etna nell’articolo “Cosa vedere a Catania e dintorni

cosa vedere a Catania- Chiesa della Badia di S.Agata
Catania - Sicilia Orientale
Escursione sull'Etna

Siracusa

Da Catania proseguiamo il nostro viaggio nella Sicilia Sud-Orientale facendo tappa a Siracusa. Grazie alla sua posizione, con un porto naturale e l’accesso alle rotte commerciali nel Mediterraneo, Siracusa impose il suo dominio sulle altre città della Sicilia per più di 500 anni. Nel periodo di massima fioritura, la popolazione era tre volte quella attuale e Siracusa era la maggiore potenza europea. Questa storia così importante si riflette in una grande quantità di monumenti, che vanno dall’epoca greca, a quella romana fino a quella medievale, rinascimentale e barocca. Cuore pulsante della città è l’isola di Ortigia, dove ci sono diverse case signorili medievali e barocche, il Duomo, alcuni resti di epoca ellenistica e il Castello Maniace sulla punta. Il tutto è circondato dal mare e non mancano anche delle piccole spiagge o zone balneari di tutto rispetto. Una curiosità, vennero girate ad Ortigia molte scene del film “Malena” di Tornatore. 

Cosa vedere a Siracusa e dintorni

  • Parco Archeologico di Neapolis: la zona archeologica di Siracusa si trova sulla terraferma, leggermente all’interno, e conteneva la maggior parte delle strutture sociali, religiose dell’antica città greco-romana: teatri, altari e santuari. All’interno del parco non potete perdervi il famosissimo Teatro Greco, le rovine dell’anfiteatro romano e l’Orecchio di Dioniso. Biglietto 10 euro. 
  • Catacombe della Basilica di S. Giovanni: questo è un luogo che ho trovato particolarmente affascinante devo dire. Parliamo delle rovine dell’antica cattedrale di Siracusa, sotto la quale si trovano delle catacombe grandissime, un labirinto di corridoi in cui vennero sepolti i cristiani e S. Marciano, vescovo della città. Per visitarle bisogna partecipare ad una visita guidata (consigliatissima! Partono ogni 30’ – il costo è di 8 euro). Si trovano sulla terraferma, fuori da Ortigia. 
  • Tempio di Apollo: la vedrete appena attraverserete il ponte che separa Ortigia dalla Terraferma. Ci sono i resti di un grandissimo tempio dorico (VII sec), di cui si riesce a capire al magnificenza. 
  • Duomo di Siracusa: questo sito era già consacrato quando i greci iniziarono a costruire il tempio di Atena nel 530 a.C. Quest’ultimo venne poi trasformato in chiesa cristiana nel 640 d.C. L’interno è barocco, ma abbastanza sobrio. 
  • Ipogeo di Piazza Duomo: non è sempre aperto, ma se lo trovate aperto, entrate (5 euro)! L’ingresso è accanto al Duomo.Una serie di tunnel sotterranei e cisterne antiche che vennero usati dai siracusani come rifugio anti-aereo durante la II Guerra Mondiale.
  • Fonte Aretusa: questa sorgente vicino al mare era menzionata già dall’oracolo di Delfi e condusse i primi coloni greci a Siracusa. Le leggende su questa fonte sono tantissime e, con i papiri, le papere e i pesci, è una tappa obbligata ad Ortigia (anche una delle più fotografate!). 
  • Castello Maniace: un baluardo difensivo fatto costruire da Federico II nel 1239, che si trova sulla punta di Ortigia (biglietto per 4 euro). 
  • Riserva Naturale di Pantalica: Se avete tempo vale la pena visitare questa riserva naturale che si trova a 40 km da Siracusa. Qui c’è la necropoli più grande della Sicilia, all’interno di una gola profonda del fiume Anapo. È un luogo straordinario dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Per apprezzarla appieno vi consiglio di partecipare ad un tour guidato

Dove dormire a Siracusa: Maison Ortigia

Potrebbe interessarti questo TOUR :alla Riserva Naturale di Pantalica

Ortigia -Siracusa - Sicilia Orientale
Ortigia - Siracusa - Sicilia Orientale
Castello Maniace - Siracusa - Sicilia Orientale

Noto e l’Oasi di Vendicari

Una tappa da non perdere di un itinerario nella Sicilia Orientale è sicuramente Noto, centro dell’omonima valle. Noto ha uno dei più bei centri storici della Sicilia e negli ultimi anni (complice forse anche il matrimonio dei Ferragnez) è diventata una delle mete più gettonate dell’isola. Completamente distrutta dal terremoto del 1693 (come buona parte delle città della Sicilia Orientale), Noto fu ricostruita a tempo di record e il risultato è davvero splendido! Alla sua ricostruzione lavorarono i più grandi architetti e progettisti del periodo d’oro del barocco siciliano (come Rosario Gagliardi ad esempio, che progettò anche le bellissime chiese di Modica e di Ragusa) e il suo centro storico ha splendidi palazzi e chiese incredibili. 

