BeBorghi | Cosa vedere in Costiera Amalfitana in 3 giorni o 5 giorni - Positano, Amalfi..

Cosa vedere in Costiera Amalfitana in 3 giorni o 5 giorni

Scritto da  on 
29 Novembre 2020
  • Image Not Found On Media Library

“La Costiera Amalfitana è un posto di sogno che non sembra vero” diceva Moravia e io sono d’accordo con lui. La Costiera Amalfitana è indubbiamente uno dei luoghi più belli e affascinanti d’Italia e non si fa fatica a capire perchè gli stranieri impazziscano per lei. I suoi paesaggi sono incredibili, con le montagne che si gettano a picco sul mare, i caratteristici borghi marinari e diversi hotel e ristoranti tra i più raffinati e lussuosi d’Italia. Un territorio a dir poco magico che si può esplorare anche in pochi giorni partendo da Napoli (naturalmente se ne avete di più..tanto meglio!). Io ho avuto la fortuna di tornarci dopo tanti anni, ospite di un’amica super local, e ho trascorso dei giorni davvero speciali! (Le ho anche promesso di non svelare proprio tutte le sue chicche..lol)

vista sulla costiera amalfitana

Quando andare in Costiera Amalfitana

Il periodo migliore per visitare la Costiera Amalfitana è sicuramente la primavera, con gli alberi di limoni fioriti e profumati, tutti i giardini in fiore e poca gente. In estate, soprattutto ad agosto, la Costiera può essere davvero affollata e potreste avere problemi di traffico (la strada è unica e molto stretta) di parcheggio e, soprattutto, prezzi proibitivi. Meglio settembre e ottobre, quando fa ancora caldo e la maggior parte dei turisti è già partita. In inverno le temperature sono abbastanza miti ma la maggior parte delle strutture è chiusa. 

Come muoversi in Costiera Amalfitana

Data la particolare conformazione geografica, la strada costiera che attraversa tutti i paesi è molto stretta e piena di curve quindi, nonostante le brevi distanze, gli spostamenti sono abbastanza lunghi. Anche i parcheggi scarseggiano e muoversi in macchina nella Costiera Amalfitana, soprattutto in estate o durante le feste, può rendere il vostro viaggio decisamente stressante. Il mio consiglio è quello di muoversi utilizzando il trasporto pubblico. I piccoli autobus della Sita Sud servono tutti i paesi della Costiera e hanno diverse tipologie di biglietti, così come gli aliscafi della Travelmar che collegano Positano, Amalfi, Minori, Maiori, Cetara e Salerno. In alternativa potete noleggiare uno scooter o una bici tramite siti come questo

Vespa - Come muoversi in Costiera Amalfitana

Dove dormire in Costiera Amalfitana

Se avete solo 3 giorni e 2 notti a disposizione vi conviene dormire una notte intorno a Positano/Praiano e un’altra a Ravello per evitare di fare avanti e indietro. Se avete più giorni invece potete tranquillamente fare base nello stesso posto e muovervi poi da lì per visitare un pò tutto. In questo secondo caso vi consiglierei Praiano perchè è abbastanza centrale e meno incasinato di Positano o Amalfi, oppure Atrani o Ravello. Dormire in Costiera Amalfitana costa molto (qui si trovano alcuni degli hotel più lussuosi ed esclusivi d’Italia) quindi per trovare strutture a prezzi umani dovrete necessariamente spostarvi un pò fuori. Potete provare a cercare verso l’interno in paesi come Agerola o Nocelle) o vicino Salerno, a Cetara, Erchie o Vietri sul Mare.  

  • Hotel Le Fioriere (Praiano): bell’hotel con terrazza spettacolare. 
  • Casa del Pescatore (Atrani): soluzione economica ma molto carina nel centro storico di Atrani.
  • Hotel Luna Convento (Amalfi): magnifico hotel ospitato in un antico convento risalente al XIII secolo.
  • Hotel Villa Cimbrone (Ravello): hotel da sogno circondato da un giardino inglese tra i più belli d’Italia. Ristorante stellato all’interno. 
  • Al Borgo Torello (Ravello): soluzione più economica ma molto carina e bucolica subito fuori il centro di Ravello.
Costiera Amalfitana - terrazza a Praiano

Cosa vedere in Costiera Amalfitana in 3 giorni

Con 3 giorni a disposizione riuscirete a vedere i borghi più famosi della Costiera Amalfitana (Positano, Praiano, Amalfi, Atrani e Ravello) e trascorrere magari qualche ora in spiaggia o camminando lungo il Sentiero degli Dei. 