Se siete interessati alla natura e magari volete fare anche un pò di mare vi consiglio di andare circa 10 km a sud di Noto, dove c’è l’Oasi di Vendicari. Questa riserva naturale è fatta di paludi, lagune, dune e saline e al suo interno comprende anche diverse spiagge (non attrezzate, dovete portarvi tutto!) come la spiaggia di Calamosche, quella di San Lorenzo o quella di Vendicari (che si trova accanto alla vecchia tonnara..senza tetto ma molto suggestiva!). Per apprezzarla al meglio vi consiglio questo trekking guidato. Trovate tutte le info dettagliate su Noto e i suoi dintorni in questo articolo (inclusa l’escursione all’Oasi di Vendicari). 

Dove dormire a Noto: A Calata B&B

Trovate tutte le info dettagliate su Noto e i suoi dintorni in questo articolo (inclusa l’escursione all’Oasi di Vendicari). 

Noto - S.Francesco
Noto - Via Nicolaci
Noto - cupola di S. Carlo

Marzamemi e Ispica

Da Noto scendiamo poi verso il mare per raggiungere Marzamemi, una delle località più fotografate della zona, soprattutto la sua piazzetta quadrata. Parliamo di un piccolo borgo con una vecchia tonnara rinomato, ancora oggi, per i piatti a base di tonno (potrete comprarlo da Campisi, il produttore più famoso della Sicilia). La piazza della tonnara è stata ristrutturata e pullula di bar e di ristoranti, alcuni dei quali hanno anche l’affaccio sul mare (come “La Cialoma” per esempio). Veniteci per pranzo o al tramonto per un aperitivo sul mare (in 1h avrete visto tutto comunque!). Procedendo da Marzamemi verso Modica vale poi la pena fare una sosta nella piccola cittadina di Ispica, sia per vedere il bel loggiato del Sinatra davanti alla Basilica di Santa Maria Maggiore, che le abitazioni rupestri nella gola di Cava d’Ispica. Questa gola è lunga 13 km e potrete raggiungerla anche a piedi  partendo da Ispica o dalla sezione settentrionale, a Cava d’Ispica Nord, più verso Modica. Da quest’ultimo ingresso c’è un sentiero panoramico che scende nella gola tramite il quale si accede poi alle catacombe e alle tombe rupestri. La particolarità della piazza del loggiato del Sinatra è invece la sua forma, ellittica, davvero unica. 

Potrebbe interessarti anche:  10 bellissimi agriturismi con piscina in Sicilia
Marzamemi - Sicilia sud-orientale
Marzamemi - La Caloma -  Sicilia sud-orientale
Ispica -  Sicilia sud-orientale

Modica e Scicli

Penso di poterlo dire con serenità, Modica è, senza ombra di dubbio, il posto che mi è piaciuto e che mi ha stupito di più del mio itinerario in Sicilia Orientale. Mi sono fermata due notti e avrei voluto fermarmi ancora di più! Ho amato il suo essere sviluppata su più colli (c’è infatti una Modica Alta e una Modica Bassa, da cui si godono panorami fantastici), la sua grande eredità tardo barocca, il cibo incredibile dei suoi ristoranti, la cioccolata, le terrazze e le sue viste notturne. Modica mi è sembrata anche una città molto viva (a differenza di Ragusa ad esempio), piccolina ma piena di bar e ristoranti frequentati dalla gente del posto; una città sicuramente organizzata per i turisti ma non solo. Le ho dedicato un articolo intero “Cosa vedere a Modica e dintorni. Tra le cose da vedere nei dintorni di Modica c’è sicuramente anche il pittoresco paesino di Scicli. Se avete visto la serie di Montalbano in TV avrete un certo deja vù perchè il Municipio di Scicli compare in tutti gli episodi come il commissariato di polizia. Il Municipio si apre su Via Mormorina Penna, la via più scenografica di Scicli su cui si trovano gli edifici più importanti e belli della cittadina. Non lontano c’è Palazzo Beneventano, il capolavoro barocco di Scicli, adornato di mostri deformati da ghigni grotteschi. Salendo i gradini che partono proprio accanto si raggiunge poi la chiesa abbandonata di San Matteo da cui si gode una bella vista della città.  I fan di Montalbano sicuramente possono valutare questo tour sui luoghi della serie TV, dove si visitano tutte le location del film (il tour parte da Siracusa).

Dove dormire a Modica: Le Magnolie Hotel

Trovate tutte le info dettagliate su Modica e i suoi dintorni in questo articolo

Cosa vedere a Modica-San Giorgio
Cosa vedere a Modica- San Pietro
Scicli - Sicilia sud-Orientale

Ragusa e Punta Secca

Un’altra tappa obbligata di qualsiasi itinerario in Sicilia Orientale è Ragusa, più esattamente Ragusa Ibla, la città antica. Distrutta dal terremoto del 1693, questa parte della città venne inizialmente abbandonata e ne venne costruita una nuova, Ragusa (o Ragusa Superiore). Gli abitanti di Ragusa Ibla però pian piano la ricostruirono mantenendo il suo vecchio impianto medievale fatto di viuzze che si inerpicano sullo sperone roccioso e questa parte della città venne riunita a quella nuova. Se devo essere sincera a me ha ricordato parecchio Matera, soprattutto le vedute di Ragusa Ibla che si aprono da Santa Maria della Scala a Ragusa Superiore. La piazza centrale di Ragusa Ibla è molto bella, è in pendenza, e ospita la chiesa di San Giorgio, ma vale la pena gironzolare tra i vicoli di tutta la cittadina per apprezzarla appieno. Spostatevi poi a Ragusa Superiore per avere le vedute “da cartolina” di Ragusa Ibla. 

Se fate questo viaggio in estate e volete farvi anche un pò di mare nei dintorni di Ragusa vi consiglio di andare o a Punta Secca o a Sampieri. Punta Secca è un piccolo borgo di mare con la spiaggia dove si trova la casa di Montalbano (quella sulla spiaggia, a Marinella) nella fiction TV. Qui vi consiglio di andarci nel pomeriggio e rimanere a vedere il tramonto perchè ci sono un paio di bar che hanno una vista incredibile. Sampieri è un altro paesino caratteristico con una bella spiaggia e qualche lido attrezzato. Se amate l’archeologia industriale non perdetevi i ruderi della vecchia Fornace Penna, che si vede anche dalla spiaggia (anche qui hanno girato alcune scene di Montalbano..).

Ragusa Ibla - Sicilia Orientale
Ragusa - Sicilia Orientale
Fornace Penna - Sicilia Orientale

Agrigento e Favara

Non ci si può nascondere dietro ad un dito, si viene ad Agrigento solo per visitare la Valle dei Templi, e direi che questa visita è anche il fulcro di tutti i viaggi in Sicilia Orientale. Quello che resta dell’antica Akragas rappresenta le rovine greche più affascinanti della Sicilia e dell’Italia intera; Akragas era una delle città più ricche e potenti della Sicilia e lo si capisce bene vedendo l’estensione, la qualità e quantità dei templi che si trovano solo nell’area sacra (che corrisponde appunto all’attuale Valle dei Templi). Una delle cose che mi ha affascinato di più, oltre alla bellezza oggettiva dei templi, è il fatto che quest’area è stata popolata ed utilizzata per diversi secoli sia prima che dopo il periodo greco e ne sono testimonianza, tra le altre, le necropoli medievali che si trovano lungo tutta la via Sacra. Il tempio più impressionante è indubbiamente il Tempio della Concordia, il più integro, che si trova nella zona Orientale. Risalente al 430 a.C., si trova a metà della via sacra ed è il simbolo della Valle dei Templi. Accanto c’è anche una bellissima scultura in bronzo di Mitoraj, l’Icaro Caduto. Anche ad Agrigento e i suoi dintorni ho dedicato un articolo intero (“Cosa vedere ad Agrigento e dintorni”) dove trovate tutte le info pratiche per visitare La Valle dei Templi, Favara e la Scala dei Turchi.