Positano

Partendo da nord, da Napoli e Sorrento per intenderci, il primo paese della Costiera che incontrerete è anche il più famoso e pittoresco. Positano è una cascata verticale di casette color pastello nei toni del rosa e del giallo che si può esplorare scendendo e salendo da ripide scalinate e piccole vie adornate da piante e fiori. Lo scorcio più bello di Positano si gode dalla Spiaggia Grande, in barca dal mare, o dall’alto. La Spiaggia Grande è occupata da stabilimenti non propriamente economici con un piccolo pezzettino di spiaggia libera sempre molto affollato, ma è anche il posto dove si affacciano i ristoranti e i locali più famosi.  Se cercate una spiaggia un pò più tranquilla potete camminare fino alla spiaggia di Fornillo, salendo un discreto numero di gradini. Ma il bello di Positano consiste in realtà nel perdersi tra i suoi vicoli che si arrampicano sulla montagna, visitare la Chiesa di Santa Maria Assunta, fermarsi in qualche bottega artigiana o in bar. Una sosta obbligata è sicuramente alla Pasticceria La Zagara per mangiare la delizia al limone più buona di tutta la Costiera. Per l’aperitivo invece potete andare nel super esclusivo Franco’s bar (il bar dell’Hotel Le Sirenuse, uno dei più fotografati d’Italia) oppure al Music on the Rocks, praticamente l’unico locale notturno della Costiera. In entrambi i casi avrete una vista super su Positano e sul mare. 

Costiera Amalfitana - Gita in barca a Positano
Positano in Costiera Amalfitana

Il Sentiero degli Dei (da Agerola a Nocelle)

Se siete sportivi non potrete non farlo!! Il Sentiero degli Dei è considerato tra i sentieri escursionistici più belli d’Italia e pensate che è stato, per secoli, l’unica via di collegamento tra i borghi della Costiera Amalfitana! La strada costiera venne infatti realizzata soltanto nell’800 dai Borbone. Per anni il sentiero ha poi continuato ad essere usato come mulattiera, ma è solo in tempi recenti che è stato riscoperto e adeguato per farne un sentiero escursionistico. Il Sentiero degli Dei inizia da Bomerano, frazione di Agerola (ci sono dei bus che partono da Amalfi e fermano a Bomerano) e può essere percorso seguendo il percorso alto o quello basso. Il percorso alto parte da Bomerano e si conclude a Santa Maria Del Castello: è leggermente più difficile perché si sale in altezza. Il sentiero basso è quello che attraversa Nocelle, e la maggior parte dei turisti sceglie di percorrere proprio questo. Il panorama è lo stesso, con le rocce a picco sul mare e dei panorami pazzeschi sulla Costiera Amalfitana. Una volta arrivati a Nocelle potete poi raggiungere il centro di Positano tramite una lunga scalinata (1500 gradini) e circa 500 metri a piedi. In alternativa c’è il servizio autobus. Il Sentiero degli Dei può essere anche raggiunto da Praiano ma dovrete affrontare una lunga scalinata per arrivare al punto di partenza. Il sentiero è lungo circa 8 km e lo si percorre in 3-4 h di media. 