Gli amanti dell’arte e della street art non possono perdersi il  Farm Cultural Park di Favara, alle porte di Agrigento. Parliamo di un progetto artistico nato nel 2010 dall’esigenza personale di Florinda e Andrea di far crescere le proprie figlie in un contesto stimolante e creativo, e si sviluppa principalmente in 7 cortili comunicanti nel centro di Favara. L’intento è quello di recuperare piano piano tutto il centro storico di Favara e trasformare il paese nella seconda attrazione turistica della provincia di Agrigento dopo la Valle dei Templi. Oggi alcuni palazzi ristrutturati che si trovano tra questi 7 cortili ospitano mostre ed esposizioni (sia permanenti che temporanee) e tanti artisti sono venuti qui per contribuire alla causa. Il centro culturale è molto bello e interessante e all’interno include anche un bar, una pizzeria e un ostello. 

Dove dormire ad Agrigento: Le Terrazze di Pirandello:

Trovate tutte le info dettagliate su Agrigento, Favara e dintorni in questo articolo

Cosa vedere ad Agrigento- la Valle dei Templi
Favara - Farm Cultural Park
Sicilia Orientale - Scala dei Turchi

Taormina 

Questo itinerario in Sicilia Orientale finisce a Taormina, come ultima tappa di riavvicinamento a Catania. Taormina è la località di villeggiatura più  famosa e raffinata della Sicilia, ed è amata da decenni da scrittori, artisti e celebrità. È una località costosa ed esclusiva e, purtroppo, ha perso un bel pò della sua autenticità, soprattutto nel centro storico, ormai pieno di negozi acchiappa-turisti. Detto ciò, rimane una cittadina molto bella grazie alla sua invidiabile posizione geografica e ai suoi monumenti. Anche le spiaggie, che in realtà si trovano ai piedi del monte (non troppo vicino), sono molto belle. Per quanto riguarda la logistica, dovrete lasciare la macchina in uno dei parcheggi multipiano che si trovano lungo la strada d’accesso e poi andare a piedi (alcuni hanno una navetta gratuita per raggiungere il centro). Ma quali sono le cose da non perdere a Taormina?

Cosa vedere a Taormina

  • Teatro Greco: l’attrazione principale della città e uno dei monumenti imperdibili in un viaggio in Sicilia. Scavato nella collina, questo teatro greco (poi romano) ben conservato gode di una magnifica scenografia naturale, con la vista che spazia dalla costa sicula, a quella calabrese, alla vetta dell’Etna. 
  • Palazzo Corvaja: costruito dagli arabi come torre di difesa nel X secolo, oggi ospita il Museo Siciliano di Arti e Tradizioni Popolari. 
  • Piazza IX Aprile: il “balcone di Taormina”, con un panorama strabiliante sulla costa. Occhio ai prezzi dei bar se volete sedervi per godere del panorama!
  • Casa Cuseni: casa-museo che funziona come air bnb di charme. L’edificio e il suo giardino storico sono stati progettati da Frank Brangwyn e sono completi di 13 terrazze panoramiche, 7 fontane e piante rare.Gli interni della villa sono decorati con opere di Picasso, Henry Faulkner e altri maestri del XX secolo. La lista di ospiti famosi include il filosofo Bertrand Russell, il romanziere Roald Dahl e l’attrice Greta Garbo. È possibile visitarla partecipando ad una visita guidata (alle 11:00 in inglese, alle 16:00 in italiano). 
  • Castello Saraceno: se amate camminare potete raggiungere, sopra Taormina, la Madonna della Rocca con i ruderi del medievale Castello Saraceno. La vista da qui è pazzesca e al tramonto lo è ancora di più. 

Dove dormire a Taormina: B&B La Terrazza sul Mare

Teatro Greco - Taormina
Casa Cuseni - Taormina
Spiaggia di Isola Bella- Taormina

Itinerario in Sicilia Orientale di 7 giorni

  • Giorno 1:Catania 
  • Giorno 2: Siracusa
  • Giorno 3: la valle di Noto e Marzamemi
  • Giorno 4: Modica e Scicli
  • Giorno 5: Ragusa e Punta Secca
  • Giorno 6: Agrigento e Favara
  • Giorno 7: Taormina e ritorno a Catania

Itinerario in Sicilia Orientale di 10 o più giorni

  • Giorno 1:Catania 
  • Giorno 2: L’Etna
  • Giorno 3: Siracusa
  • Giorno 4: la valle di Noto e Marzamemi
  • Giorno 5: Modica e Scicli
  • Giorno 6: Ragusa e Punta Secca
  • Giorno 7: Caltagirone e Piazza Armerina
  • Giorno 8: Agrigento e Favara
  • Giorno 9: Taormina e Acireale
  • Giorno 10: Gole dell’Alcantara e ritorno a Catania
Gole dell'Alcantara - Sicilia Orientale

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli che ho scritto sulla Sicilia:

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.