Sentiero degli Dei- Costiera Amalfitana

Praiano 

Praiano, insieme a Ravello, è il borgo che mi è piaciuto di più. A differenza di Positano ed Amalfi, è molto più tranquillo e meno caotico. Non ha un centro vero e proprio e le case sono sparse lungo il crinale di Monte St.Angelo, 120 mt sopra il livello del mare. Per raggiungere il mare, bisogna affrontare parecchi gradini, 300 per l’esattezza per raggiungere la bella spiaggia della Cavitella (prenotate un lettino con anticipo). Spostandosi un paio di chilometri verso sud c’è poi Marina di Praia, con una suggestiva spiaggetta ed un porticciolo da cui partono le barche per le escursioni. Qui, quelle che un tempo erano le case dei pescatori oggi ospitano dei ristoranti tra cui il Ristorante Da Armandino, molto noto in zona e molto buono. Andando ancora avanti troverete uno dei luoghi più istagrammati della Costiera, ovvero il fiordo di Furore con la microscopica Marina di Furore, un piccolissimo villaggio di pescatori che sorge in fondo al fiordo. Se capitate a Praiano in orario tramonto, non potete non andare a fare un aperitivo sul rooftop dell’Hotel Le Fioriere! Da qui vedrete il sole che tramonta con una vista da urlo su Positano e sul mare (prenotazione più che consigliata!). 

Praiano - Costiera Amalfitana
spiaggia a Praiano - Costiera Amalfitana
Fiordo di Furore

Amalfi

Un tempo potente Repubblica Marinara, Amalfi è insieme a Positano, il borgo più noto e più turistico della Costiera Amalfitana. Il cuore della cittadina è Piazza del Duomo, con lo splendido Duomo di S.Andrea in stile arabo-siciliano. Magnifica la sua facciata policroma così come il colossale portone in bronzo che fu realizzato a Costantinopoli e portato fin qui via mare. Dal lato sinistro del Duomo potrete poi accedere al Chiostro del Paradiso, un chiostro in stile moresco costruito nella seconda metà del ‘600 per accogliere le spoglie dei cittadini illustri di Amalfi. Molto carini anche i piccoli vicoli del centro storico, che potrete visitare in poco tempo, facendo magari una sosta nella storica Pasticceria Pansa per mangiare la famosa delizia al limone o la Santarosa (una sfogliatella ripiena di crema e ricotta). Per chi volesse fare un bagno c’è la Spiaggia Grande con tanti stabilimenti e un pezzettino di spiaggia libera. 

Atrani

Camminando lungo il lungomare di Amalfi verso sud, dopo la galleria si svelerà ai vostri occhi Atrani, il più piccolo comune italiano per superficie e uno dei Borghi più Belli d’Italia. Tutte le stradine del borgo partono dall’animata piazzetta con la Chiesa di S.Salvatore dè Bireto, che si trova proprio alle spalle dei portici e della bella spiaggia cittadina. Atrani è davvero un gioiellino; se volete stare vicino ad Amalfi ma lontani dalle orde di turisti..ecco..è proprio il posto che fa per voi. 

spiaggia di Amalfi
vicolo di Amalfi
spiaggia di Atrani - Costiera Amalfitana

Ravello

Il gioiello vero della Costiera Amalfitana per me è lei, Ravello, arroccata sulle colline sopra Amalfi, con giardini e ville di un’eleganza unica. Amata da personaggi del calibro di Richard Wagner, Virginia Woolf e D.H. Lawrence, Ravello è una cittadina raffinata ed elegante che ospita ogni estate il Ravello Festival, con concerti, balletti, mostre e performance di richiamo internazionale. Partite da Piazza Duomo, con la bella Cattedrale medievale per raggiungere l’ingresso di Villa Rufolo con la sua torre trecentesca. La villa fu costruita nel ‘700 per la ricca famiglia Rufolo e venne usata come residenza da numerosi papi e da Roberto D’Angiò, sovrano di Napoli. Ma la villa è famosa soprattutto per i suoi magnifici giardini creati dallo scozzese Scott Neville Reid a metà ‘800, con fiori rigogliosi e panorami superbi sul mare e sulla costa. Salendo un pò da Piazza Duomo c’è poi Villa Cimbrone, una villa che risale ai primi del ‘900, che oggi ospita un lussuoso Hotel di charme e un ristorante stellato. Magnifici anche qui i giardini all’inglese con la terrazza a strapiombo sul mare fiancheggiata da statue classiche. Fu in questa villa che si rifugiò Greta Garbo con il suo amante, ma la villa ebbe anche tanti altri ospiti illustri come Churchill e Salvador Dalì. 

Villa Ruffolo- Ravello
Villa Cimbrone - Ravello
Villa Cimbrone - Ravello

Cosa vedere in Costiera Amalfitana in 5 giorni

Avendo qualche giorno in più a disposizione scendendo verso Salerno potrete visitare Maiori e Minori, Cetara e Vietri sul Mare. Procedendo invece verso Napoli sicuramente vale la pena visitare Sorrento e Capri, magari con una gita in barca (in questo articolo trovate tutte le info). 

Maiori e Minori

Il piccolo borgo di Minori si trova pochi chilometri a sud di Amalfi, ma è raggiungibile anche a piedi con una camminata in discesa da Ravello di 1 km circa. Anticamente tra i luoghi di soggiorno prediletti dall’aristocrazia romana imperiale, oggi Minori è conosciuta soprattutto per la gastronomia che le ha valso il nome di Città del Gusto. Qui viene prodotta pasta di qualità sin dal Medioevo e la specialità sono gli scialatielli, che troverete nel menù di tutti i ristoranti locali. Quasi attaccata, a poco più di 1 km di distanza, c’è Maiori, che possiede la spiaggia più lunga dell’intera Costa Amalfitana (quasi 1 km di piano dovuto all’alluvione del 1954), caratterizzata da una sabbia scura di origine vulcanica e una spiaggia più piccola nella frazione di Erchie. 

Cetara

Alzi la mano chi non ama le alici! Cetara è un borgo marinaro molto pittoresco, ed è da sempre un paese di pescatori, non a caso il suo nome deriva dal latino Cetaria, tonnara, o da cetari, venditori di pesci grossi. Il prodotto per cui è più famosa è la colatura di alici, che è il ricavato della fermentazione delle alici messe a marinare, che si pensa derivi dal garum, un condimento romano. Vale la pena venire qui anche solo per mangiare ‘the original’ spaghetti con colatura di alici. 

Vietri sul Mare

L’ultimo borgo della Costiera Amalfitana è Vietri sul Mare, la capitale della ceramica campana, la cui produzione risale all’epoca romana. Verso il 1500/1600 venne poi avviata su scala industriale e divenne famosa in tutta Italia. Lo stile delle ceramiche di Vietri è caratterizzato da colori accesi, soprattutto nel giallo e nel blu. Per saperne di più potete visitare il Museo della Ceramica, nel vicino paese di Raito, che si trova all’interno di una bella villa con un parco.  

Vietri sul Mare - Ceramiche

Dove mangiare in Costiera Amalfitana

  • Buca di Bacco (Positano): bellissimo locale su più livelli con vista mare che si trova sul lungomare di Positano. Ottima cucina di pesce (ma non solo). 
  • La Taverna del Leone (Positano): cucina a vista e cibo eccellente per questo ristorante che si trova lungo la strada costiera, tra Positano e Praiano.
  • Da Adolfo (Positano): location mozzafiato e ottima cucina per questo ristorante che si trova incastonato nel fiordo di Laurito, una frazione di Positano. Lo si raggiunge vie mare con una navetta gratuita da Positano. 
  • Ristorante Risorgimento (Conca dei Marini): location molto bella, proprio sull’acqua, in una piccola baia. Lo si raggiunge via mare (o con tanti scalini) partendo da Praiano. Cucina di pesce alla buona con un ottimo rapporto qualità-prezzo. 
  • Trattoria Da Armandino (Marina di Praiano): ristorante con cucina autentica e tradizionale molto buona. Bellissima anche la vista e l’atmosfera. 
  • La Brace (Praiano): trattoria alla buona con vista mare, ottima la pizza, ma anche i primi e i secondi.
Ristorante Costiera Amalfitana
pizza

About

Autore
Valentina Borghi
Sono la fondatrice di questo blog. Sono anche una romana trapiantata a Milano tanti anni fa e viaggio praticamente da quando sono nata.
Come mi descriverei? Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover, gattara e curiosa di tutto (ma proprio TUTTO)

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.